Sport

Virgin Active: come smaltire i pranzi delle feste

I consigli su come perdere, a seconda del piatto, le calorie di Natale e Capodanno

Inverno, tempo di feste. Il Natale è alle porte e anche quest’anno non ignoreremo i suoi richiami fatti anche di tavole decorate, allegria, amici, parenti e... calorie.
Per uscirne indenni non è necessario privarsi delle cene e degli innumerevoli aperitivi augurali e nemmeno sacrificarsi ignorando i piatti tradizionali delle feste. Con un po’ di giudizio e di determinazione possiamo attraversare questo periodo senza negarci nulla e, anzi, arrivare all’anno nuovo più in forma di prima.
Come? Ci viene in aiuto Pier Luigi Vagali, Head of Product di Virgin Active, i villaggi fiitness che contano ad oggi più di 1 milione di soci in tutto il mondo: “Con consapevolezza, assecondando i propri limiti e soprattutto seguendo i suggerimenti di esperti che valuteranno la preparazione atletica e il peso in relazione allo stile di vita”.
Nel frattempo Vagali ci dà qualche consiglio sugli allenamenti-rimedio al piacevole ‘tour de force’ gastronomico del periodo natalizio.
Guardate sotto lo specchietto cibi/calorie/fitness. Non spaventerebbe chiunque sapere che una porzione di baccalà la si smaltisce con ... 1H di sollevamento pesi?
Potremmo attaccarlo sul frigorifero ma solo per ricordarci che ogni portata ha il suo ‘peso calorico’. Come spiega Vagali: “Non esiste l’allenamento miracoloso che ci permette di mangiare quanto vogliamo mantenendo sempre la stessa linea. L’obiettivo rivolto alla salute e al benessere deve essere alla base di un allenamento intelligente... anche durante le feste!”.

Gli esercizi segnalati per smaltire le calorie, infatti, vanno presi con molta cautela: “Lo schema è divertente ma può fuorviare la relazione fra le calorie assunte e lo sforzo necessario per consumarle” precisa Vagali. “Infatti, se calcoliamo un pranzo o cenone medio, dall’antipasto al dolce, possiamo superare le 1500 calorie! Equivarrebbe ad allenarsi per quasi 3 ore di seguito, niente di più sbagliato o dannoso... a meno che si tratti di un allenamento sportivo!”

Prosegue Vagali: “Le calorie non ci aiutano in realtà a determinare i grammi di grasso effettivamente accumulati durante tali abbuffate, come pure non stabiliscono il quantitativo di grassi bruciato, ma ci danno un’idea di come culturalmente sottovalutiamo la quantità di cibo ingerito e sopravvalutiamo invece le calorie consumate, soprattutto durante l’esercizio fisico”-

Come fare per arrivare al 2016 in forma o, più ambiziosamente, più in forma di prima?
 
Pierluigi Vagali suggerisce: “Alleniamoci 3 volte alla settimana per 1H: 30 min. di allenamento con sovraccarico (per esempio TRX, sollevamento pesi, GRID o Kettlebell) e 30 min di allenamento aerobico (per esempio Step, Spinning o Corsa).”
Conclude Vagali: “Un approccio equilibrato e ragionevole come un allenamento costante, divertente e non ‘distruttivo’ ci permetterà di ‘affrontare’ il cenone e le libagioni successive senza troppi danni al nostro giro vita e alla nostra salute”.    
E allora perchè non approfittare delle riunioni con la famiglia e dei pranzi fra amici per convincerli ad allenarsi con noi?
 
piatto - calorie IN per ca 100g* - Calorie OUT bruciate in allenamento**

gli antipasti:
 
Cocktail di gamberi 206 - 20 minuti di TRX

Tartine al salmone 201 - 20 minuti di allenamento KB

Insalata russa 157 - 40 minuti di nuoto
 
i primi:

Tortellini in brodo 478 - 60 minuti di Grid

Lasagna 688 - 60 minuti di Spinning

Cannelloni ricotta e spinaci 574 - 60 minuti di V-Boxe
 
i secondi:

 
Arrosto 335 - 40 minuti di Step

Baccalà 238 - 60 minuti di sollevamento pesi

Cotechino con lenticchie 457 - 40 minuti di Zumba
 
I dolci:

 
Pandoro 410 - 50 minuti di corsa

Torrone 140 - 20 minuti di Pilates

Spumante 95 - 30 minuti di Yoga

Guarda tutti i workout video di Virgin Active
 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti