​Maximilian Viessmann, CEO del Gruppo Viessmann, e Stefania Brentaroli, Marketing Manager di Viessmann Italia
Viessmann
​Maximilian Viessmann, CEO del Gruppo Viessmann, e Stefania Brentaroli, Marketing Manager di Viessmann Italia
Tecnologia

La transizione energetica secondo il gruppo Viessmann

La multinazionale leader nelle soluzioni di climatizzazione presente in 74 paesi, quest'anno compie 105 anni. Nei prossimi tre anni investirà un miliardo di euro nel segmento pompe di calore e impianti sostenibili.

Fondato nel 1917, il Gruppo Viessmann festeggia quest’anno i 105 di attività: un anniversario di soddisfazione per un Gruppo in crescita, che ha conseguito nel 2021 un fatturato complessivo di 3,4 miliardi di euro ed è presente in 74 paesi (tra cui l'Italia).

Viessmann, per i meno addetti ai lavori, è fornitore leader di soluzioni di climatizzazione (riscaldamento, raffrescamento, trattamento dell’aria) e produzione autonoma di energia elettrica dall’ambito residenziale a quello industriale. Le soluzioni si basano su fonti di energia rinnovabili e sulla massima efficienza. Tutte le attività dell’azienda familiare si basano sulla mission: «We create living spaces for generations to come». Dare forma agli spazi abitativi per le generazioni future: questa è la responsabilità dei 13.000 membri della famiglia Viessmann nel mondo.

Per celebrare questo importante compleanno ultra centenario, il Board del Gruppo ha intrapreso un tour per incontrare i collaboratori presso varie delle proprie società, tra cui l’Italia. Pochi giorni fa, Stefano Dallabona, AD di Viessmann Italia, ha accolto Maximilian Viessmann, CEO del Gruppo, Thomas Heim, CEO della Divisione Climate Solutions, Frauke von Polier, CPO del Gruppo e Byung-Hun Park, Vice President Corporate Communications.

Nella diretta streaming per tutti i dipendenti, sono stati ribaditi i risultati eccezionali conseguiti dal Gruppo, e da Viessmann Italia in particolare, nel corso degli ultimi due anni e mezzo, nonostante le grandi problematiche rappresentate dalla pandemia e dalle difficoltà globali negli approvvigionamenti. È stata l’occasione per ribadire la mission dell’azienda di creare gli spazi abitativi per le generazioni future, e accanto a questa, l’obiettivo, determinato dai recenti avvenimenti politici mondiali, di accelerare ulteriormente e con decisione il percorso della transizione energetica e dell’indipendenza dai combustibili fossili.

Si inserisce in questa strategia la recente decisione del Gruppo di un investimento record di 1 miliardo di euro nei prossimi tre anni nel segmento delle pompe di calore e delle soluzioni sostenibili. Tra le varie tappe del Board c'è stata anche Legnica, in Polonia. qui è stata posta la prima pietra di un nuovo stabilimento di produzione di pompe di calore. Una volta completato nel 2023, lo stabilimento di 50.000 mq contribuirà in modo significativo al successo della transizione energetica, ma anche all'indipendenza dai combustibili fossili, in particolare dalle importazioni di gas russo.

I più letti