Musica

Nick the Nightfly: 10 anni di Blue Note

Intervista al musicista, deejay e direttore artistico del tempio del jazz milanese

Nick The Nightfly sulla cover del suo ultimo album, Nice one...

Dopo il primo storico Blue Note Jazz Club nato nel leggendario Greenwich Village di New York ed i Blue Note di Tokyo e Nagoya in Giappone, il 19 marzo del 2003 viene inaugurato il Blue Note Milano, dove per sei giorni la settimana è possibile ascoltare in un ambiente music friendly i più grandi artisti italiani ed internazionali della scena jazz, ma non solo.

Abbiamo incontrato Nick the Nightfly, dj, produttore, musicista e direttore artistico del Blue Note di Milano che ci ha parlato del nuovo cartellone del celebre jazz club: ‘In gennaio, dal 16 al 19 avremo il grande ritorno dei pionieri dell’acid jazz, gli Incognito, un gruppo straordinario, mentre il 22 ci sarà il grande e poliedrico Eumir Deodato. Ma troverete anche artisti italiani come Paolo Belli il 25 o l’istrionico Gennaro Cosmo Parlato il 20. A febbraio, il giorno di San Valentino ci sarà sempre il grande Ray Gelato che ci farà ballare e divertire con il suo swing travolgente, mentre dal 7 al 9 avremo l’esplosivo Billy Cobham, sicuramente il più importante batterista jazz-fusion. Inoltre il 17 avremo Living Coltrane, un concerto evento dedicato a John Coltrane con ospite Enrico Rava.

?Marzo sarà un mese importante perche ricorre il decimo anniversario del Blue Note. Per adesso vi posso dire che ci sarà Kurt  Elling, uno dei più famosi e acclamati jazz vocalist degli ultimi tempi. Ospiteremo anche un progetto molto originale, loro si chiamano 2cellos e rivisitano musica pop usando solamente i loro due violoncelli in modo molto originale. Sempre a marzo 2013 ospiteremo Chick Corea che ha inaugurato il Blue Note nel 2003 e che ritornerà per celebrare il compleanno con noi, ma vi assicuro che ci saranno tante altre sorprese’.

'C’è un team' prosegue Nick 'che lavora a stretto contatto con il Blue Note di New York per avere la disponibilità di artisti internazionali. Ma cerchiamo anche tra i circuiti nazionali andando a pescare gli artisti più originali e talentuosi perché noi cerchiamo sempre di portare musica di qualità a prescindere che sia italiana o estera. La cosa interessante del Blue Note è che trovi musica sempre diversa: jazz, funk, soul’.

Nick è celebre anche per le sue compilation: ‘io lavoro sempre sulla musica perche la musica è mia vita. Ma non è solo un lavoro, è una ricerca continua. Quando scelgo i brani per una compilation è come se fossi dal vivo a fare una serata a casa della gente oppure in un locale dove faccio il mio dj set oppure come quando sono in concerto. Devo creare una tracklist che catturi l’interesse della gente che mi ascolta. Seguo l’istinto e cerco di dare un’onda musicale che cresce dentro me. L’ultima compilation è The Nightfly Suite pubblicata da Sony Music e contiene 3 dischi corrispondenti a 3 diversi  mondi musicali, mentre il mio ultimo progetto da solista si chiama Nice One, ed è stato registrato con un quintetto formato dai maggiori jazzisti italiani’.

   
© Riproduzione Riservata

Commenti