1994: le frasi di un ventennio

Come Silvio Berlusconi ha rivoluzionato non solo la politica ma anche il suo linguaggio

Silvio Berlusconi in un'immagine del 1998 – Credits: Farinacci/Ansa

Claudia Daconto

-

Ecco, anno per anno, le frasi indimenticabili di Silvio Berlusconi, dopo la sua discesa in politica.

1994

L'Italia è il paese che amo.

Alla Rai non sposterò nemmeno una pianta.

Bossi, quando parla, sembra un ubriaco al bar.

Io sono l'unto del signore, c'è qualcosa di divino nell'essere scelto dalla gente.

I giudici di Mani Pulite vanno arrestati, sono un’associazione a delinquere con licenza di uccidere che mira al sovvertimento dell’ordine democratico.

1995

Mai più un governo con Bossi.

Io sono semplicemente un imprenditore che fa miracoli.

Chi salvo fra Dini, D’Alema, Prodi, Veltroni e Bertinotti? Li butto tutti dalla torre e poi chiedo il Nobel per la pace.

1996

Ormai i capelli li devo chiamare per nome.

Non è la par condicio che mi fa venire l’orticaria, ma sono quelli che spadroneggiando sui mezzi di informazione in lungo e in largo, da sempre, quando arrivano le elezioni diventano le prefiche della par condicio.

Il governo Prodi porta l’Italia verso un regime: il regime della sinistra egemonica, dei post - comunisti e dei clerico - comunisti. Non possiamo consentire che ciò avvenga, vogliamo la libertà.

1997

Accusare me di corruzione è come arrestare Madre Teresa di Calcutta perché una bambina del suo istituto ha rubato una mela.

Ora la sinistra è falce, martello e manette.

Credo che l’Italia non possa accettare di dare al mondo l’immagine di chi butta a mare qualcuno che fugge da un Paese vicino, temendo per la sua vita, cercando salvezza e scampo in un paese che ritiene amico. Il nostro dovere è quello di dare temporaneo accoglimento a chi si trova in queste condizioni.

1998

Cara Santità, mi lasci dire che lei assomiglia molto al mio Milan. Infatti, lei, come noi, è spesso all’estero, cioè in trasferta, a portare in giro per il mondo un’idea vincente. Che è l’idea di Dio.

La svolta? Ormai Bossi è un disperato e la Lega sotto il 4 per cento dei consensi.

Quando Cossiga manifesta il proposito di cacciare Berlusconi dalla politica per prendergli il posto e’ come se gli 8 milioni di voti di FI e i 16 del Polo fossero anime morte che si acquistano o si ereditano, come si faceva con i mugiki in Russia prima dell’emancipazione dei servi della gleba.

1999

Non dico di essere l’unica persona seria ai vertici della politica italiana. Ma poco ci manca.

I Ds sono i mandanti delle procure giacobine. Noi non attacchiamo la magistratura, ma pochi giudici che si sono fatti braccio armato della sinistra per spianare a questa la conquista del paese.

2000

Mi dispiace, capirà, posso solo dire che era un amico da vent’ anni» (al funerale di Craxi)

Io ho cinque figli, Umberto quattro: non ci tradiremo, non potremmo più guardarli negli occhi.

Ha ragione Cossiga, i “signori del malocchio” esistono, ma noi stiamo dimostrandoci più forti dell’ invidia e anche del malocchio» (dopo una febbre a 39 e dopo il polso rotto del suo portavoce Bonaiuti).

2001

Lei è un dipendente del servizio pubblico, si contenga! (rivolto a Michele Santoro)

Rutelli è più bello di me, ma le elezioni non sono un concorso di bellezza.

Ho insegnato al Milan come si gioca al calcio.

2002

L’uso che Biagi – come si chiama quell’altro? –, Santoro – ma l’altro? –, Luttazzi, hanno fatto della televisione pubblica, pagata con i soldi di tutti, è un uso criminoso.

Hanno fatto una prova anche su di me, sulla mia funzionalità cerebrale e fisica e hanno deciso che sono un miracolo che cammina.

Mi sta venendo un complesso di superiorità tanto che dico: “Meno male che ci sono io”.

2003

Prodi è la maschera dei comunisti.

L’impunità non è la mia ma di quei giudici che muovono accuse false e sono ancora al loro posto e sono quasi organici alla sinistra.

Signor Shultz, so che in Italia c’è un produttore che sta montando un film sui campi di concentramento nazisti. La suggerirò per il ruolo di kapò.

Ai miei tempi potevo dirmi abbastanza alto, oggi con le nuove generazioni confesso di essere sotto la media. Ma non significa essere così nano come mi dipinge la satira.

2004

Solo mia mamma mi vuole bene, altro che Gianfranco. Lei mi dice sempre: «Dai Silvio, sai che tutti ti amano».

La stampa straniera è normalmente di sinistra e ci presenta in modo diverso dalla realtà.

Il pubblico italiano non è fatto solo di intellettuali, la media è un ragazzo di seconda media che nemmeno siede al primo banco. E' a loro che devo parlare.

2005

Sono in politica perché il Bene prevalga sul Male. Se la sinistra andasse al governo l’esito sarebbe questo: miseria, terrore, morte. Così come avviene ovunque governi il comunismo.

Se ci fosse un Croce, un De Gasperi o un Salvemini me ne andrei anche, ma non li vedo, e non vedo neanche un Van Basten in panchina.

Non credo che gli elettori siano così stupidi da affidarsi a gente come D’Alema e Fassino, a chi ha una complicità morale con chi ha fatto i più gravi crimini come il compagno Pol Pot.

2006

Non ho mai fatto affari con la politica, anzi ci ho perso e basta.

Io sono colui che ha partecipato meno alle trasmissioni televisive rispetto ai leader della sinistra.

La Rai è una vera e propria macchina da guerra contro di me. E anche le mie televisioni mi remano contro.

La magistratura è una malattia della nostra democrazia, dobbiamo assolutamente cambiare l’ordine giudiziario, non lascerò la politica finché un cittadino non potrà andare davanti a un giudice che sia veramente imparziale.

Ho troppa stima dell’intelligenza degli italiani per pensare che ci siano in giro così tanti coglioni che possano votare facendo il proprio disinteresse.

C'è uno stato parallelo nelle mani della sinistra che controlla le scuole superiori, le università, i giornali, le radio, le televisioni, la magistratura.

2007

Non ho mai registrato tanto entusiasmo nei miei confronti negli ultimi 14 anni, al punto che mi sono venute le stigmate.

Con Fedele Confalonieri abbiamo fatto un patto: il primo che vede l’altro un po’ rincoglionito glielo dice.

Berlusconi e il Papa stanno camminando lungo il fiume Tevere quando al Papa cade la Bibbia in acqua. Berlusconi si avvicina alle acque e, camminando sulla superficie senza affondare, la recupera. Il giorno dopo l’Unità titola: ”Berlusconi non sa nuotare!”.

In Rai sono tutti raccomandati. Lo sanno tutti, ci lavora solo chi si prostituisce e chi è di sinistra.

2008

A Veltroni ho detto: sono il tuo Messia, ti libero dall’abbraccio mortale della sinistra.

Il pubblico accusatore dovrebbe essere sottoposto periodicamente a esami che ne attestino la sanità mentale.

Ho detto al Presidente [Medvedev] che Obama ha tutto per poter andare d’accordo con lui: perché è giovane, è bello e anche abbronzato.

2009

Le dico di essere stato e di essere di gran lunga il migliore Presidente del Consiglio che l'Italia abbia potuto avere nei suoi 150 anni di storia.

Ho speso più di 200 milioni di euro per consulenti e giudici, sono l'uomo più perseguitato della storia.

Ho deciso di impegnare tutto me stesso in politica per preservare il mio Paese da un’ipotesi comunista»

Per uscire dalla crisi bisogna essere ottimisti.

È come una metastasi. Bisogna reagire perché altrimenti non ci saranno più imprese, italiane o straniere, disposte a lavorare nel nostro Paese (sulla magistratura).

Al premier vanno attribuiti maggiori poteri rispetto a quelli attuali di fatto inesistenti, finti.

È il liquidatore del Pd. Quando va in giro, nessuno gli va incontro, io sono sommerso da manifestazioni d’affetto» (su Dario Franceschini).

Mai avuti rapporti piccanti con le minorenni. Se fosse successo, mi sarei dimesso immediatamente.

La carta dei valori della sinistra è Novella 2000.

Non mi fermerà nessuno, alla democrazia ghe pensi mi.

L’anomalia italiana non è Silvio Berlusconi, lo sono i pm comunisti e i giudici comunisti di Milano. Solo da quando Silvio Berlusconi è sceso in politica e ha sottratto il potere ai comunisti, ha subito 103 processi.

Se trovo chi va in giro a fare nuove serie sulla Piovra e a scrivere libri sulla mafia che hanno dato al mondo questa immagine dell’Italia, li strozzo.

Da quando è nata Forza Italia sono la persona più indagata dell’universo.

2010

Eluana Englaro doveva essere salvata.

In questi giorni mi hanno dato del Paperone. Io sarò pure Paperone, ma la sinistra è la Banda Bassotti.

Se vuoi fare politica, non puoi fare il presidente della Camera (rivolto a Gianfranco Fini).

Contro di me un inaccettabile killeraggio mediatico.

I veri studenti sono a casa studiare. In piazza ci sono solo i centri sociali e gli studenti fuori corso .

Il bunga-bunga è solo una vecchia storiella e lo sapete. Una storiella bellissima, di tanti anni fa, che mi ha fatto ridere molto.

Tre giorni e Napoli sarà libera dalla spazzatura.

2011

Ho una relazione stabile con una persona.

Come fa a governare Pisapia che non ha mai amministrato neppure un’edicola di giornali?

Crisi da noi? Ma se i ristoranti sono pieni.

2012

Ora mi sono fatto da parte, anche nel mio partito. Avrò un ruolo di padre fondatore.

Quando saremo chiamati a scegliere il nostro candidato premier, lo faremo attraverso lo strumento delle primarie, ma io ho già detto e ripetuto che sosterrò lui, Angelino Alfano.

Sono assediato dalle richieste dei miei perché annunci al più presto la mia ridiscesa in campo alla guida del Pdl.

Se scende in campo diventa uno qualunque. Lui dice che sale in politica perché prima aveva un rango inferiore, quando l’ho fatto io prima avevo un rango superiore e quindi sono sceso. (riferito a Mario Monti)

2013

Delibereremo la restituzione dell'Imu.

I miei figli come ebrei sotto Hitler.

2014

Io sono qui e resto qui, sentendo su di me chiara e forte tutta la responsabilita' che mi viene dalla fiducia e dal voto dei cittadini. Resto in campo, piu' convinto che mai di dover combattere fino alla fine per veder prevalere quello in cui credo profondamente.

La Corte Costituzionale e' un organismo politico della sinistra. I Capi dello Stato hanno approfittato del potere di nomina di cinque giudici, e hanno mandato li' dei loro amici di sinistra.

Di Battista chi? (riferito al deputato grillino Alessandro Di Battista)

Bersani avversario leale. 

© Riproduzione Riservata

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965