Panorama d’Italia 2016

L'industria ittica che fa grande Trapani e la Sicilia - FOTO e VIDEO

La blue economy, l'agroalimentare e il vitivinicolo sono le grandi risorse industriali dell'isola. Ma serve fare sistema. L'appello da Panorama d'Italia

Blue economy, agroalimentare e turismo. La Sicilia occidentale da Trapani mostra a Panorama d’Italia le sue eccellenze, se ne fa vanto raccontando le sue ambizioni e indica la strada da percorrere nel futuro: fare sistema organizzando la filiera economica per competere sui mercati globali.

“Tutti i comuni della provincia sono impegnati in questo senso - sottolinea il sindaco di Trapani Vito Damiani intervenuto al dibattito “Trapani, eccellenze si diventa” - il nostro è un vero e proprio distretto nato per promuovere la Sicilia occidentale. Del resto, non si può pensare allo sviluppo del territorio senza guardalo nel suo insieme”.

E il "suo insieme" è fatto di imprese che puntano sull’eccellenza in diversi settori: "in un territorio come il nostro dove fino a poco tempo fa la massima aspirazione era vincere un concorso pubblico - dice il presidente di Confindustria Trapani, Gregorio Bongiorno - c’è un tessuto imprenditoriale importante: siamo forti nell’agroalimentare che sta dando il meglio di sé con l’export, nel marmo e nel turismo con una forte presenza straniera interessata anche al mercato immobiliare”.

Confindustria Trapani: “Eccellenza è fare gli imprenditori in una terra come questa”

La blue economy è vincente
Ma è sulla Blue Economy la vera scommessa della Sicilia occidentale. Una risorsa, quella ittica, che va tutelata in maniera seria. Giovanni Tumbiolo, presidente del distretto della pesca siciliana, non ha dubbi: "La carenza del prodotto ittico è di tutto il pianeta, le sue risorse non sono infinite". Dal 2008 in Sicilia è attivo l’osservatorio della pesca nel mediterraneo: "Sono molte le imprese che hanno voglia di mettersi in gioco, è un settore che realizza 400 milioni di euro di fatturato, ha 1.300 occupati con una crescita dell’export del 77% dal 2012 ad oggi. L’idea è di esportare questo modello insieme alla filosofia della crescita".

Ma la Blue Economy si fonda soprattutto “sul dialogo tra popoli del Mediterraneo e noi riteniamo che l’Europa debba dare più spazio, più libertà ai rapporti tra i paesi frontalieri. La regione Sicilia che deve imporsi in questo senso”.

E la regione Sicilia per bocca dell’Assessore all’Agricoltura, sviluppo rurale e pesca mediterranea, Antonello Cracolici ritiene innanzitutto che “l’eccellenza deve riguardare il sistema, non il singolo imprenditore. C’è una Sicilia migliore di quella che conosciamo e bisogna che si organizzi in una filiera economica competitiva"

Il gambero rosso di Mazara del Vallo
Ma c’è chi ci ha provato e non ci è riuscito. È il caso dell’azienda ittica Rosso di Mazara: “Abbiamo provato a riunire in un’associazione i pescatori della nostra realtà, ma non ci siamo riusciti - rivela Paolo Giacalone, titolare dell'impresa - E allora io e mio fratello abbiamo deciso di andare avanti da soli puntando sulla pesca dei gamberi e realizzando un prodotto di qualità registrato con il nome della nostra città perché vogliamo raccontare un territorio, valorizzarlo. È questa la nostra ambizione”.

Rosso di Mazara, la prima eccellenza italiana creata da pescatori

Dal vino alle saline
La globalizzazione, dunque, si vince restando orgogliosamente locali, evocando le proprie radici. Così ha fatto anche l’azienda vitivinicola Pellegrino: "Grazie alla tecnologia siamo stati in grado di rivalutare i vitigni della nostra zona" afferma Benedetto Renda, a.d. di Cantine Pellegrino, mentre l’imprenditore Carmelo Culcasi lancia l’allarme sulle saline trapanesi: "In Italia non c’è una cultura del sale. Ci vuole più informazione. Noi produciamo 2 mila tonnellate e la nostra forza non è nella grande distribuzione. Siamo tassati come industria e industria non siamo. Il rischio è che con il tempo, se non si mette mano al settore, le saline di Trapani spariranno del tutto".

Cantine Pellegrino: “Finalmente abbiamo riscoperto le nostre tradizioni”

Silvia Morara
Gregorio Bongiorno, presidente Confindustria Trapani
Ti potrebbe piacere anche

I più letti