Politica

Con Potere al Popolo si torna a parlare di sinistra

Il movimento è stato capace di declinare un nuovo vocabolario della sinistra, mettere d'accordo i gruppi europei e avvicinarsi alla soglia di sbarramento

Conferenza stampa di ''Potere al Popolo''

Sara Dellabella

-

“Rimanda alle classi meno abbienti, alle persone che di solito non sono interpellate nelle scelte che riguardano la loro vita. E quando qualcuno entra qui dentro non si sente respinto dalla parola popolo, cosa che succederebbe se usassimo la parola proletariato”. Così in una delle tante interviste rilasciate negli ultimi due mesi, Viola Carofalo spiega la genesi del nome Potere al Popolo.

Nato dall'"inganno" del Brancaccio

Questo movimento nato dalla scissione del 18 giugno 2017, quando al Teatro Brancaccio di Roma, Anna Falcone e Tommaso Montanari in una grande assemblea pubblica stavano cercando un modo per riunire la sinistra.

In prima fila Massimo D'Alema, Pier Luigi Bersani, Nichi Vendola che poi sarebbero confluiti in Liberi e Uguali. Proprio durante quella manifestazione Carofalo si fece notare con un'invasione di campo, rimasta nelle memorie di YouTube, in cui denunciava uno “spazio elettorale già chiuso” da coloro che non ha stentato di definire “il vecchio che ritorna”.

Dalle ceneri di quell'esperimento nasce Potere al Popolo che gli ultimi sondaggi per le elezioni politiche del 4 marzo davano intorno al 2,7 per cento. Lontano ma non lontanissimo dalla soglia di sbarramento prevista dal Rosatellum.

Un capo politico che viene dai centri sociali

Viola Carofalo, capo politico non candidata, è una 37enne ricercatrice napoletana, una delle anime dello spazio occupato dell'ex Ospedale psichiatrico giudiziario, Je so' pazz, che oggi è un centro culturale dove vengono forniti servizi per la cittadinanza divenuto, in poco più di tre anni, punto di riferimento della città.

In poco più di tre mesi, questa forza è riuscita a declinare un nuovo vocabolario della sinistra, soprattutto di quella che negli ultimi anni è rimasta extraparlamentare, più vicina ai centri sociali, alle nuove forme di precariato e disuguaglianza.

Quelli di Potere al Popolo, non a caso, crescono nei consensi soprattutto in quelle periferie dove comincia a serpeggiare lo scontento verso i Cinque stelle, sempre più alle prese con le beghe interne, che fino a qualche anno fa invece spopolavano.  

L'appoggio europeo

Il consenso arriva anche dal gruppo GUE/NGL del Parlamento Europeo, che riunisce le sinistre europee, base dell'eurodeputata Eleonora Forenza, ora candidata a Bari per Potere al Popolo, che ha organizzato una conferenza stampa per chiarire le posizioni del neonato movimento. Abolizione dei trattati che hanno portato alle politiche di austerità e un'Europa più solidale sono i punti cardini del programma. 

Al di là del risultato elettorale del 4 marzo, il miracolo sembra già fatto.

Dopo anni, la sinistra ritrova una leader proveniente dai territori, capace di interpretare le esigenze e le difficoltà di una classe di giovani che giovane non dovrebbe essere considerata più. In vari dibattiti televisivi ha mostrato carattere da vendere, mettendo all'angolo esponenti e giornalisti ben più adusi ai salotti tv.

Con Potere al Popolo trovano rappresentanza tutti quei soggetti che negli anni più profondi della crisi hanno piantato nei territori esperienze di mutualismo sociale o sono rimasti con piccoli presidi laddove i partiti hanno spesso latitato.

Cosa li distingue dal Movimento 5 stelle? “Che i grillini hanno trasformato il disagio in movimento di protesta e Vaffa, mentre chi oggi è in Potere al Popolo, prima della politica, ha provato a costruire soluzioni dove ce n'era più bisogno” raccontano dalle retrovie.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Elezioni politiche 2018, chi sarà il prossimo presidente del consiglio

Saltata l'ipotesi di governo M5S-Lega, Carlo Cottarelli al Colle per ricevere il nuovo incarico

Elezioni 2018: come si vota

Due schede elettorali di due colori diversi: ecco come mettere le crocette al posto giusto per non sbagliare

Elezioni 2018, la ripartizione dei seggi

Senato: centrodestra 137 seggi, M5S 112, centrosinistra 60. Camera: rispettivamente 265, 227, 122. Parlamento senza maggioranza

Elezioni politiche 2018: le previsioni dei social

Matteo Salvini e Luigi Di Maio si contendono la palma dei politici più chiacchiarati della rete. Ma le proiezioni per il governo premiano il centro-destra

Elezioni politiche 2018: Salvini, l'alleato che vuole scalzare il Cav

Se riceverà più consensi nel centrodestra, si candida a capo del governo. Per questo la Lega, sull'onda dei fatti di Macerata, sta spingendo al Centro e nel Meridione. Ma Berlusconi lancia la controffensiva

Il futuro del Pd dopo le elezioni

Renzi potrebbe uscire più solo ma rafforzato da una sconfitta: avrebbe un partito di soli fedelissimi, con il quale giocare d'attacco. Anche con alleanze alla sua destra

Elezioni politiche 2018: sondaggi e previsioni seggi

Le ultime rilevazioni dicono che non ci sarà una maggioranza assoluta. Ma il centrodestra potrebbe farcela vincendo nei collegi incerti del sud

Commenti