Calcio

Juventus, che delusione. Per la Champions League serve molto di più

Bianconeri battuti meritatamente dall'Atletico. Allegri non trova le contromisure su Simeone, viene salvato dal Var e ora serve un'impresa

atletico juventus champions league andata risultato commento

Giovanni Capuano

-

Come una doccia gelata, che rischia di scrivere con largo anticipo la parola fine sulla corsa della Juventus nella Champions League. La sconfitta del Wanda Metropolitano di Madrid contro un Atletico indiavolato è stata netta e meritata. Quasi definitiva, se non fosse che il 2-0 firmato Gimenez e Godin - i due difensori centrali di Simeone - è un Everest da scalare ma non ancora una sentenza.

Allegri ha tre settimane per mettere in campo nel ritorno di Torino una Juventus diversa da quella di Madrid, appena discreta nel primo tempo e schiantata nella ripresa. Inutile cercare alibi nell'atteggiamento aggressivo dei colchoneros: nulla che non si conoscesse insieme alle qualità di un gruppo che in Europa ha costruito le sue fortune sulle ferocia in campo.

Ronaldo, ritorno a Madrid deludente

La Juventus ha sbandato ovunque, soprattutto in difesa dove Bonucci e Chiellini sono parsi imprecisi oltre che poco protetti. Forse Allegri ha esagerato nel proporre il tridente tutto qualità con Ronaldo appoggiato da Mandzukic e Dybala. Quest'ultimo ha fallito la prova, ma anche CR7 con i suoi numeri da record da dominatore della Champions ha dato molto meno di quello che serve.

E' stato preso anche per far fare il salto di qualità a una squadra che si era sempre fermata sul più bello, dunque non ci si può accontentare di una punizione, un paio di occasioni nel finale, qualche calcione di troppo preso e il gesto del cinque fatto con la mano per ricordare le vittorie in bacheca agli ex avversari. Le provocazioni possono servire, ma poi devono seguire i fatti e questa volta Ronaldo ne ha fatti troppo pochi per giustificare la sua fama.

atletico juventus champions league andata risultato commento

– Credits: EPA/JuanJo Martin

In corsa grazie al Var

Il risultato maturato al Wanda Metropolitano è giusto, anche nelle dimensioni. E che sia benedetto il presidente della Uefa Ceferin che ha imposto l'introduzione del Var in Champions League già a partire dalla seconda fase di questa stagione. Senza supporto tecnologico i bianconeri sarebbero tornati a Torino con un piede e mezzo fuori dall'Europa per colpa del tedesco Zwayer che aveva clamorosamente sbagliato le prime due chiamate.

Non c'era il rigore concesso per tocco di De Sciglio su Diego Costa, abbondantemente fuori area, ed era da annullare la rete di Morata che aveva sbloccato l'equilibrio. In entrambi i casi ci ha pensato Dankert al Var a richiamare il collega in campo restituendo la verità dell'azione.

Il problema è che su quei due fischi Simeone (volgare ed esagerata la sua esultanza) ha costruito un piccolo capolavoro iniettando altro veleno agonistico nelle vene dell'Atletico mentre la Juventus si è definitivamente afflosciata. Inutili i cambi di Allegri. Il 12 marzo allo Stadium serve qualcosa di profondamente diverso perché abbandonare così la Champions avrebbe il sapore del fallimento.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Gol e partite, i numeri di Ronaldo nelle seconda fase della Champions League

Il portoghese della Juventus micidiale: in carriera ha segnato 63 reti nella fase ad eliminazione diretta, 24 nei quarti di finale

Juventus contro Inter: ecco perché è tornata la rivalità

Dal ricorso su Calciopoli al mercato, fino allo scontro su Dybala e Icardi. Così le due grandi della Serie A preparano lo scontro futuro

Bond Juventus: tutti i dettagli dell'operazione voluta da Agnelli

Ecco come sarà il prestito che darà ai bianconeri altro denaro: cifre, tassi di interesse e modalità del collocamento

Commenti