Ansa
News

'Ndrangheta, il codice delle regole interne

Tutti i "Canoni" ovvero usi, riti e norme dell'organizzazione mafiosa più potente al mondo

Il boss latitante Marcello Pesce, arrestato dalla Polizia il primo dicembre del 2016, aveva attivato un sistema aziende e società intestate a prestanomi, attraverso le quali esercitava il pieno controllo del trasporto di merci su gomma.

L'inchiesta "Recherche 2" della Squadra mobile di Reggio Calabria e dallo Sco di Roma che ha portato all’arresto di 20 affiliati alla cosca del boss Pesce, ha ricostruito tutti gli affari e i traffici di droga gestiti dalla ‘ndrina rosarnese. La cosca gestiva anche un traffico di sostanze stupefacenti con soggetti delle province di Cosenza, Vibo Valentia e Catania. Tra le aziende sequestrate questa mattina e riconducibili a Marcello Pesce anche la Getral, Le Tre Stagioni, Azienda Agricola Rocco Pesce.

Noi abbiamo ricostruito i “codici d’onore” dell’organizzazione mafiosa considerata tre le più potenti al mondo con l’aiuto del Generale dell’Arma dei Carabinieri, Pasquale Angelosanto, per moltissimi anni Vice Comandante del Ros e autore del libro “Il Canone e le proiezioni internazionali della ‘Ndrangheta”.

Battesimo di "una locale"

La 'Ndrangheta, in linea generale, apra una "locale" in ogni paese dove è presente una Caserma dei Carabinieri. "...in un paese dove non c'è una caserma dei Carabinieri non si può aprire una locale perchè la 'ndrangheta è un corpo rivale". Questo quanto scrive il generale Angelosanto nel suo libro, facendo riferimento ad un verbale del boss Antonino Belnome. Non si tratta solo di un atteggiamento antagonistico, ma gli ndranghetisti voglio raggiungere una diffusione capillare sul territorio al pari dei carabinieri.

La "locale" è una tipica espressione gergale 'ndranghetista- scrive il militare- e prende il nome della locale di provenienza. Non viene infatti indicata la "locale di Torino" bensì, ad esempio, la "locale di Natile (di Careri) a Torino".

"Questo è indicativo di un processo di colonizzazione e del rapporto di dipendenza-subordinazione dalle locali madri della Calabria"

I pagamenti alla mamma di Reggio

A conferma della dipendenza delle locali e dell'unitarietà della struttura 'ndranghetista, la "locale" distaccata effettua dei pagamenti, una sorta di tributo alla "mamma di Reggio Calabria".

"I versamenti alla mamma del crimine avvengono annualmente- spiega Angelosanto nel suo libro - solitamente in occasione del raduno che si svolge a Polsi il 3 settembre".

La Riunione dei Polsi

Il generale dei Carabinieri scrive: "La riunione al santuario dei Polsi che si svolge ogni prima domenica di settembre, rappresenta la massima espressione del vertice di comando della 'ndrangheta. Al Santuario dei Polsi si riuniscono tutti i capi dei locale e a questa riunione di forma il "crimine". Ogni anno viene effettuato un nuovo banco e vengono nominati i referenti in ogni paese".

Durante l'operazione dei Ros denominata "Il crimine", i militari filmanoal santuario dei Polsi, il cosiddetto giuramento a "circolo formato".

Il tribunale e la trascuranza

"La 'ndrangheta cerca di preservare il prestigio dei suoi appartenenti - spiega Angelosanto- l'affiliato non "sbaglia" mai semmai commette una mancanza , una svista che prende il nome di "trascuranza""

A conferma dell'unitarietà dell'organizzazione criminale, esiste un "tribunale" ovvero un'autorità preposta al giudizio degli errori.   

Integralismo 'ndranghetista

"In Calabria non si affilia mai così per così, non si affilia mai un napoletano o un siciliano, sono cose rare, rarissime. Si è rigidi nelle regole anche con i nostri figli, questo ci differenzia", riporta il generale da un verbale del boss Belnome.

Ogni persona o ogni località "non calabrese" viene trattata con diffidenza.   

La copiata

Sono i nomi dei solidali che un compartecipe deve ricordare in quanto sono coloro che lo hanno affiliato o che gli hanno conferito un avanzamento di grado, attribuendogli una "dote" superiore, viene scritto del testo “Il Canone e le proiezioni internazionali della ‘Ndrangheta”. 

"La 'copiata' viene indicata al momento dell'investitura o del rito di conferimento o di passaggio da un grado all'altro ed è costituita da una terna di nomi che per un affiliato di una locale diversa da quella di appartenenza, rappresenta un codice di autentificazione e riconoscimento".   

Società minore o società di sgarro

All'interno della gerarchia 'ndranghetista c'è la cd. "società maggiore" che è quella che ha potere decisionale e di relazione con le altre organizzazioni criminali. Poi c'è quella cosiddetta "minore" composta da un Capo giovane da quale dipende un Puntaiolo e un Picciotto di giornata. Allo sviluppo dell'organizzazione, però, si è avuto anche uno sviluppo di nuovi gradi  e regole:

Contrasto onorato: sono soggetti che non appartengono all'ndrangheta ma di cui ci si può fidare e che potrebbero entrare a farne parte; Giovane d'onore: è data per diritto ai discendenti maschi di appartenenti allacosca e che potrebbero farne in parte in futuro. Non è un grado ma un riconoscimento che potrebbe esprimere un concetto di potenzialità che deriva iure sanguinis; Picciotto: è la prima dote che un "contrasto" può acquire entrando a far parte della ndrangheta. Questo grado può essere concesso solo al 14 anno di età; Camorrista: è la seconda dote della gerarchia. Si può essere battezzati camorristi senza essere stati prima picciotti. C'è però, il 'camorrista semplice", il 'camorrista di fibbia' quando può convocare una riunione, il 'camorista formato' quando può sostituire il capobastone del proprio locale; Sgarrista: sono la colonna portante della ndrangheta.Esiste lo 'sgarrista di sangue' e lo 'sgarrista definitivo' .

Società maggiore o santa

la "Santa" è una formazione compartimentata interna della stessa 'ndrangheta- scrive il generale Angelosanto - secondo le indicazioni di molti collaboratori di giustizia, è nata ametà degli Anni '70 in seno all'organizzazione  e ne fa parte chi ha il grado di santistache è uno dei gradi apicalidella gerachia'ndranghetista"

I gradi della 'società maggiore':

-Il santista: è il primo grado; il 'vangelista': colui che ha prestato fedeltà all'organizzazione ponendo la mano su copia del Vangelo; il quartino:grado successivo al vangelista; il trequartino: grado successivo al quartino; padrino o quintino: grado apicare che uno 'ndranghetista può raggiungere. E' attribuito a pochi soggetti. 

Le cariche nella società minore

Il capo giovani è colui che comada la società minore. ed è l'unico che può emntrare in contatto con esponenti della società maggiore. 

Il puntaiolo deve vigilare sul comportamento dei giovani affiliati e riferice al Capo giovani.

Il picciotto di giornata è colui che fa girare le "novità" tra i componenti della società minore

Le cariche della società maggiore

Il capo bastone è il responsabile della locale e ha capacità decisionale autonoma; il mastro di giornata è il portavvoce del capo bastone, tramite lui gli affiliati ricevono le notizie e le informazioni. ll Contabile è colui che è preposto alla gestione dei proventi delle attività illecite e provvede al mantenimento economiche delle famiglie bisognose. il Crimine, invece, è colui che è responsabile della pianificazione ed esecuzione delle azioni delittuose.

  

Sorella d'omertà

"E' rappresentata dalla donna che è legata in qualche modo all'uomo d'onore- scrive Angelosanto - le donne non fanno alcun giuramento di fedeltà alla ndrangheta perchè il loro primo dovere è quello di essere fedeli al proprio uomo"

"Se viene riconosciuto loro questo titolo, queste hanno il compito di dare assistenza ai latitanti, di far circolare le'masciate, mantenere i contatti tra detenuti e l'organizzazione esterna".

Spogliato

"Nel gergo dello 'ndranghetista- specifica il generale Angelosanto- è l'affiliato espulsodall'organizzazione, ovvero provato della veste o della camicia che simbolicamente, il battezzato indossa al momento dell'affiliazione"

Lo spogliato viene sottoposto a processo del loro tribunale.

"Questo organismo è composto dal capo società che fnge da giudice, dal crimine che rappresenta l'accusa e dalla "carità" che ha funzioni di difesa del reo". 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti