Instagram
News

Perché al Messico non piace la Barbie Frida Kahlo

La nuova bambola, dopo essere stata messa in commercio, è stata subito ritirata, ecco perché

Quando alla vigilia dello scorso 8 marzo, festa delle donne, Mattel aveva annunciato la messa in commercio di 17 nuovi modelli di Barbie "ribelli" la notizia era stata accolta con un certo entusiasmo.

I modelli Shero

Si trattava di bambole che, allontanandosi dallo stereotipo della modella californiana, riproducevano i tratti di donne realmente vissute e che si erano distinte per la forza d'animo e per la capacità di raggiungere i propri sogni.

Il progetto Mattel di chiama Shero (She hero) e tra i personaggi femminili selezionati da Mattel c'era anche quello della pittrice Frida Kahlo.

In Messico, però, paese d'origine dell'artista, la bambola, dopo essere stata immessa nel mercato, è stata subito ritirata. 

Perché al Messico non piace la nuova Barbie

I diritti d'immagine di Frida, infatti, appartengono al Messico e, secondo la magistratura nazionale, la bambola Mattel non ha riprodotto fedelmente i tratti dell'artista rendendola troppo "bella" e cancellando alcune delle imperfezioni che hanno contribuito a creare il mito artistico e culturale della Kahlo. 

Gli eredi della donna intendono addirittura fare causa alla Mattel per aver danneggiato l'immagine di Frida. "Se avessero voluto fare un omaggio a Frida - ha detto Mara Romeo Pineda, nipote in secondo grado della Kahlo - avrebbero dovuto ritrarla in maniera più veritiera, con le sue imperfezioni fisiche, il volto segnato dalle cure, la gamba più corta dell'altra. Non hanno usato nemmeno gli abiti tipici e i gioielli messicani, che mia zia tanto adorava".

Che si tratti di una mossa per splillare denaro al colosso dei giocattoli Usa o una rivolta culturale nei confronti della globalizzazione (anche) dei miti non è dato saperlo, ma quel che è certo è che le bambine messicane per Natale non potranno chiedere in dono la Barbie dell'artista simbolo della propria terra.

Per saperne di più:

Ti potrebbe piacere anche