La Juve a caccia di esterni, a partire da Pereyra
Getty Images.
La Juve a caccia di esterni, a partire da Pereyra
Sport

La Juve a caccia di esterni, a partire da Pereyra

Chiuso il rinnovo di Pirlo, i bianconeri sono in pressing sull'Udinese per l'argentino e lavorano alla comproprietà di Zappacorta, terzino dell'Under 21

Con lo scudetto già ipotecato, inizia a prendere vita il mercato della Juventus per la prossima stagione. Con Andrea Pirlo è stato formalizzato nei giorni scorsi l'accordo per il rinnovo del contratto: il campione bresciano allungherà sino al 2016 a 4 milioni di euro netti a stagione, con opzione per la stagione successiva. Già entro fine mese dovrebbe arrivare l'annuncio ufficiale.

In attesa di discutere fra aprile e maggio il futuro di Paul Pogba con il suo agente Mino Raiola, che ha in mano una ricca proposta del Psg per il classe '93, i bianconeri puntano a rifarsi il look sugli esterni. La politica dei giovani intrapresa negli anni scorsi con gli ingaggi dei vari Zaza, Berardi e Boakye vedrà la Vecchia Signora accaparrarsi la metà del cartellino di Davide Zappacosta. Il terzino della Nazionale Under 21 è attualmente in compartecipazione fra Avellino e Atalanta, ma gli orobici hanno già trovato gli accordi per riscattare interamente il cartellino dagli irpini. Dopodiché il club bergamasco imposterà con la Juve la cessione del 50%, ma non è escluso che il giocatore possa restare a Bergamo o essere girato in prestito a un terzo club, come avvenuto l'anno scorso con Gabbiadini al Bologna.

Per le corsie offensive continua invece il pressing su Roberto Pereyra dell'Udinese. "El Tucumanu", come è soprannominato l'ex River Plate, è un pallino di Fabio Paratici ormai da un biennio e in estate potrebbe sbarcare alla corte di Conte. Per abbassare la valutazione data dai friulani potrebbe essere girata alla corte di Guidolin la metà di un giovane prospetto da scegliere fra Marrone, Boakye e Zaza. Difficile, infatti, che la Juve possa sacrificare Manolo Gabbiadini, apprezzato dalla famiglia Pozzo ma destinato a far parte delle cinque bocche da fuoco offensive della squadra di Conte a partire da luglio.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti