Torna Forlì Open Tennis, bello e ricco come non mai
(Ferruccio Tassinari)
Torna Forlì Open Tennis, bello e ricco come non mai
News

Torna Forlì Open Tennis, bello e ricco come non mai

Il torneo sulla terra che ha lanciato grandi campioni si prepara al via con un parterre di partecipanti mai così di livello

Tutto pronto per il via di Forlì Open Tennis, il torneo che ha fatto conoscere al mondo il talento di Lorenzo Musetti e di Maxime Cressy e che si prepara a tornare in un’edizione che si preannuncia come la più interessante e ricca di top 50 della sua giovane storia. Dal 29 maggio al 5 giugno il torneo ATP 125 organizzato dal 2020 a Villa Carpena, ospiterà ancora una volta i talenti emergenti del tennis mondiale oltre che alcuni dei nomi più noti del circuito, in una competizione su terra rossa che, per la prima volta dopo oltre 10 anni, avverrà durante la seconda settimana del Roland Garros e che, proprio per questa ragione ospiterà alcuni dei personaggi più celebri del ranking mondiale usciti troppo presto dello Slam parigino.

A dare l’adesione al torneo, in attesa delle wild card dell’ultimo momento sono stati già molti nomi noti del circuito. I sei tennisti top 100 che guidano l’entry list sono nell’ordine di classifica Atp: il boliviano Hugo Dellian, n.87; lo spagnolo Carlos Taberner, n.88; l’argentino Thomas Etcheverry, n.90; lo spagnolo Jaume Munar, n.91; l’australiano John Millman, n.93; il tedesco Jan-Lennard Struff, n.99. A loro vanno aggiunti nomi del calibro di due ex top ten, lo spagnolo Fernando Verdasco, già n.7 Atp e vincitore di tre coppe Davis e del francese Lucas Pouille, capace di entrare nei top ten mondiali nel 2018, al numero 10, vincitore della Coppa Davis 2017. Per continuare con gli attesi azzurri Andreas Seppi, veterano di Coppa Davis ed ex n.18 del mondo; Marco Cecchinato, semifinalista al Roland Garros nel 2018 e già n.16 Atp nel 2019; Gianluca Mager, top cento Atp; il talentuoso ventenne Flavio Cobolli. E poi ancora, l’esperto uruguaiano Pablo Cuevas, già top 20 mondiale; il bosniaco Damir Dzumhur, in passato n.23; il giapponese Taro Daniel, già n.64 del mondo e per anni numero 1 di Giappone in Coppa Davis; l’italiano di origini argentine Franco Agamenone, n.151 Atp e recente vincitore del Challenger di Roma“Per noi si tratta di un risultato davvero eccezionale - spiegano gli organizzatori Cosimo Napolitano di NeN Events e Ferruccio Tassinari del circolo Villa Carpena - perché ATP non concedeva tornei nella seconda settimana del Roland Garros da oltre 10 anni e, va da sé, che abbiamo già avuto contatti e preadesioni al torneo da parte di nomi di fama mondiale”.Del resto il Forlì Open, nei suoi 2 anni di vita, ha dimostrato di essere un incubatore di talenti destinati a farsi strada nel ranking, a partire da Lorenzo Musetti, vincitore della prima edizione del 2020, organizzata a tempo di record durante il lockdown da un gruppo di amici ed amanti del tennis. “Quando arrivò a Forlì - raccontano oggi - Lorenzo era il n. 249 del ranking ed era considerato una giovane promessa, ma durante la settimana del torneo mise in mostra quel talento e quelle qualità che lo portarono alla vittoria e che gli hanno fatto rapidamente scalare la classifica mondiale, in cui oggi occupa la 56^ posizione”.Stesa sorte è toccata a Maxime Cressy, sconfitto da Nadal nella finale del torneo di Melbourne, che proprio da Forlì, dove ha vinto la terza edizione del torneo disputatasi a dicembre 2021, ha iniziato la scalata al ranking mondiale in cui occupa la 59^ posizione.Il respiro internazionale della manifestazione - che fin dalla sua prima edizione ha ospitato teste di serie provenienti da Stati Uniti (Frances Tiafoe, 33^ nel ranking), Inghilterra (Cameron Norrie 12^ nel ranking), Sud Africa (Lloyd Harris 31^ nel ranking) e Argentina (Federico Coria 64^ nel ranking) - quest’anno verrà ulteriormente ampliato anche grazie a una serie di eventi off che animeranno le giornate e le serate della città con talk show, musica live e appuntamenti dedicati agli appassionati del tennis.“Forlì si riconferma punto di riferimento importante per il tennis professionistico - ha dichiarato il sindaco Gian Luca Zattini -. Con il torneo ATP 125 Forlì Open Tennis, il Circolo di Villa Carpena e la città intera tornano protagoniste di sfide di altissimo livello, a riprova del grande momento di gloria che tutto il territorio sta vivendo nello sport agonistico e di eccellenza. Dopo due lunghi anni di emergenza pandemica, la ripartenza passa anche dalla programmazione di eventi prestigiosi come questo, che coniugano la competizione di giocatori professionisti di elevato valore sportivo con la valorizzazione del territorio e il rilancio del settore turistico”.

I più letti