quarantene covid
Somministrazione di vaccino Moderna a Bari il 22 dicembre 2021 (Getty Images).
quarantene covid
Salute

Quarantene: il Sudoku delle nuove regole

Il Consiglio dei ministri ha approvato nuove misure restrittive per fermare l’aumento dei contagi.

Il Consiglio dei Ministri si è riunito dopo le 20 al termine della cabina di Regia per valutare le indicazioni del Cts e delle Regioni e ha approvato nuove misure restrittive necessarie per fermare l’aumento dei contagi arrivati stasera a quota 98.020. I temi affrontati per scongiurare una paralisi di tutte le attività del Paese entreranno in vigore a gennaio e riguardano la modifica dei giorni di quarantena, l’obbligo vaccinale al lavoro esteso a ulteriori categorie, la capienza massima al 50% per impianti all’aperto e al 35% al chiuso e il Super green pass rafforzato anche per alberghi, ristoranti ed altre attività.

Quarantena

I tempi della quarantena per le persone in possesso del Green Pass rafforzato ottenuto con almeno due dosi o guarigione da oltre 120 giorni, sono ridotti da sette a cinque giorni. Per i soggetti con dose booster invece o in possesso del Green Pass rafforzato da meno di 120 giorni non sarà più prevista la quarantena, ma una forma di autosorveglianza (solo se in assenza di sintomi) e al quinto giorno dal contatto con il caso positivo si dovrà effettuare essere in possesso di un tampone con esito negativo. Fino al decimo giorno successivo all’ultima contatto con un positivo è fatto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo Ffp2 e di effettuare solo qualora sintomatici un test antigenico rapido o molecolare al quinto giorno successivo all’ultima esposizione al caso. Resta invariata la quarantena di 10 giorni per chi non è vaccinato.


Test antigenici

Si prevede che la cessazione della quarantena o dell’auto-sorveglianza dopo l’esito negativo di un test antigenico rapido o molecolare, effettuato anche presso centri privati. La trasmissione all’Asl del referto a esito negativo, con modalità anche elettroniche, determina la cessazione di quarantena o del periodo di auto-sorveglianza.


Super Green Pass


Dal 10 gennaio 2022 fino alla cessazione dello stato di emergenza, si amplia l’uso del Green Pass Rafforzato alle seguenti attività:

- alberghi e strutture ricettive

- feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose

- sagre e fiere

- centri congressi

- servizi di ristorazione all’aperto

- impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici

- piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto

- centro culturali, centro sociali e ricreativi per le attività all’aperto.

Inoltre il Green Pass Rafforzato è necessario per l’accesso e l’utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale.


Estensione del Green Pass rafforzato a ulteriori categorie

L’estensione del Green pass sul lavoro resta la grande incognita del nuovo anno. Nel primo elenco sono stati inseriti lavoratori di trasporti, fiere e ristoranti. Da gennaio quindi per queste categorie potrebbe non essere piu sufficiente il tampone ogni 48 ore ma si dovrà essere o guariti o vaccinati.


Capienze

Il decreto prevede che le capienze saranno consentite al massimo al 50% per gli impianti all’aperto e al 35% per gli impianti al chiuso.


Mascherine Ffp2

Sul tavolo del Governo si è parlato di prezzi calmierati per le mascherine Ffp2 obbligatorie per i mezzi di trasporto locali e a lunga percorrenza e per poter accedere a cinema, teatro e negli stadi. L’intenzione è di stipulare delle convenzioni con le farmacie.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti