Esteri

Trump e "il grande bottone" dei diritti umani

Nel silenzio mediatico, il presidente Usa ha firmato un decreto che congela gli asset finanziari degli individui stranieri che violano i diritti umani

anniversario trump

Alessandro Turci

-

Poco prima di Natale, mentre la rivolta iraniana covava sotto la brace, Donald Trump ha firmato un decreto per congelare gli asset finanziari di individui stranieri (e associazioni a loro collegate) all’interno degli Stati Uniti, colpevoli di sistematica corruzione e violazione dei diritti umani.

La decisione offre diversi spunti di interesse.

Cos'è

Il suo nome è Executive Order Blocking the Property of Persons Involved in Serious Human Rights Abuse or Corruption e porta la data del 21 dicembre 2017. E’ molto vasto nel concetto ma anche molto concreto nel bersaglio, perché colpisce tredici nomi specifici.

Dal punto di vista giuridico l’Executive Order, oltre ad accrescere il numero di decreti emanati da Trump nella sua gara per battere il record di Harry Truman nel primo anno di presidenza, è incardinato sul Global Magnitsky Act.

Magnitsky Act

Ci siamo già imbattuti nel Magnitsky Act. E’ una legge voluta da Obama nel 2012 per sanzionare la Russia e successivamente estesa nell’attuale formulazione, global appunto, nel 2016. E’ forse il brodo primordiale del Russiagate, ma qui dimostra almeno altre quattro cose: 

1. Eredità obamiana

Dimostra che le leggi di Obama, quando Trump le ritiene valide, possono tornare utili. Quindi è indubbio che nella dottrina Trump, molto pragmatica, non c’è solo la tabula rasa rispetto al doppio mandato del predecessore, ma anche continuità.

2. Colpita la Russia

Scorrendo i tredici nomi colpiti dalla misura voluta da Trump, si finisce col coprire tutto l’atlante geografico. Si va infatti dall’America Latina all’Asia, dall’Europa all’Africa. Ma il nome più importante della lista è quello di Artem Chaika, il figlio di Yury Chaika, potentissimo Procuratore generale della Russia. Già vittima della satira delle Pussy Riot e delle inchieste di Alexei Navalny, Chaika è la massima autorità giuridica della Federazione Russa.

3. Pace fatta con Sessions

L’omologo di Jeff Sessions è un pezzo grosso del Cremlino, vicino per forza di cose a Vladimir Putin. Ma il dato essenziale, leggendo l’impianto del decreto di Trump, è la stretta collaborazione con l’ufficio di Sessions appunto, che proprio il Russiagate sembrava aver irrimediabilmente compromesso.

4. Politica e comunicazione

Infine ci dice come Trump, quando crede, può mettersi a fare politica e amministrazione, lasciando la schermaglia su chi abbia più grande (sic) il bottone nucleare ai dozzinali caratteri dei social media.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Se il Russiagate non è il vero problema dell'America

Sia Trump sia Sanders lo definiscono un non-problema. Perché dietro c'è poca Russia e molta America, quella che dalla scuola alla sanità perde colpi

Russiagate: ecco chi è coinvolto dell’inner circle di Trump

Tutti i personaggi implicati nell'inchiesta del procuratore Mueller sulle interferenze del Cremlino nelle elezioni presidenziali

Russiagate: Flynn confessa di aver mentito. Trump trema

L'ex consigliere per la sicurezza nazionale si è dichiarato colpevole di menzogna sugli incontri avuti con i russi. Ora testimonierà contro il Presidente

Russiagate: Donald Trump Jr. e i suoi contatti con WikiLeaks

Tutte le frasi incriminate tra il primogenito del presidente Usa e il gruppo di Julian Assange

Russiagate, i social network usati per creare caos negli Stati Uniti

Facebook, Twitter e falsi account sarebbero stati strumenti per fomentare divisioni razziali e religiose. Ecco le strategie adottate

Russiagate: perché ora per Trump la tregua è finita

Paul Manafort, ex manager della campagna elettorale del tycoon, si è consegnato all'FBI. Finite le indiscrezioni inizia la resa dei conti

Russiagate, le rivelazioni di Twitter sugli account sospetti

Il social network ha trovato e sospeso circa 200 profili apparentemente legati al tentativo russo di interferire sulle presidenziali americane. Ecco i dettagli

Russiagate: a cosa serve il Grand Jury

Voluto dal procuratore speciale Mueller è necessario per le messe in stato di accusa del Presidente Usa. Nel mirino Donald jr e gli affari Trump-Russia

Russiagate: come Trump ha difeso Donald Jr

Concordato un comunicato trasparente sull'incontro con l'avvocatessa del Cremlino, il Tycoon lo corresse puntando sull'adozione di bambini russi

Cos'è il Russiagate: parole, personaggi, intrecci

Da Abramson Seth a Witch Hunt passando per "I love it": 35 voci che spiegano le relazioni pericolose dell'amministrazione Usa con Putin e il suo staff

Commenti