India, una donna alla testa della banca di Stato
India, una donna alla testa della banca di Stato
News

India, una donna alla testa della banca di Stato

Per la prima volta in 206 anni Delhi ha nominato una donna a capo della SBI. Si chiama Arundhati Bhattacharya e ha 57 anni

Metti una donna a capo di una banca, e mica una banca qualunque. In India l'ultimo bastione del dominio maschile in termini bancario-finanziari è da poco crollato. Il governo di Delhi ha deciso di mettere a capo della SBI (la banca di Stato indiana che detiene il 22% dei conti correnti e il 23% dei prestiti erogati nel Paese) la 57enne Arundhati Bhattacharya.

E' la prima volta in 206 anni di vita dell'istituto finanziario che una donna viene nominata amministratore delegato, e in molti già credono che questo sia l'inizio di una nuova era per tutte le donne indiane.

Non solo stupri, violenze e sottomissione. La nomina di Arundhati Bhattacharya alla testa di SBI testimonia la sensibilità del governo indiano alle tematiche di genere. C'è da dire, però, che Bhattacharya non è stata certo scelta solo in virtù della suo colorazione "rosa", ma è una manager navigata che opera nel settore bancario dal lontano 1977.

Trentasei anni di carriera tutta in ascesa. La nuova AD della banca di Stato indiana si è recentemente distinta per i successi raggiunti nei nuovi settori di competenza che le sono stati affidati (come quello assicurativo) e, soprattutto, ha guadagnato terreno grazie alle sue doti negoziali con i sindacati.

Nel 2012 gli impiegati della SBI sono scesi in piazza in tutto il Paese quando l'istituto ha deciso di restare aperto 7 giorni su 7. Ai tavoli con i rappresentanti dei lavoratori si è seduta lei e dopo pochi giorni le proteste erano rientrate. Oggi le sedi SBI restano aperte tutta la settimana. Una cosa che non è passata sottotraccia con gli alti papaveri di Delhi.

Fonti interne della banca sostengono che l'AD ha dovuto sostenere una serie di colloqui prima di essere nominata, e i suoi competitor erano tutti uomini. Ma, alla fine, l'ha spuntata lei, e adesso tutte le donne d'India guardano alla Bhattacharya come a un'icona vincente, da sventolare per continuare a chiedere il rispetto dei loro sacrosanti diritti.

Va detto che il settore bancario è in controtendenza rispetto al resto del mondo del lavoro indiano. Si calcola che siano donne circa il 40% dei direttori di banche commerciali indiane, contando sia le sedi sul territorio che quelle all'estero. Due nomi per tutte: Kalpana Morparia (CEO della JP Morgan India), e Meera Sanyal (Direttore Esecutivo di RBS India).

Dopo le pessime storie che recentemente hanno squarciato il velo sulla drammatica condizione delle donne in India, la nomina e il successo di Arundhati Bhattacharya sta esaltando le attiviste. Consapevoli, però, che la strada da percorrere è ancora molto lunga. Ma, almeno, questo è un buon inizio.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti