Chiara Raiola

-

“Riunitevi in gruppi e fateci sapere età, corsi universitari o eventuali lavori e preparatevi una domanda. Avete 8 minuti. Non uno di più”. Eccolo il primo approccio di una cinquantina di ragazzi con “Carriere e lavoro” che Panorama d’Italia ha organizzato a Padova con Hrc, la più grande community dei professionisti delle risorse umane.

- LEGGI ANCHE: Perchè partecipare agli eventi HRC
- I CONSIGLI SUL LAVORO DI GIORDANO FATALI, presidente HRC

Mille interrogativi sui colloqui di lavoro
E le domande, dopo i saluti di rito di Giorgio Mulè, direttore di Panorama, e di Alessandro Visconti Prasca, HR director di Safilo che ospita l’incontro, arrivano. Eccome. “Quali sono gli skill che vengono maggiormente tenuti in considerazione?”, “Colpisce di più la specializzazione o il curriculum nel suo complesso?”, “Cosa bisogna approfondire prima di un colloquio?”, “Quanto incide l’immagine del candidato sui social?”, “Quanto conta il voto di laurea?”.

 

Scegliere un’azienda
Una risposta su tutte: non è l’azienda che sceglie voi, ma siete voi che scegliete l’azienda. I capi del personale di Safilo, Lagardère Travel Retail, Bata, Birra Peroni, Sit Group, Stefanel, sono d’accordo: bisogna scegliere con attenzione dove andare a bussare e capire come “vendere” le proprie competenze nel modo più efficace e convincente.

La conoscenza dell’inglese
“In Italia purtroppo la scuola fa fatica a fornire competenze a cominciare dalla lingua inglese - sottolinea Andrea Arrighi, responsabile risorse umane di Lagardère Travel Retail - Non sapere bene l’inglese vi fa perdere delle opportunità”. In Safilo “la maggior parte dei documenti vengono scritti in lingua inglese”, puntualizza Nadia Broccoli, global talent acquisition associate director. Ma, aggiunge Arrighi, oltre alla conoscenza delle lingue (“meglio anche arabo o cinese”) “conta moltissimo pure la capacità di relazione che si matura durante la proprio vita, perché è la squadra che riesce a costruire la ricchezza di un’azienda, non dimenticatelo mai”.

Il curriculum come attività di marketing
Per Alessandro Visconti Prasca di Safilo “dovete imparare a faticare. Cominciate dal curriculum considerandolo come un’attivtà di marketing pensando su quale azienda state puntando”. Anche la rete di relazioni conta “nel senso positivo del termine, l’attività di networking favorisce un’impresa”. Ma non ci sono regole precise per “fare colpo” durante un colloquio. In Safilo, per esempio, “devi essere allineato ai nostri valori di affidabilità, integrità, trasparenza. Si impara tutto - dice Visconti Prasca - ma l’essere no”.

In Veneto lavoro in crescita
Ma com’è il mercato del lavoro in Veneto? Universitas Mercatorum, controllata dall’università telematica Pegaso e partecipata da Unioncamere, snocciola i dati del progetto Excelsior che analizza le informazioni sulle professioni insieme a quelle delle imprese: le assunzioni nel Nord est sono in crescita, le lauree più richieste sono quelle di ingegneria e statistica, ma le discipline umanistiche sono in recupero collocandosi al terzo posto. In Veneto le aziende hanno difficoltà a reperire risorse in ambito ingegneristico, di analisi e progetto e sanitario. Il 18% delle imprese prevede assunzioni, il 23% dei contratti saranno part time nelle attività stagionali e il 30% a tempo determinato in particolare nelle attività ricettive, commerciali, amministrative e finanziarie.

© Riproduzione Riservata

Commenti