Magnum P.I., il telefilm creato da Donald P. Bellisario e Glen A. Larson e interpretato da Tom Selleck, torna in tv: da lunedì 19 febbraio, le avventure dell’investigatore sciupafemmine che imperversava nei soleggiati boulevard delle Hawaii faranno di nuovo capolino sugli schermi degli italiani, su Spike, canale 49 del digitale terrestre. Ben due gli episodi della serie originale che verranno trasmessi ogni giorno, dal lunedì a venerdì alle 18.00, sul nuovo canale a target maschile di Viacom International Media Networks Italia

La serie - che tra il 1980 e il 1988 ha tenuto attaccato allo schermo milioni di telespettatori - racconta la storia di Thomas Sullivan Magnum IV, un ex reduce della guerra in Vietnam che decide di cambiare vita trasferendosi alle isole Hawaii. Qui, conosce Robin Masters, il ricco autore di best sellers che lo ospita nella sua megavilla, lasciandogli le chiavi della sua Ferrari, e decide di mettere a frutto le abilità accumulate durante gli anni di servizio militare lavorando come investigatore privato.

La lista degli aneddoti legati alla serie è davvero lunga. Ne abbiamo scelti dieci, i più significativi (ma anche i più curiosi).

1. Per interpretare Magnum, Tom Selleck ha rinunciato al ruolo di Indiana Jones

Si narra che George Lucas avesse messo gli occhi proprio su Tom Selleck per il ruolo dell’archeologo protagonista della saga. Gli obblighi contrattuali sottoscritti dall’attore con la produzione della serie gli impedirono però di accettare la parte. Che poi, come noto, andò ad Harrison Ford.

2. Il tema della sigla iniziale? Una hit mondiale

Magnum P.I. Theme, il tema della sigla iniziale del telefilm, ha scalato le classifiche musicali di tutto il mondo, toccando - nel 1982 - la posizione numero 25 della Billboard Hot 100 chart. Il pezzo è stato scritto da Mike Post, autore fra l’altro delle sigle di A-Team, The Rockford Files, Quantum Leap e The Greatest American Hero.

3. La voce di Robin Master è di… Orson Welles

Nella serie americana, la voce di Robin Master è di Orson Welles. L'identità del ricco autore di libri (che nella serie non compare mai integralmente) avrebbe dovuto essere mostrata nell'ultima puntata della serie, rivelando il volto di  Welles; l’attore però morì nel 1985 per arresto cardiaco, a poche settimane dalle riprese.

4. Quello strano incrocio con la signora in giallo

In un celebre episodio della settima stagione (Novel Connection) le vicende di Magnum P.I. si incrociano con quella di Jessica Fletcher, meglio conosciuta come la signora in giallo. Nell’episodio in questione Magnum viene arrestato per omicidio e l'unica persona che può scagionarlo è Jessica Fletcher, interpretata come sempre da Angela Lansbury.

5. Fra i (tanti) cameo c’è anche quello di Frank Sinatra

Magnum P.I. è fra le serie che vantano il maggior numero di apparizioni di attori e personaggi famosi. Oltre alla già citata Angela Lansbury (la signora in giallo), vale la pena ricordare Sharon Stone, Carol Brunet, Katherine Kelly Lang e soprattutto Frank Sinatra. The Voice appare in un episodio della settima serie denominato Laura, interpretando un sergente di polizia in pensione.

6. Due mogli sul set


Negli 8 anni delle riprese, Tom Selleck si è sposato due volte ed entrambe le mogli sono apparse nella serie. La prima consorte, Jacqueline Ray, è stata protagonista di un episodio intitolato "Birdman of Budapest", la seconda, l'attrice Jillie Mack, ha avuto una piccola parte in due episodi. I due sono ancora sposati e hanno una figlia, Hannah Margaret Selleck, di 20 anni.

7. Molto più di una macchina

Magnum P.I. non sarebbe stato lo stesso senza la “sua” Ferrari 308  GTS. Negli otto anni della serie sono stati impiegati diversi esemplari dell’auto, uno per ogni annata, molti dei quali venduti all’asta. L’ultima se l’è aggiudicata un acquirente anonimo dell’Arizona per la cifra di 181.500 dollari

8. Quel film che non è mai arrivato

L’idea di un film ispirato alle vicende del popolare investigatore privato continua ad alimentare i sogni degli appassionati della serie. Finora, però, non c’è stato mai nulla di concreto. In un’intervista di qualche anno fa, Tom Selleck ha rivelato di avere proposto a Universal la realizzazione di un lungometraggio scritto sulla base di un riadattamento di Tom Clancy, grande appassionato della serie.

9. Un’interpretazione da Golden Globe

L’interpretazione di Magnum P.I. è valsa a Tom Selleck un Emmy Awards e un Golden Globe. I riconoscimenti sono arrivati nel 1984 e nel 1985. Qualche anno prima, nel 1982, John Hillerman - l’Higgins della serie - aveva regalato alla produzione un altro Golden Globe come miglior attore non protagonista.

10. Un’ultima puntata da record

L’ultima puntata del telefilm, andata in onda nel maggio del 1988, è passata alla storia per il suo record di  ascolti. Si stima che più di 50 milioni di spettatori si siano sintonizzati davanti alla tv per vedere il gran finale della serie, quinto risultato di sempre dopo Cheers, M * A * S * H, Friends e Seinfeld. 


Segui Spike Italia sul sito www.spiketv.it e sugli account social ufficiali:

- Facebook www.facebook.com/SpikeItaliatv/

- Twitter @SpikeItalia 

- Instagram www.instagram.com/spikeitalia/

- Commenta con l’hashtag #SpikeTv e #MagnumPI

© Riproduzione Riservata