Esteri

Libia, migranti venduti all'asta: cosa ha svelato il reportage della Cnn

Gli scafisti sentono il fiato sul collo della Guardia Costiera libica e cercano nuovi business: illudono i profughi e poi li vendono

libia-migranti

Matteo Politanò

-

La tv americana Cnn ha trasmesso un reportage in esclusiva dalla Libia dove alcuni ragazzi vengono venduti per 800 dollari da alcuni schiavisti di Tripoli.

La maggior parte di loro sono migranti che sognano di andare in Europa per rifarsi una vita ma che, dopo aver perso tutto, diventano merce umana per il mercato della schiavitù.

Il reportage

La Cnn ha reso noto di aver ricevuto un video dove gli schiavi venivano venduti all'asta. Per verificare la notizia è stata quindi inviata una troupe a Tripoli che ha verificato "la vendita di una dozzina di persone nel giro di sei o sette minuti". Con una telecamera nascosta la tv americana ha ripreso l'acquisto di alcuni giovani tra i quali  "un ragazzone forte, adatto al lavoro nei campi" e "uno scavatore, un omone forte in grado di scavare".

Chi sono gli schiavi

Gli uomini che sono stati venduti dagli schiavisti sono per lo più profughi in fuga dai conflitti o migranti economici in cerca di migliori opportunità in Europa. Per inseguire il loro sogno di libertà la maggior parte di loro ha venduto tutto, fidandosi delle promesse di scafisti e trafficanti sull'opportunità di un viaggio verso la salvezza.

La stretta sui migranti

Negli ultimi tempi la Guardia Costiera libica ha aumentato i controlli e le retate per ridurre i flussi migratori verso l'Europa. Trovare una barca per lasciare la Libia è sempre più difficile e gli scafisti stanno cercando vie alternative per sfruttare il dolore dei profughi e arricchirsi. Dopo aver tolto loro fino all'ultimo centesimo promettendo un viaggio, si appropriano anche delle vite degli esuli come pegno, trasformandoli in schiavi.

L'indagine

Il reportage della Cnn è stato consegnato alle autorità libiche che hanno avviato un'indagine. Il tenente Naser Hazam, dell'agenzia governativa libica contro l'immigrazione illegale a Tripoli, ha però dichiarato di non aver mai assistito ad una vendita di schiavi, ma di essere a conoscenza di gang criminali che gestiscono il traffico di esseri umani. 

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Covassi (Ue): "sui migranti stiamo facendo molto..."

Papa Francesco e i migranti: cosa pensa davvero Bergoglio

Le recenti visite e i suoi discorsi hanno riacceso il dibattito sulla posizione del Pontefice. Ma i dubbi non ci sono: apertura ai poveri e agli emarginati

L’ordine delle cose, i migranti e la Libia al cinema – La recensione

Nel film di Andrea Segre la storia “profetica” di un accordo italiano con Tripoli sulla riduzione dei flussi. E un occhio sull’allarme umanitario

Migranti, perché il Trattato di Dublino sarà difficile da modificare

La lettera aperta di MsF e poi la Corte di Giustizia Ue che dà ragione all'Italia sul ricollocamento. Ma l'Europa dorme e ha poco coraggio

Papa Francesco difende la politica italiana sui migranti

"Serve prudenza" dice Bergoglio di ritorno dalla Colombia. "Non solo ricevere, ma bisogna integrare". E benedice la linea Minniti

Libici contro Ong, cosa è successo nell'ultima strage in mare

Scambio di accuse dopo il naufragio del gommone di fronte alla Sicilia: le 5 vittime si sono tuffate per non essere riportate in Libia

Commenti