Cronaca

Bullismo nelle scuole: i numeri del fenomeno

Il 23% degli studenti italiani ha assistito ad atti di discriminazione, o ne è stato vittima. L'allarme nello studio dell'Università Cattolica di Milano

bullismo-ok

– Credits: IStock

Bullismo, spaccio e consumo di droghe, ma anche atti di discriminazione e forme di prepotenza. Secondo un sondaggio svolto presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, il 19,4% degli studenti italiani ha assistito ad atti di bullismo a scuola, mentre il 12,1% è stato testimone del consumo di stupefacenti da parte di coetanei o addirittura di episodi di spaccio di droga all’interno delle aree scolastiche. Ma il dato più preoccupante è la percentuale di studenti che denunciano di aver assistito ad atti di discriminazione (o di esserne stati vittime): oltre il 23%.

È il quadro preoccupante che emerge dal focus dedicato al mondo della scuola dal Rapporto Giovani 2016 realizzato dall’Istituto Toniolo, l'ente fondatore dell'Università Cattolica, con il sostegno di Intesa Sanpaolo e della Fondazione Cariplo. Un lavoro demoscopico svolto su un campione di circa 10 mila giovani tra i 18 e i 32 anni, al di là di orientamenti socio-politici e religiosi, in rappresentanza di tutte le regioni italiane.

VIOLENZE  E TOSSICODIPENDENZE
Tra gli intervistati, il 12,1% dichiara di aver assistito frequentemente allo spaccio o al consumo di sostanze stupefacenti, con una percentuale più alta nei giovani che hanno frequentato l’istruzione o la formazione professionale (16,2%) e residenti nel Centro Italia (14,5%) o nel Nord-Ovest (14,4%). Ma non solo. Oltre il 7,4% ha assistito frequentemente ad atti di furto (e solo il 48,6% mai), anche in questo caso con una prevalenza dei giovani che hanno svolto i percorsi di istruzione e formazione professionale (11,1%) e di chi vive nel Nord-Ovest (8,7%) e nel Centro (7,5%).

Dal Rapporto Giovani 2016 emerge che per quanto riguarda gli atti di prepotenza tra alunni, il 19,4% dei giovani, con una prevalenza dei maschi (20,4%) rispetto alle femmine (18,3%) ha dichiarato di avervi assistito frequentemente, mentre solo il 35,5% ha risposto "mai". Differenze significative si registrano in base alla scuola superiore frequentata, mentre i giovani che hanno studiato negli istituti professionali e nei tecnici hanno dichiarato nel 26,3% dei casi di avere assistito a gravi atti di prepotenza tra alunni, negli studenti che hanno frequentato altri indirizzi questa percentuale scende al 19,3% per arrivare al 16,1% nei licei. Tra gli studenti delle superiori i liceali sono in testa (19,4%); seguono gli studenti degli istituti professionali (18,1%) e quelli degli istituti tecnici (16%).

“Nel contesto scolastico – spiega Pierpaolo Triani, docente di scienze della formazione all’Università Cattolica del Sacro Cuore e uno dei curatori del Rapporto Giovani -  non mancano, come in ogni ambiente sociale, le difficoltà e le criticità. Accanto all’attenzione si può trovare il disinteresse, al rispetto la prepotenza, al dialogo la chiusura alle ragioni dell’altro, all’osservanza delle regole il tentativo di eluderle, alla collaborazione l’imposizione. Sebbene, fortunatamente, prevalgano gli aspetti positivi, i racconti quotidiani degli alunni e degli insegnanti e gli studi di settore ci parlano di difficoltà relazionali a scuola che possono trasformarsi e assumere anche caratteri di forte gravità”.
   
È LA DISCRIMINAZIONE IL MALE PIU' PERICOLOSO
Ancora in materia di prepotenza, non vi è invece una grande distanza tra le zone del paese, anche se i giovani che dichiarano di avere assistito ad atti di grave sopraffazione sono soprattutto quelli del Sud e delle Isole (20,3%), mentre all’ultimo posto si collocano i giovani del Nord-Est con il 17,6%. I giovani però dichiarano anche, nel 10,3% dei casi, di aver assistito frequentemente ad atti di grave prepotenza da parte di docenti o dirigenti nei confronti degli alunni e solo il 52,4% dichiara di non avervi assistito mai. La percentuale delle donne che ha risposto «frequentemente» (11,0%) è in questo caso superiore a quella dei maschi (9,7%). Anche in questo caso sono maggiormente i giovani che hanno frequentato i percorsi di istruzione e formazione professionale (12,3%) ad affermare di aver assistito spesso ad atti di prepotenza di docenti o dirigenti, seguono poi i liceali (10,6%) e gli studenti dei tecnici (8,5%).

Più della grave prepotenza, però, secondo i giovani, è presente nella scuola la discriminazione. Il 23,6% dei giovani (il 25% delle femmine e il 22,1% dei maschi) ha dichiarato di aver assistito ad atti di discriminazione tra gli alunni; il 15,7% (il 16,6% delle femmine e il 14,8% dei maschi) inoltre, ha assistito con frequenza a comportamenti discriminatori da parte dei docenti e dei dirigenti.

"In questi anni, a tal proposito - aggiunge Triani -  è andata crescendo (non senza punte di esagerazione) l’attenzione nei confronti del bullismo tra i ragazzi, fenomeno senz’altro presente nella scuola. Nonostante i dati sugli atti di prepotenza o di illegalità a scuola siano preoccupanti – aggiunge il docente - la scuola è considerata dagli studenti italiani un luogo positivo di socializzazione e per costruire solidi rapporti. Per questo motivo su questo tema erroneamente definito come bullismo occorre evitare indebite generalizzazioni”.

Tuttavia, secondo l'analisi del professor Triani, la “voce” che crea maggior preoccupazioni “è proprio la discriminazione, senza voler sminuire le forme di pericolosità che sono legate a bullismo e, ancora peggio, nello spaccio di  stupefacenti”. Discriminare, avverte il curatore del Rapporto, è un “male” che si insinua non solo tra i giovani, ma anche “nel rapporto tra studenti e docenti, con conseguenze a lungo andare fortemente dannose sul piano formativo ed evolutivo”. Da qui, l'appello dei responsabili della ricerca a “tutte le componenti scolastiche e alle istituzioni preposte a lavorare con più attenzione per cercare di almeno ridurre la presenza di simili mali nella scuola con programmi ancora più mirati e maggiore flessibilità curricolare, e, soprattutto, con più dialogo e vicinanza ai giovani”.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche