Ferrara Buskers Festival: va in scena la musica di strada
Ferrara Buskers Festival ® (Ufficio Stampa CLP)
Ferrara Buskers Festival: va in scena la musica di strada
Italia

Ferrara Buskers Festival: va in scena la musica di strada

Dal 26 al 30 agosto 2020 torna il «Ferrara Buskers» Festival. Ad esibirsi in cinque location storiche della città le 15 migliori buskers band d'Europa

Una città splendida Ferrara. Col suo imponente Castello Estense, la cattedrale affacciata sulla piazza, le tortuose ed ombreggiate viuzze del vecchio ghetto ebraico. Una città vivace, anche se a misura d'uomo, con tanti locali, tante biciclette e gente che ama divertirsi.

Ed è qui, nel cuore pulsante dell'Emilia, che dal 26 al 30 agosto 2020 torna il «Ferrara Buskers Festival», Rassegna Internazionale del Musicista di Strada, ideato e diretto da Stefano Bottoni e giunto qest'anno alla sua 33esima edizione

Sarà un'edizione speciale, una «limited edition», che non si svolgerà - come in passato- nelle vie della città, ma si concentrerà in cinque location storiche (il Giardino di Palazzo dei Diamanti, il Cortile di Palazzo Crema, il Chiostro di San Paolo, il Cortile del Castello Estense e Palazzo Roverella), per garantire l'assoluta sicurezza degli artisti e del pubblico

A rendere ancora più unico il Festival targato 2020 una straordinaria anteprima prevista martedì 25 agosto a Comacchio, con esibizioni in luoghi particolarmente suggestivi della cittadina sul Delta del Po.

Ferrara Buskers Festival ® (Ufficio Stampa CLP)

I protagonisti

Protagonisti del «Ferrara Buskers Festival» saranno gli esordienti: Beranger (Australia, Francia), Giorgia Job (Italia), Hot Club Du Nax (Italia, Germania, Repubblica Ceca, Austria, Inghilterra), Level Spaces (Brasile, Australia), Sissos (Australia), ai quali si uniranno AmbraMarie (Italia), Cosmonautix (Germania, Ucraina, Kazakistan, Bulgaria), Daiana Lou (Italia), Enrico Cipollini Duo (Italia), Marco Sbarbati Duo (Italia), Ruperts Kitchen Orchestra (Germania), The Orange Beat (Italia, Olanda), The Trouble Notes (Stati Uniti, Regno Unito, Austria), Tribubu (Costa d'Avorio, Spagna), Tutto Good trio (Francia).

A chiudere la manifestazione, domenica 30 agosto, gli attesissimi concerti dei buskers d'oltreoceano che, non potendo partecipare fisicamente, eseguiranno i loro brani in streaming, trasmessi dal salotto live del Castello Estense, e sulle piattaforme social della rassegna, offrendo alla platea un giro del mondo musicale virtuale.

Un messaggio di speranza

Come ha dichiarato Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia-Romagna «La conferma di una manifestazione come il Ferrara Buskers Festival in un anno così difficile è molto significativa. Si tratta di un segnale di ripresa che deve dare coraggio a tutto il settore dello spettacolo e della cultura, tra i più penalizzati dalla pandemia. La cultura e i saperi saranno uno dei pilastri della ripartenza dell'Emilia-Romagna: rappresentano opportunità di lavoro, promozione dei territori e un valore sociale che non vogliamo disperdere»

Per il calendario completo del Festival, consultare il sito www.ferrarabuskers.com

Ti potrebbe piacere anche

I più letti