"L’arresto di Totò Riina? Uno specchietto per le allodole"
ANSA/GIORGIO BENVENUTI
"L’arresto di Totò Riina? Uno specchietto per le allodole"
News

"L’arresto di Totò Riina? Uno specchietto per le allodole"

Chi lo dice? Il pm dell’inchiesta sulla presunta trattativa Stato-mafia

Totò Riina in questi ultimi anni sembra loquace. Parla in codice con tutti: detenuti, europarlamentari, agenti della polizia penitenziaria, magistrati. Minaccia, nega, ritratta, lancia anatemi e prega Dio. Eppure è in una cella d’isolamento dal 15 gennaio 1993, giorno del suo arresto. Ma è sempre lui, il capo dei capi a comandare l’organizzazione criminale con quell’alfabeto del male. Oggi la notizia delle sue intimidazioni, consegnate come sfogo a un detenuto dal carcere di Opera, nei confronti del pm Antonio Di Matteo, magistrato di punta dell’inchiesta sulla presunta trattativa Stato-mafia, destano scalpore e allarme. La maledizione del boss, "Di Matteo deve morire, e con lui tutti i pm della trattativa", fa attivare il codice rosso di tutte le istituzioni, perché Riina è il capo dei Capi e non va mai sottovalutato. 

Eppure c’è caos, disordine e corto circuito istituzionale e giudiziario.  Si rimane disorientati per esempio ad ascoltare le parole di un magistrato, che ha un alto onore e un doveroso senso di responsabilità istituzionale, quando intervenendo sul tema della legalità, a Corleone, patria dei boss Riina, Provenzano e Bagarella, proprio nel giorno della ricorrenza della cattura del boss di Cosa nostra, dichiara che "l’arresto di Riina, è lo specchietto per le allodole". Sono parole dette a gennaio scorso dal procuratore aggiunto Vittorio Teresi, successore di Antonio Ingroia, al processo sulla trattativa Stato-mafia che si sta celebrando in corte d’Assise a Palermo, durante il tour della legalità dal titolo "Totò Riina, venti anni dopo". Teresi in quell’assise dichiarava anche che "l’arresto di Riina fa parte di quell’accordo probabilmente dello Stato-mafia che vuole trovare un momento, ancora una volta un equilibrio di convivenza, fra due poteri che agiscono sullo stesso territorio". 

Parole che sanno di corto circuito istituzionale e giudiziario, proprio nella terra dei boss. A chi giovano queste parole? Non sarebbe meglio una coesione istituzionale assoluta, da parte dello Stato, quando si parla dell’arresto di boss che hanno reciso la vita ai giudici Falcone, Borsellino e agli agenti di scorta? Riina ancora proclama dal carcere il suo alfabeto del male mentre lo Stato dichiara che il suo arresto "è uno specchietto per le allodole".  

Ti potrebbe piacere anche

I più letti