Seedorf, staff da 3 milioni (netti). E Lippi chiama Galliani...
Ansa
Seedorf, staff da 3 milioni (netti). E Lippi chiama Galliani...
Sport

Seedorf, staff da 3 milioni (netti). E Lippi chiama Galliani...

Via Tassotti, dentro Stam e Crespo (che ha provato a spiare gli allenamenti di Donadoni). Ecco la costosa rivoluzione di Clarence per il prossimo Milan

Nonostante qualche spettro aleggiante nelle ultime ore in quel di Milanello (Spalletti e Inzaghi), Clarence Seedorf rimane saldo sulla panchina del Milan. Il tecnico olandese è stato chiaro con il patron Silvio Berlusconi lunedì mattina in una lunga e cordiale telefonata. Il vero Milan si vedrà nella prossima stagione. L'ex numero dieci del Botafogo è subentrato in corsa, rilevando un organico costruito e plasmato da altri e che non rispecchia le sue idee di gioco.

Seedorf vuole per la prossima stagione uno staff nutrito e variegato, con ben otto persone come collaboratori. Mauro Tassotti non rientra nei piani dell'olandese, che al suo fianco vuole assolutamente Jaap Stam e Hernan Crespo. Quest'ultimo è già stato mandato settimana scorsa in missione a Collecchio per spiare gli allenamenti del Parma di Donadoni. Una piccola gaffe quella di Seedorf, in quanto l'ex bomber di Inter e Lazio è stato inviato nel giorno in cui la seduta dei ducali era a porte chiuse. Un viaggio a vuoto assimilabile alla decisione di escludere De Sciglio dalla sfida del Calderon con l'Atletico Madrid per preservarlo per il match contro i gialloblù. Peccato che il terzino classe '92 abbia dovuto saltare anche la gara con il Parma, essendo squalificato. Errori che certificano come l'intelaiatura dello staff tecnico debba ancora essere oliata e registrata, onde evitare tali e clamorosi passaggi a vuoto.

Seedorf per il suo staff ha avallato le conferme di Maldera quale tattico, Fiori come preparatore dei portieri, Seno in qualità di metodologo degli allenamenti e De Michelis che fungerà da psicologo. Inoltre dall'Olanda è in arrivo David Endt per ricoprire il ruolo di team manager, carica sinora occupata da Vittorio Mentana. Un equipe extralarge a detta di parte della società rossonera e che sul bilancio graverebbe complessivamente per oltre 3 mln netti all'anno.

Per il centrocampo poi Seedorf ha richiesto, espressamente, il talentuoso Adam Maher del Psv Eindhoven. Il classe '93 ha già una quotazione elevata e dunque non sembra un colpo così abbordabile per le attuali casse societarie di via Aldo Rossi. Da dove potrebbe uscire definitivamente Adriano Galliani: da qui al 7 aprile, data del prossimo cda milanista, si deciderà il futuro dello storico vicepresidente vicario, il quale ha ricevuto nelle ultimissime ore una telefonata dall'amico Marcello Lippi. Il tecnico viareggino ha rinnovato sino al 2017 con il Guangzhou e vorrebbe portare in Cina un dirigente forte ed esperto per rendere la propria squadra a livello di quelle europee. Galliani rappresenta il sogno dell'ex commissario tecnico italiano e un tentativo forte nelle prossime settimane verrà condotto. Altrimenti - in caso di addio al Diavolo - l'ex presidente della Lega Calcio potrebbe restare nell'alveo della famiglia Berlusconi, vestendo i panni di leader di Mediaset Premium nella trattativa con Al Jazeera e BeIn Sport.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti