Yuppies addio, arrivano gli "yummies"
Thinkstockphotos.it
Yuppies addio, arrivano gli "yummies"
Società

Yuppies addio, arrivano gli "yummies"

Aumentano gli uomini narcisi, ossessionati dalla cura di sé e contrapposti ai millennials

Altro che figli dei fiori con chiome al vento, barbe lunghe e pantaloni a zampa di elefante: ora (anche) gli uomini indossano i leggins o costosi capi di abbigliamento, hanno i capelli corti, ma soprattutto mani e viso curatissimi. Insomma, sono yummies. Il nuovo termine coniato per indicare i moderni narcisi fa il verso proprio a quello usato per gli uomini anni '70, gli yuppies, appunto.   

Ecco allora i giovani (ma anche meno giovani) maschi alle prese con prodotti di bellezza e capi di abbigliamento all'ultima moda. Gli yummis vivono soprattutto nelle grandi città, sono quasi "animali urbani", sfoggiano un look impeccabile, tengono alla loro forma fisica tanto da non farsi mancare l'iscrizione in (costosissime) palestre o la corsa al parco, rigorosamente in tenuta fashion. Non si separano mai da smartphone e tablet e spendono parecchio di quel che guadagnano in tutto ciò che può contribuire alla loro estetica (manicure compresa) perché per loro l'apparenza è quasi un'ossesione.

A tracciare l'idenkit della versione 2.0 di quelli che una volta erano definiti dandy è una ricerca della Hsbc, pubblicata su BusinessWeek , che indica negli uomini che della cura di sé hanno fatto un must i nuovi clienti privilegiati del mondo della moda e del consumismo in genere. Gli yummies hanno un'età media tra i 20 e i 30 anni, anche se in realtà l'asticella si sta velocemente sposando, avvicinandosi gli "anta". In comune hanno il fatto di non essere sposati, di non avere figlie e dunque di essere più propensi a spendere denaro per se stessi.

Intervistati, i nuovi metrosexual sostengono di sentirsi molto sicuri di sé, proprio grazie al tempo e alle cure che dedicano alla propria persona, comprese le ore passate dall'estetista. Ma che differenza c'è con i metrosexual? Apparentemente nessuna, dal momento che rientrano in entrambe le categorie i prototipi di uomo che vivono in città e sentono la necessità di "apparire". Ma rispetto alla vecchia definizione, coniata ormai qualche anno fa per indicare una nicchia di uomini, i moderni yummies sono ormai la maggioranza e influenzano (oltre ad essere influenzati) le scelte di mercato dei principali brand di moda e cosmesi.  

"Sentirsi orgogliosi e sicuri di sé, grazie al proprio aspetto fisico curato, è ormai una caratteristica distintiva dell'essere uomo nella moderna società" ha spiegato Richard Cope, uno dei ricercatori del gruppo Mintel che ha curato lo studio sugli yummies. Il fenomeno riguarda un po' tutti i Paesi occidentali, tanto che negli Usa il New York Mag ha dedicato un articolo al fenomeno , cercando di capire quanti siano gli yummies in circolazione. In Inghilterra poi si calcola che i prodotti di lusso per gli yummies valgano qualcosa come 700 milioni di euro.

Ma chi non è yummies o non si sente tale? Secondo UsaToday non c'è scampo, quella che si sta vivendo è una sorta di battaglia generazionale e chi non è yummy deve arrendersi: per lui non c'è altra definizione che millennial.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti