EPA/IRANIAN SUPREME LEADER'S OFFICE HANDOUT
News

Generale Qasem Soleimani, il ritratto dell'uomo forte dell'Iran

Stratega politico e militare, uomo forte nel mondo dell'Iran, ecco chi era il generale Soleimani ucciso da un raid Usa a Baghdad

Qasem Soleimani non era semplicemente un generale, era in assoluto uno degli uomini più potenti e temuti non solo in Iran ma in tutto il Medio Oriente, nel Golfo Persico, in Asia. Di sicuro stiamo parlando di una figura centrale nel governo di Teheran di cui Soleimani di fatto gestiva la parte principale della politica estera, militare ma anche diverse questioni interne.

Qasem Soleimani di fatto è stato il principale nemico della politica estera Usa in quella parte del mondo; la sua missione principale infatti è sempre stata quella di bloccare le mire espansionistiche e di controllo di Stati Uniti-Israele ed Arabia Saudita negli ultimi 20-30 anni. Ma non solo. Soleimani infatti è stato l'uomo che ha gestito, anzi, combattuto e sconfitto le avanzate dell'Isis e delle altre forze terroristiche a matrice islamica in Iran e Siria. E' stato lui in prima persona con la sua unità speciale "Al Quds" (o "Brigata Gerusalemme") a evitare la caduta nelle mani del Califfato di Teheran e di Damasco.

In Iran per tutto questo era diventato un po' un eroe nazionale una sorta di figura di "tutela" per tutto il paese. 

Ed è proprio come abilissimo generale, come stratega militare, che Soleimani vede crescere la sua forza popolarità e peso politico in Iran. Dopo diversi successi sul campo di battaglia che lui stesso definisce come il "Paradiso", Soleimani riorganizza  la élite del Corpo dei Guardiani della Rivoluzione Islamica, composta da 5000 uomini fidatissimi e sceltissimi in qualcosa di più di una formazione militare e bellica, facendola diventare una potenza anche di intelligence e politica per arrivare alla nascita di quello che in Iran tutto chiamano "l'asse della resistenza" all'egemonia di Usa, Israele ed Arabia Saudita in quell'area del mondo.

I successi sui campi di battaglia e la sua devozione totale alla Rivoluzione lo porta a crescere in maniera esponenziale il suo peso politico. Di fatto diventa il gestore dell'intero servizio di intelligence del paese e responsabile della politica estera. Senza il suo assenso nulla viene deciso neanche dal Presidente iraniano Hassan Rouhani.

Soleimani era temuto e ricercato dalle principali intelligence di tutto il mondo. In questi giorni, durante l'assedio dell'ambasciata Usa a Baghdad la Cia era certa della presenza del generale nell'area e certa anche della sua reponsabilità nell'accaduto.

"Quando entrava in una stanza affollata lo faceva piano e si metteva seduto in un angolo, solo, ad osservare gli altri - lo racconta un generale iraniano - così tutti parlavano di lui. Non urlava, non alzava la voce, ma aveva presenza, carisma..."



Ti potrebbe piacere anche

I più letti