Un pacchetto di provvedimenti per rafforzare i confini dell'America è già pronto: sarà il primo atto di Donald Trump alla Casa Bianca, appena tre giorni dopo il suo insediamento di venerdì 20 gennaio.

- LEGGI ANCHE: Trump, gli ostacoli per la squadra di governo
- LEGGI ANCHE: Ecco come Trump trasforma il business in un reality show
- LEGGI ANCHE: Il dossier a luci rosse contro Trump

È lo stesso presidente eletto ad annunciarlo nella sua prima intervista a un media britannico, il Sunday Times, spiegando che ci saranno delle restrizioni sui viaggi negli Usa e che potrebbero riguardare anche i cittadini europei.

L'"errore catastrofico" di Angela Merkel
Nell'intervista, il tycoon definisce la linea della cancelliera tedesca Angela Merkel che - afferma - ha permesso l'ingresso di un milione di immigrati e rifugiati in Germania, "un errore catastrofico", aumentando di fatto in maniera esponenziale la minaccia terroristica in tutta l'Europa.

Spiega così che i provvedimenti che si appresta a firmare potrebbero comprendere anche restrizioni sugli europei che viaggiano negli Usa e "controlli estremi" per le persone che arrivano in America "da parti del mondo conosciute per la presenza del terrorismo islamico".

La Brexit? Una "grande cosa"
Ecco perchè, dal suo punto di vista, la Brexit è stata "una grande cosa" che - predice - farà da esempio ad altri Paesi del Vecchio Continente destinati anche loro ad abbandonare l'Unione europea.

Intanto annuncia che lavorerà subito ad un accordo con il Regno Unito, innanzitutto commerciale, e i primi passi verranno compiuti quando inviterà la premier britannica Theresa May alla Casa Bianca, subito dopo il suo insediamento.

Capitolo Russia
Trump ribadisce le sue aperture verso Mosca: "Dobbiamo cominciare a fidarci di Vladimir Putin", afferma, rivelando che proporrà al leader del Cremlino una riduzione degli arsenali nucleari in cambio di un allentamento delle sanzioni americane verso la Russia.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti