Federico Minghi

-

Il Chianti non è solo un vino famoso, forse il vino rosso più conosciuto nel mondo, ma è anche uno scrigno capace di custodire una lontana cultura contadina, dove il paesaggio dei  suoi piccoli quanto meravigliosi borghi danza in perfetta sintonia con l’arte e la storia.

Il paesaggio di questa bellissima parte della Toscana è un continuo alternarsi di boschi di lecci, castagni e abeti nelle zone più elevate e di estesi vigneti e oliveti sui declivi più pianeggianti. Neppure mancano pievi, abbazie, castelli e piccoli borghi di lontana ascendenza etrusca.

Il marchio che da sempre contraddistingue questo luogo ed anche  le bottiglie di vino, è il Gallo Nero, che secondo una leggenda fu decisivo nella divisione dei confini tra Siena e Firenze  avvenuta dopo lunghe battaglie ancora oggi testimoniate da imponenti fortificazioni e Castelli presenti nel territorio del Chianti. Si narra infatti che  due cavalieri, uno senese e l’altro fiorentino, fossero partiti al Canto del Gallo dalle rispettive città e nel punto esatto dove avvenne  l’incontro furono delineati i confini tra Siena e Firenze. Sarà un leggenda ma ancora oggi sono gli stessi confini….

Il Chianti, Chiantishire come amano definirlo i sognatori inglesi che l’hanno scoperto, è molto di più di una bella cartolina, è uno stile di vita. Scelto come gentile ritiro per intellettuali e artisti, dove l’acquisto di una casa fa girare la testa, è ancora un territorio incontaminato.

Lontano dalla frenesia delle città, dalle grandi vie di comunicazioni, il Chianti va cercato fortemente; è un luogo dove non puoi capitare per caso frettolosamente e la bellissima ma tortuosa strada per raggiungerlo sembra una prova per preparare l’anima al meritato Paradiso. Qui trovi la Toscana più pura, quella dei grandi valori, di vecchie case segnate dal tempo, come le persone che vi abitano e che da qui non si sono mai allontanate. E’ la culla dei mitici norcini, quelli che oggi frequentano le feste vip e riempiono le trasmissioni Tv, un tempo erano veri e propri salumieri itineranti custodi del segreto della salatura e della conservazione della carne.

Le “capitali” del Chianti Classico sono le città di Firenze e Siena, le sue terre si estendono a cavallo tra le due province, 70.000 ettari di rara bellezza, che comprendono per intero i comuni di Castellina e  Gaiole in Chianti, Greve e  Radda in Chianti e in parte Barberino Val d’Elsa, Castelnuovo Berardenga, Poggibonsi, San Casciano in Val di Pesa e Tavarnelle Val di Pesa che con oltre 7.000 ettari di vigneti iscritti all’Albo D.O.C.G. per la produzione fanno di questa denominazione una delle più importanti d’Italia.

Il Chianti va visto percorrendo le strade bianche, diventate famose grazie all’Eroica, il più bel  raduno di biciclette storiche e personaggi cult, senza la paura di impolverarsi le scarpe in estate oppure infangarsele in inverno. Solo così potrai godere del contatto profondo con la natura,  farti accompagnare del cinguettio degli uccellini mentre ti perdi tra un bivio ed un altro...e quando ti imbatterai in pievi sperdute, scorgerai ville padronali dal gusto antico o in castelli  che raccontano storie e leggende avrai la meravigliosa sensazione di vivere in una favola.

Ma il Chianti è un idillio per tutti i sensi, non solo per la natura che qui è stata veramente generosa.  Tra le stupende colline potrai trovare innumerevoli trattorie dove poter gustare prodotti genuini,  ristoranti gourmet noti per ricette della tradizioni rivisitate e importanti cantine  dove oltre a poter degustare vino ed olio di grande qualità potrai ammirare anche le particolari strutture progettate spesso dai più grandi architetti.

Una piccola raccomandazione…non parlate mai di dieta, quella si comincia il lunedì successivo!

Allora...allacciate le cinture….direzione Chianti !

Dove Mangiare

Il Pievano a Spaltenna - Una stella nel castello

L’Asinello a Villa a Sesta - idillio dei sensi dove tradizione e innovazione si incontrano

Bar-Ucci a Volpaia - la migliore trattoria del chianti per qualità e simpatia

Antica Trattoria la Torre a Castellina in Chianti - la tradizione

La Bottega di Lornano - materie prime selezionate ed ottime ricette della tradizione

Le Macellerie

Macelleria Chini Gaiole in Chianti (Via Roma, 2 Tel 0577 749457) - i migliori salumi di cinta senese

Macelleria Stiaccini a Castellina in Chianti - ottima carne di bove come i suoi aperitivi cult

Dove Dormire

Borgo San Felice - il Relais & Cahteaux del Chianti Classico

Villa le Barone Panzano - una villa rinascimentale dove ci si sente a casa

Wine Resort Dievole - Dormire tra le vigne in una fattoria da sogno

Borgo Scopeto - una dimora tra le vigne con vista spettacolare su Siena

Dove Acquistare

Decori Nel Tempo Radda in Chianti - creazioni artistiche

Chianti Cashmere - prodotti di alta qualità dall’allevamento di capre

Pastificio Fabbri - la pasta del chianti storia ricerca e innovazione un unicum

Olio Pruneti - olii premiati e ottimi monocultivar

Castello di Ama - vino e arte

Fontodi Greve in Chianti - dalla “conca d’oro” di Panzano un vino prezioso

San Giusto a Rentennano - il Chianti Classico perfetto

© Riproduzione Riservata

Commenti