Milan: due alternative a Sogliano diesse
Getty Images.
Milan: due alternative a Sogliano diesse
Sport

Milan: due alternative a Sogliano diesse

Il dirigente del Verona rimane il preferito, ma ha delle riserve. La scelta potrebbe allora cadere sul napoletano Bigon o sulla soluzione interna Bianchessi

L'eliminazione dalla Champions League per mano dell'Atletico Madrid apre definitivamente la fase di rifondazione del Milan. Il primo nodo da sciogliere in casa rossonera riguarda la nomina del nuovo direttore sportivo, ovvero colui che dovrà ereditare l'incarico ricoperto negli ultimi ventotto anni da Ariedo Braida. Un'incombenza pesante e per la quale serve un diesse esperto e capace di sopportare le pressioni della Milano rossonera.

La prima scelta rimane sempre Sean Sogliano, ma nelle ultime settimane l'attuale uomo mercato dell'Hellas Verona ha frenato dinanzi al corteggiamento milanista. Per approdare nella società di via Aldo Rossi l'ex diesse del Palermo vuole pieni poteri sul mercato e non un ruolo da "spalla" di Adriano Galliani. Inoltre, Sogliano gradirebbe portare con sé alcuni uomini di fiducia quali Massimiliano Di Brogni e Roberto Gemmi, figure che lo hanno accompagnato nella sua ascesa professionale sin dai tempi della Lega Pro a Varese. Lo stallo è totale e per questo il summit in programma a metà della prossima settimana con Barbara Berlusconi potrebbe - in un senso o nell'altro - sbloccare la situazione, anche se al momento paiono in rialzo le quotazioni di un permanenza di Sogliano in seno al club scaligero.

L'alternativa in casa Milan è rappresentata da Riccardo Bigon. Profilo simile a quello di Sogliano, ma con un'esperienza in una grande squadra come il Napoli e un conseguente maggiore pedigree internazionale. Bigon si trova bene all'ombra del Vesuvio, anche se con l'avvento di Benitez ha visto ridursi il proprio raggio d'azione nelle trattative. Il tecnico iberico ha condotto in prima persona con il patron Aurelio De Laurentiis diverse operazioni, scavalcando di fatto il diesse azzurro, che potrebbe così non essere insensibile alle lusinghe milaniste. Per ora ci sono stati solamente contatti informali e tramite intermediari, però la pista è tutt'altro che fredda nel capoluogo meneghino.

Infine, a rappresentare il cosiddetto terzo polo ecco Mauro Bianchessi: un nome poco noto al grande pubblico, eppure molto apprezzato da Adriano Galliani, che un paio d'anni fa l'ha nominato diesse del settore giovanile. Il successo al Viareggio con la Primavera ha acceso le luci della ribalta sullo scopritore di Cristante, che rappresenterebbe una soluzione interna in stile Ausilio sulla sponda nerazzurra. Il percorso potrebbe appunto essere il medesimo dell'attuale responsabile dell'area tecnica interista: dopo i buoni risultati nel settore giovanile, un apprendistato al fianco di dirigenti più esperti per poi proseguire da solo al timone della squadra. In ogni caso, il prossimo mese sarà decisivo per l'investitura ufficiale del nuovo direttore sportivo del Diavolo: obiettivo l'ufficializzazione per il 7 aprile, ossia quando sarà in programma il prossimo consiglio di amministrazione del club.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti