9a giornata - Bacca, rigorino salva-Milan (ma Rocchi va assolto)
tratto da Mediaset Premium
9a giornata - Bacca, rigorino salva-Milan (ma Rocchi va assolto)
Sport

9a giornata - Bacca, rigorino salva-Milan (ma Rocchi va assolto)

Il Sassuolo protesta e le immagini non chiariscono sull'episodio decisivo a San Siro. Higuain: non era mani volontario

Domenica positiva per gli arbitri italiani, che escono complessivamente con un voto sufficiente da una giornata in cui non sono mancati gli episodi al limite e di difficile interpretazione. Le proteste più vibranti vengono da Inter, Sassuolo e Chievo ma le moviole assolvono Doveri, Rocchi e Massa nelle loro scelte decisive, quelle che condizionano l'esito delle tre sfide. Qualche perplessità, invece, sulla gestione di Orsato in occasione delle proteste di Salah: il risultato non cambia (cartellino rosso per l'egiziano), ma manca uniformità nel contrasto alle proteste maleducate. Come devono comportarsi gli arbitri?

Milan, quello di Bacca è un rigorino...

A velocità normale e dalla tribuna nessun dubbio: rigore ed espulsione. Rivedendo mille volte l'immagine dal basso, invece, il tocco di Consigli su Bacca che porta Rocchi a decretare penalty ed espulsione del portiere diventa molto presunto. Forse c'è un leggero contatto mentre il colombiano è già in salto per scavalcare l'estremo difensore del Sassuolo. Cosa fare? Le moviole definiscono 'rigorino' quello assegnato al Milan e si fidano della prima impressione anche perché manca la prova provata di una simulazione di Bacca.

L'espulsione, che fa arrabbiare i giocatori del Sassuolo, è invece quasi automatica dal momento che il pallone era rimasto nella disponibilità dell'attaccante rossonero che aveva la porta del Sassuolo spalancata davanti a sè. 

Higuain si salva a Verona: mani involontario

Altro episodio caldissimo in Chievo-Napoli, nei minuti finali menre i veronesi cercano la strada del pareggio. C'è un tocco di mano evidente di Higuain a non più di tre metri dalla linea della propria porta, su un pallone sporco deviato da Pellissier. Massa propende per l'involontarietà e non fischia rigore: le moviole lo assolvono anche se l'attaccante argentino rischia tantissimo.

Corretto annullare la rete di Paloschi per fuorigioco: il tocco di Albiol non è considerato una giocata che rimette in posizione regolare l'attaccante clivense. Rischia l'espulsione Cesar per una brutta entrata su Allan: graziato.

Inter, il rosso di Murillo c'era e Kondogbia...

Protesta l'Inter per il rosso a Murillo che lascia la squadra di Mancini in inferiorità numerica nel finale. Le moviole, però, danno ragione a Doveri che punisce con il giallo un intervento in ritardo del difensore su Vazquez: il trequartista palermitano non fa nulla per non cadere, ma Murillo si espone comunque al rischio del contatto ed era già ammonito.

Nel primo tempo, su una situazione simile, Doveri sceglie di non ammonire Kondogbia che aveva già un giallo sulle spalle: al centrocampista francese dell'Inter va bene così. Non c'erano i rigori chiesti nel corso della partita.

Juve-Atalanta senza polemiche

Giusta l'espulsione di Toloi per somma di ammonizioni che lascia l'Atalanta in dieci uomini nel finale di gara a Torino. E' netto il rigore concesso da Di Bello alla Juventus per fallo di Paletta su Dybala, che si era liberato in dribbling con una sterzata verso l'interno mandando fuori tempo il difensore. Manca un penalty per trattenuta abbastanza evidente e prolungata di Dramè su Mandzukic.

Lazio-Torino: poche imprecisioni

Mazzoleni dimentica una punizione dal limite per la Lazio su tocco di mano di Molinaro (cross di Basta), ma vede bene in altri episodi. Giusto, ad esempio, l'annullamento del gol di Candreva per fuorigioco quando la sfida è ancora sullo 0-0 ed è regolare la rete del vantaggio di Lulic, con Klose tenuto in gioco da Glik e Moretti nel momento in cui fa l'assist di sponda al compagno di squadra. Dubbi nella ripresa per un'entrata di Molinaro su Basta.

La classifica sintesi delle moviole dei quotidiani italiani

Ecco comunque come Panorama.it ricostruisce la classifica oggi senza gli errori arbitrali. Vale la tradizionale avvertenza che il parametro preso in considerazione sono le decisioni che avrebbero potuto cambiare concretamente il risultato (rigori non assegnati o che non c'erano, reti annullate o concesse per errore) e che la graduatoria fa riferimento alle moviole dei quotidiani sportivi italiani esprimendo non un valore oggettivo ma una tendenza.

La classifica senza errori arbitrali dopo la 9° giornata

Squadra

Punti

Differenza con la reale

Napoli

20

+2

Roma

19

-1

Lazio

19

+1

Inter

18

=

Fiorentina

18

=

Udinese 

15

+4

Sassuolo

15

=

Torino

14

=

Milan

13

=

Chievo

13

+1

Juventus

12

=

Atalanta

12

-2

Sampdoria

11

-3

Palermo

11

=

Empoli

10

=

Genoa

9

-1

Frosinone

8

+1

Carpi

6

+1

Bologna

6

=

Verona

3

-2

Ti potrebbe piacere anche

I più letti