Papa Francesco in Polonia prende il tram
ANSA/ETTORE FERRARI
Papa Francesco in Polonia prende il tram
News

Papa Francesco in Polonia prende il tram

A Cracovia, dove andrà dal 28 al 31 luglio per la Gmg, invece della papamobile salirà sul mezzo pubblico

Aveva stupito il mondo salendo su una piccola utilitaria in occasione della Giornata mondiale della Gioventù a Rio de Janeiro nel 2013 e da quel momento Papa Francesco non ha più voluto auto blindate e di rappresentanza.
Ma a Cracovia in Polonia, dove si recherà dal 28 a 31 luglio per la Giornata mondiale della Gioventù, Bergoglio farà ancora di più: lascerà la papamobile per salire sul tram! Un po' come faceva quando era arcivescovo di Buenos Aires: allora si recava nelle periferie della città prendendo la metropolitana come un comune cittadino.
Sarà un tram storico, uno dei simboli della città di Cracovia, che lo porterà dal centro al grande parco di Blonia, dove si terranno due celebrazioni con i giovani. Con lui, sul tram, saliranno anche alcuni bambini e disabili.

In Polonia attesi due milioni di giovani
Come ha potuto constatare Panorama, fervono in Polonia i preparativi per la Giornata mondiale della gioventù (Gmg) di luglio. Un orologio sulla facciata della Chiesa di Santa Maria sulla Rynek Glowny, la piazza del Mercato, scandisce il count down: - 78 giorni all'inizio della Gmg, che partirà ufficialmente il 25 luglio. «Per la messa finale con il Papa sono attesi da 1,5 a 2 milioni di giovani», spiega Szymon Gatlik della municipalità di Cracovia, «ma almeno 600 mila arriveranno nei giorni precedenti per seguire le catechesi e il festival della gioventù». Oltre 90 mila sono gli italiani che si sono già iscritti e si prevede che saranno il gruppo più numeroso dopo i polacchi.

Papa Francesco si affaccerà dalla finestra di Giovanni Paolo II
Il programma della visita papale non è ancora stato definito nei dettagli, ma già si sa che Francesco oltre che nella città dove san Giovanni Paolo II è stato arcivescovo, si recherà anche al santuario della Madonna Nera di Czestochowa, al santuario della Divina Misericordia, vicino Cracovia, dove sono custodite le reliquie del santo e al campo di concentramento di Auschwitz. Visiterà inoltre l'ospedale pediatrico di Prokocim e si affaccerà dalla finestra di Wojtyla.

Imponenti misure di sicurezza, stop a Schengen
Una delle preoccupazioni principali naturalmente è la sicurezza, perciò si sta predisponendo un sistema imponente, con almeno 7 mila poliziotti, più l'esercito, vigili urbani e 2 mila vigili del fuoco. Inoltre, per un mese, dal 2 luglio al 2 agosto la Polonia sospenderà il trattato di Schengen sulla libera circolazione. Perciò tutti coloro che entreranno nel Paese, anche i cittadini comunitari, saranno controllati.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti