Collateral: foto, trailer e cose da sapere sulla miniserie thriller di Netflix

Carey Mulligan e Billie Piper in un thriller londinese firmato dall'autore di The Hours

Eugenio Spagnuolo

-

Il titolo di un (bel) film di Michael Mann con Tom Cruise potrebbe confondere le acque, ma bastano pochi fotogrammi a fugare ogni dubbio: Collateral, la nuova serie di Netflix, firmata da David Hare (The Hours, The Reader) e SJ Clarkson, in streaming dal 9 marzo, è tutta un’altra storia…

 

Che cosa vedremo in Collateral

Un rider viene ucciso mentre consegna una pizza nel sud di Londra. Il detective incaricato, Kip Glaspie (Carey Mulligan), scopre che il gestore della pizzeria ha inspiegabilmente inviato il profugo siriano Abdullah (Sam Otto) invece del regolare corriere. L'omicidio sembra professionale ma l'unico testimone, una giovane tossicodipendente svanisce nel nulla. Mentre le sorelle della vittima hanno paura e non parlano.
Tutto si svolge in quattro giorni, nei quali vengono esplorate le ripercussioni a spirale che circondano l'omicidio di Abdullah. Il politico laburista David Mars (John Simm) viene coinvolto nel dramma attraverso il suo rapporto turbolento con la sua ex-moglie Karen (Billie Piper) che ha preso in consegna la pizza. Mentre Jane (Nicola Walker), donna vicario della chiesa anglicana, lotta per nascondere la sua relazione con l'unica testimone del crimine.

Il trailer

Da sapere

La storia è ambientata in una Londra crepuscolare e meno glam del solito, e incrocia il grande tema delle migrazioni di questi anni. Imperdibile la scena in cui la leader laburista si difende in tv dalle accuse che la sinistra preferisca i rifugiati ai sudditi di sua maestà. Il dibattito pubblico ai tempi della globalizzazione.

Che cosa hanno scritto

«Collateral non delude le aspettative e non lascia molto irrisolto, il che è un sollievo. Carey Mulligan dà la spinta alla serie e averla in questo tipo di ruolo è un’ottima cosa per la televisione britannica, che sembra stia facendo le cose nel modo giusto» (Dan Fienberg, The Hollywood Reporter).

«Collateral - un dramma in quattro parti di Netflix che parla di migranti in cerca di asilo, dei mali della tratta di esseri umani, di perfide agenzie di intelligence, della vittimizzazione sessuale delle donne, di spacciatori di droga e altro - riesce a raggiungere una certa suspense nonostante la confusione derivante dal suo copione enormemente sovraffollato. Sovraccaricato da argomenti, cioè, oltre che da personaggi». (Dorothy Rabinowitz, Wall Street Journal).

© Riproduzione Riservata
tag:

Leggi anche

The Looming Tower: i segreti dell'11 settembre in una serie tv

Jeff Daniels in una serie tv ispirata al libro di un Premio Pulitzer sulla guerra tra Cia e Fbi che (forse) aprì la strada Bin Laden. Foto e trailer

Seven Seconds: la questione razziale negli Usa vista da una serie tv

Il crime incontra l'attualità politica nella nuova serie di Netflix

Ecco chi sono gli attori italiani delle serie tv Usa

L'immancabile Favino, ma anche tanti volti nuovi: i nipotini della Loren e di Mastroianni alla conquista della tv made in Usa

Commenti