Esteri

Usa, Giappone, Corea del Sud e Russia: fronte comune contro Pyongyang

Dopo il lancio nordcoreano della bomba all'idrogeno, le diplomazie sono al lavoro per studiare le contromisure

corea-del-nord

Redazione

-

Giappone e Corea del Sud chiedono "le più forti misure possibili" contro la Corea del Nord, "a un livello completamente nuovo", dopo l'ultimo test nucleare di ieri condotto dal regime di Kim Jong-un.

Nel corso di una conversazione telefonica il presidente sud-coreano, Moon Jae-in, e il primo ministro giapponese, Shinzo Abe, hanno discusso del coordinamento da tenere dopo il test nucleare nord-coreano di ieri.

Moon ha sottolineato l'importanza di portare le pressioni e le sanzioni "al massimo livello, in modo da costringere la Corea del Nord a tornare al tavolo dei negoziati".

I leader di Giappone e Corea del Sud, ha dichiarato il portavoce, Park Su-hyhun, si impegneranno a "cooperare strettamente tra di loro e con gli Stati Uniti" per "fortissime sanzioni e pressioni" contro Pyongyang, dopo il test rivendicato con successo dalla Corea del Nord di una bomba all'idrogeno che sarebbe in grado di essere montata su un missile balistico intercontinentale.

Alleanza di ferro

Ieri, Abe aveva parlato al telefono con il presidente Usa, Donald Trump, a poche ore dal precedente colloquio telefonico. Aveva chiesto "pressioni più forti" nei confronti di Pyongyang e ha ribadito che "Giappone e Stati Uniti sono insieme al 100%".

Gli Stati Uniti si sono detti pronti a utilizzare il proprio arsenale nucleare nel caso in cui la Corea del Nord continui a minacciare il paese e o i suoi alleati. Il presidente americano, riferisce una nota della Casa Bianca, ha ribadito al premier giapponese "l'impegno degli Stati Uniti nella difesa della patria e degli alleati mettendo in campo le
potenzialità diplomatiche, convenzionali e nucleari oggi nella nostra disponibilita'".

Abe ha poi reso noto di avere parlato anche con il presidente russo, Vladimir Putin, sulla questione nord-coreana.

Il coinvolgimento in Occidente

Intensa attivitaà di contatti anche da parte della Corea del Sud. Nella giornata di ieri, la ministro degli Esteri sud-coreana, Kang kyun-wha, aveva parlato al telefono anche con il segretario di Stato Usa, Rex Tilllerson, la responsabile per le Politiche Estere e di Sicurezza dell'Unione Europea, Federica Mogherini, il ministro degli Esteri di Tokyo, Taro Kono, e il ministro degli Esteri britannico, Boris Johnson, per il coordinamento dopo l'ultimo test nucleare nord-coreano.

Intanto, le forze armate sudcoreane hanno condotto un'esercitazione simulando un attacco contro un sito nucleare nordcoreano, con l'utilizzo di caccia F15 e di un missile balistico.

Nell'esercitazione sono stati utilizzati missili a lungo raggio aria-terra, che secondo il comunicato dello stato maggiore interarmi "hanno tutti accuratamente raggiunto i loro obiettivi". Gli obiettivi simulati erano stati individuati nel Mar del Giappone alla stessa distanza del sito per i test nucleari nordcoreano di Punggye-ri.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Le fobie del dittatore della Corea del Nord

La lunga lista di paranoie del leader Kim Jong-un: dalla paura di un attentato per mano di Seul e Washington al timore di non essere preso sul serio

La Corea del Nord continuerà a lanciare missili sopra il Giappone

Per raccogliere dati tecnici indispensabili, per affermarsi come potenza regionale, per indebolire l'alleanza degli Usa con Tokyo e Seul

Corea del Nord, dove poteva arrivare il missile sul Giappone

Ha percorso 2.700 km prima di inabissarsi ma secondo Seul poteva raggiungere i 5 mila km. Possibile un nuovo test nucleare

Corea del Nord, perché gli americani non abbattono i missili in volo

Difficoltà tecniche per i missili a medio raggio. Ma anche politiche: Pyongyang lo considera un atto deliberato di guerra

Commenti