Le rotte del narcotraffico in Europa
Getty Images
Le rotte del narcotraffico in Europa
News

Le rotte del narcotraffico in Europa

Le maxi operazioni antidroga effettuate sul territorio italiano nel 2014 da Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia di Stato

Droga e immigrazione: operazione dell'Europol

Oltre mille persone arrestate - tra cui 170 «facilitatori» dell'immigrazione clandestina, 90 trafficanti di esseri umani e 57 narcotrafficanti - e 599 kg di cocaina, 200 kg di eroina e 1,3 tonnellate di cannabis sequestrate.

È il risultato dell'operazione europea «Archimedes», condotta dal 15 al 23 settembre dalle forze di polizia di 34 Paesi e coordinata dall'Europol.

Il capo della Polizia, Pansa, ha commentato così la maxi operazione: "Sempre più si ripete, in ogni contesto, che le organizzazioni criminali assumano caratteristiche non riconducibili ad identità nazionali specifiche anzi, di contro, identificate da transnazionalità, dinamicità e flessibilità d'azione".

L'operazione ha interessato oltre 250 paesi e città in tutta l'Unione europea e alcune frontiere esterne. All'indagine hanno pertecipato oltre mille operatori delle agenzie di polizia dei 28 Stati membri e di Paesi terzi come l'Australia, la Colombia, la Norvegia, la Serbia, gli Stati Uniti d'America e la Svizzera.

Grazie anche alla collaborazione di Eurojust, Frontex e Interpol, è stato possibile interessare aeroporti, settori di frontiera terrestre, porti e città, consentendo l'arresto complessivamente di 1.027 persone, il sequestro di ingenti quantità di stupefacenti, l'individuazione di merci e medicinali contraffatti.

Bond americani falsi e droga: maxi operazione di Ros e Finanza

Arresti in tutta Europa. Un giro spaventoso di soldi e droga con collegamenti tra Italia e Stati Uniti. L’asse italiano era quello Puglia – Calabria per una collaborazione tra Scu e Ndrangheta. Oltre cinquanta i provvedimenti di custodia cautelare che i carabinieri del Ros e la Guardia di Finanza hanno eseguito in Italia ed altri paesi europei.

Le accuse, a vario titolo, sono di traffico internazionale di cocaina e spaccio di droga. Le indagini hanno documentato come l’organizzazione, utilizzando le rotte commerciali marittime, importasse la droga dalla Colombia e dall’Ecuador, introducendola in Europa attraverso i porti di Anversa ed Amburgo. Per gli approvvigionamenti della cocaina, destinata oltre che in Italia, anche in Belgio, Germania, Olanda ed Austria, era stato costituito un cartello che faceva capo a diverse cosche della ‘ndrangheta nel capoluogo milanese.

È stata accerata anche la compartecipazione al traffico da parte di boss di Cosa nostra.
Inoltre la Guardia di Finanza, in un'altra operazione ha sequestrato Bond falsi della Federal Reserve degli Stati Uniti d’America del valore nominale di 500 milioni di dollari. I bond, trovati a casa di uno dei trafficanti, dovevano servire per precostituire linee di credito da utilizzare per successivi investimenti.

Dalla Spagna e Olanda al porto di Napoli

Ansa

Maxi operazione antidroga a Napoli. I carabinieri hanno eseguito, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, una quarantina di arresti e hanno sequestrato beni per circa 30 milioni di euro.

I narcotrafficanti di tre clan importavano grosse quantità di cocaina e hashish da Olanda e Spagna.

Durante le attività investigative sono stati arrestati sei corrieri, sequestrati circa 600 chilogrammi di droga e scoperto un ingegnoso sistema per nascondere la sostanza stupefacente durante il trasporto verso l’ Italia nel serbatoio di un tir con vasi comunicanti azionabili elettronicamente, uno per nascondere la cocaina e l’altro per il gasolio.

In caso di controlli da parte delle forze dell’ordine con unità cinofile durante il tragitto, era possibile far confluire il carburante nello scomparto dove la droga imbustata veniva sistemata, rendendo più difficile ai cani fiutare la presenza della sostanza stupefacente.Le organizzazioni camorristiche coinvolte nel traffico sono i clan dei Contini, Nuvoletta e Gionta.

Hashish e marijuana in Sardegna

ANSA/ ANTONELLA SALVATOREAnsa

C’è anche l'assessore comunale cultura del comune di Gonnesa (Sulcis), fra i 45 arrestati stamane fra la Sardegna e il Lazio nella vasta operazione antidroga "Triplete" che ha consentito di scoprire un traffico di cocaina, hascisc e marijuana.

Le misure cautelari eseguite dai carabinieri del comando provinciale di Cagliari, con la partecipazione del Reparto elicotteri, sono in tutto 49, di cui 27 in carcere, 18 ai domiciliari e 4 obblighi di presentazione in caserma.

Il nome dell’indagine si riferisce al fatto che si tratta della terza operazione antidroga conclusa nel Sulcis dalla compagnia di Carbonia

L'asse Spagna - Napoli

A luglio 2014 la Squadra Mobile di Napoli e la polizia spagnola hanno sequestrato di circa 680 chili di cocaina nel porto spagnolo di Aguillas, nella regione di Murcia, in Spagna. Coinvolti molti trafficanti ed esponenti della camorra.

Droga in alto mare

Ansa

Maxisequestro da parte degli uomini della Guardia di Finanza di 136 tonnellate di droga (62 di hashish, 67 di marijuana e 7 di cocaina) trovate a bordo di due imbarcazioni, prive di bandiera, intercettate dall'Atr 42mp del Comando Operativo Aeronavale di Pratica di Mare mentre erano in navigazione nel Mediterraneo Occidentale. È avvenito a marzo 2014

La banda dello Shaboo

Sgominata un'organizzazione di trafficanti di shaboo, un potente stupefacente. Sette persone finiscono in carcere, 3 agli arresti domiciliari e altre 17 vengono indagate a piede libero. È il risultato di un'operazione antidroga dei Carabinieri effettuata il 16 dicembre tra il Lazio ed il Piemonte.

Si tratta di cittadini filippini e italiani, ritenuti responsabili di far parte di un gruppo criminale dedito al traffico di "Shaboo", stupefacente quasi 10 volte piu' potente della cocaina. L'indagine è la prosecuzione di un'attivita' che già nel 2012 portò all'arresto di 17 persone

Ti potrebbe piacere anche

I più letti