seno
(iStock)
seno
Salute

Tatuaggio medicale per ridisegnare l’areola mammaria dopo un intervento chirurgico

La Dermopigmentazione del complesso areola-capezzolo è un approccio sicuro che fornisce benefici psicologici importanti alle donne operate. Un nuovo servizio avviato dell’Azienda Ospedaliera di Cona a Ferrara nell’ambito dell’attività senologica svolta dalla U.O.C. di Chirurgia 2 diretta dal Prof. Paolo Carcoforo

Ridisegnare la zona dell’areola e del capezzolo, dopo un intervento. Un importante servizio che ha preso avvio a Ferrara dove è stato attivato un ambulatorio di dermopigmentazione dell’areola e del capezzolo nelle donne operate di tumore alla mammella, all’interno dell’Azienda Ospedaliera di Cona. Si tratta di un servizio di grande importanza, in quanto sono pochissimi i centri sul territorio nazionale che offrono questo programma all’interno di una struttura sanitaria.

Il progetto nasce dalla volontà di offrire un percorso completo alle donne operate al seno, garantendo loro la possibilità di concludere un percorso difficile come quello della lotta contro il tumore all’interno di una struttura sanitaria accreditata “Brest Unit”. Questa possibilità viene offerta in pochissimi centri sul territorio nazionale ed è per questo motivo che fino ad oggi le donne hanno dovuto rivolgersi a professionisti non sanitari privati ed esterni quindi alle strutture sanitarie stesse.

“La dermopigmentazione o tatuaggio dell’areola e del capezzolo con finalità medica- spiega il professor Paolo Carcoforo Direttore dell'Unità Operativa complessa di Chirurgia 2 dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara e Presidente della Società Italiana di Chirurgia Geriatrica (S.I.C.G.)- è la tecnica modificata di tatuaggio usata per coprire condizioni patologiche della cute al fine di ripristinare l’aspetto di una cute sana. La tecnica prevede l’introduzione attraverso iniezione sottocutanea di pigmenti specifici in campo sterile. La paziente sostiene un colloquio formativo-informativo preliminare dal quale emergono anamnesi, percorso della malattia e conseguenze psicologiche derivanti dall’intervento chirurgico. Durante questo colloquio il professionista valuta la presenza delle condizioni necessarie per il trattamento. Il tatuaggio è effettuato da un operatore sanitario specializzato per motivi di sicurezza igienica; il trattamento comporta più sedute di tatuaggio e richiede la costruzione di un rapporto di fiducia con la paziente basato sull’ascolto e sulla capacità di infondere serenità e sicurezza”.

Nella realtà estense la dermopigmentazione dell’areola e del capezzolo è eseguita da un’infermiera professionale case manager interna al centro di senologia, che ha le competenze specifiche frutto di una formazione durata 6 anni. La dermipigmentazione viene offerta presso l’Azienda Ospedaliera di Cona nell’ambito dell’attività senologica svolta dalla U.O.C. Chirurgia 2

“Vi possono accedere donne sottoposte a trattamento chirurgico- spiega Laura Sambri case manager referente del progetto- che preveda l’asportazione del complesso areola-capezzolo con età pari o inferiore ai 70 anni, un servizio che può restituire la fiducia in sé stesse e a migliorare il rapporto con il proprio corpo dopo un intervento ”. L’accesso al percorso di dermopigmentazione è consentito semplicemente contattando il PDTA mammella dell’Azienda Ospedaliera di Cona.

I più letti