iStock. by Getty Images
Panorama d’Italia 2016

Trapani: i 7 migliori ristoranti

Locali eleganti, taverne e trattorie vecchio stile dove assaggiare delizie di pesce e il meglio della tradizione siciliana in cucina

Serisso47

Trapani-ristoranti-1-Serisso47

La filosofia dello chef Gaetano Basirico’ è semplice e genuina: «Il trucco per una buona ricetta sta nell’essere complice degli ingredienti». A scatenare questa complicità provvedono le eccellenze del territorio condensate in una carta gustosa, servita in un ambiente elegante con splendidi tocchi di casa. Si inizia con una «Parmiciana» di melanzane o con un polpo fritto, poi avanti con un primo con pasta fresca, pesto rosso (con passata cruda di pomodoro) e bottarga di tonno o un cous cous di pesce, appagante localissimo piatto unico. Tra i secondi, filetti di San Pietro «panellati» o seppie marinate in olio d’aglio rosso. Arduo ma obbligatorio lasciare spazio per il dessert: una variante della cassata con pan di spagna al moscato Kabir è tra le proposte più interessanti. Come il conto, che non fa andare via con l’amaro in bocca.

Indirizzo – Via Serisso, 47

Per approfondire cliccare qui

Taverna Paradiso

Trapani-ristoranti-2-TavernaParadiso

L’esperimento è semplice. Basta chiedere a un po’ di trapanesi un buon posto dove mangiare pesce sul mare e in molti consiglieranno questo indirizzo che dichiara, con una certa fierezza, di mettere «innamoramento» nei suoi piatti. Non un colpo di fulmine dunque, piuttosto una progressiva, totalizzante immersione nel piacere a tavola, boccone dopo boccone. Dall’antipasto ai primi, dalle fritture ai vari secondi, l’idea di fondo è non lavorare troppo gli ingredienti, non eccedere con fantasia e condimenti accessori per lasciare immutato il loro naturale sapore di scoglio e acqua salata. Bonus non di poco conto è la carta dei vini, che dallo zibibbo allo chardonnay abbraccia il meglio dell’enologia siciliana, compilando un’enciclopedia del buon bere. 

Indirizzo – Lungomare Dante Alighieri, 22

Per approfondire cliccare qui 

Antico Borgo Marinaro

Trapani-ristoranti-3-AnticoBorgoMarinaro

Quando si dice vale il viaggio. Non è in città ma a una cinquantina di minuti d’auto dal centro questo ristorante di Mazara del Vallo che è ritrovo e approdo di tutti gli amanti del pesce freschissimo. Il locale è in un baglio trapanese, tipico edificio con cortile che fa fare un immediato, suggestivo, salto indietro nel tempo. Giusto il tempo di acclimatarsi e scegliere un vino, rigorosamente locale, per ascoltare l’elenco dei piatti disponibili. Che variano in base a ciò che i pescherecci della zona hanno proposto allo chef il giorno stesso. Punti di forza sono le fritture miste di paranza e i primi con i frutti di mare, ma un pesce al forno o alla griglia è un ottimo modo per sentirsi in vacanza, in qualsiasi momento dell’anno.   

Indirizzo – Via Lungo Mazzaro Ducezio, 72 - Mazara Del Vallo

Per approfondire cliccare qui 

Antichi sapori

Trapani-ristoranti-4-AntichiSapori

Il cous cous servito con zuppa di pesce e frittura di paranza, tante varianti della cucina di mare povera: i tonnetti marinati con cipolla o i moscardini. E poi, certo, i primi fatti in casa: le busiate, le trenette, i ravioli di cernia al gambero rosso locale, immancabile, preceduti dalle polpette di sarde al finocchietto selvatico o le frittelle di neonata. Sono gli antichi sapori a cui fa riferimento questo indirizzo molto amato in città che vive nei locali di una taverna e dà alla tradizione l’enfasi che merita. Con un effetto collaterale notevole, un pregio non di poco conto: solo a leggere il menu, viene fame.

Indirizzo – Corso Vittorio Emanuele, 191

Per approfondire cliccare qui 

Trattoria Cantina Siciliana

Trapani-ristoranti-5-CantinaSiciliana

Il New York Times l’ha definita «una gemma rivestita di blu in una stradina sonnacchiosa, gestita da Pino Maggiore, uomo di mare da una vita». L’autorevole rivista di viaggio Travel + Leisure, la segnala come l’unico indirizzo da provare in città. È insomma un porto più che sicuro questo capolavoro del buon mangiare e del buon bere, che fa del cous cous (il termine esatto qui è «cuscusu») il suo innegabile punto di forza e il motivo del pellegrinaggio di turisti e trapanesi, ma vende anche on line: bottiglie di vino e di liquori, ceramiche, libri di ricette e prodotti tipici, dall’olio, alla pasta, alle conserve. Sebbene il lusso più grande rimanga prendersi il tempo di accomodarsi a uno dei suoi tavoli e salpare verso gli orizzonti del gusto. 

Indirizzo – Via Giudecca, 36

Per approfondire cliccare qui 

Al solito posto

Trapani-ristoranti-6-Alsolitoposto

Un nome che sa d’abitudine, di frequenza che si ripete, di piaceri familiari, di confortanti e accoglienti consuetudini. Una trattoria dove andare sul sicuro. A cominciare dalla caponata, che in molti definiscono sublime, fino ai cannoli, freschi e di taglia generosa. Anzi extra large, pure nel sapore. Nel mezzo tante proposte di mare, con la giusta alternanza tra cotti e crudi, ostriche incluse. Gli habitué sono tanti e, sebbene l’ospitalità sia il primo comandamento in sala, è consigliato prenotare. Se esprimete un giudizio positivo verso la squadra di calcio locale o una semplice simpatia, ancora meglio. Sarà parecchio apprezzata.   

Indirizzo – Via Orlandini, 30A

Per approfondire cliccare qui 

La bettolaccia

Trapani-ristoranti-7-LaBettolaccia

Lo scopo non è scoraggiare dichiarandosi un luogo di scarso livello, ma sottolineare l’atmosfera autentica, calda, genuina, priva di inutili e artificiosi fronzoli. E infatti questo non è un ripiego ma un luogo che conquista, con giudizi densi di entusiasmo sui principali social network e sui siti di recensioni on line (su TripAdvisor strappa il primo posto in città con quasi 2 mila giudizi). Riesce a mettere d’accordo chi cerca qualità, quantità, tradizione e varietà a prezzi non da capogiro. Tra le specialità ci sono la bresaola di tonno al pepe nero, le linguine con bottarga di cernia e pomodorini, i bocconcini di pesce misto e finocchietto: leggerezza, territorio, gusto. Il trittico perfetto. Più di 90 le etichette in cantina, con deviazioni verso bottiglie nazionali e la prioritaria, doverosa esaltazione delle proposte siciliane.

Indirizzo – Via Enrico Fardella, 23

Per approfondire cliccare qui 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti