Redazione

-

L'Isis che perde terreno in Siria e Iraq, in cerca di eco e visibilità, attacca la tv Shamshad di Kabul, emittente satellitare in lingua pashtun, partner della Bbc. Il bilancio provvisorio delle vittime parla di almeno quattro morti, tra cui due attentatori, e una ventina di feriti.

Un ennessimo attacco alla libertà di stampa in Afghanistan, paese tormentato dove il mestiere del giornalista è davvero pericoloso.

La tv afghana intanto ha ripreso le trasmissioni. Ecco cosa è successo e perché.

Come è avvenuto l'attacco alla tv Shamshad 

Nella mattina due terroristi, vestiti in uniforme da agenti di polizia, hanno attaccato la Shamshad TV, nel quartiere di Chaman-e-Huzuri, a Kabul, lanciando delle granate per entrare nello stabile. Sono stati uccisi una guardia di sicurezza, una giornalista della tv e due attentatori.

I terroristi si sono rifugiati in un edificio all'interno dell'impianto e hanno tenuto una sparatoria con le forze dell'Unità di crisi arrivate poco dopo l'attacco. Le squadre speciali hanno salvato parecchi giornalisti e operatori media, in un combattimento durato tre ore.

I talebani hanno negato di essere i mandanti dell'attentato, che è stato invece rivendicato dal sedicente Stato Islamico.

Kabul (e la libertà di stampa), nella morsa di talebani e Isis

Negli ultimi mesi Kabul è stata ripetutamente nel mirino killer di talebani e Isis.

"Questo è un attacco alla libertà dei media, ma non possono ridurci al silenzio", ha detto Abid Ehsas, direttore di Shamshad TV, a un'altra emittente televisiva, Tolo News.

L'Afghanistan è uno dei Paesi più pericolosi al mondo per i giornalisti e i lavoratori della comunicazione. Come ricorda la Bbc, i primi sei mesi del 2017 hanno visto un sensibile aumento della violenza nei confronti dei giornalisti afghani, con ben 73 casi registrati: un incremento del 35% rispetto allo stesso periodo del 2016.

A maggio due operatori dei media sono stati uccisi in un attacco bomba a Kabul. Anche gli uffici dell'emittente afgana 1TV sono stati danneggiati. Sempre a maggio l'Isis ha preso di mira l'edificio televisivo statale afghano nella città di Jalalabad, uccidendo sei persone. 

L'anno scorso, a Kabul, sette membri dell'emittente televisiva privata Tolo News sono stati uccisi in un attacco suicida.


Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

A Deir ez-Zour l'ultima battaglia contro l'Isis

Ma il conflitto rappresenta anche il terreno di scontro tra il regime siriano, appoggiato dalla Russia, e le forze di opposizione, supportate dagli Usa

L'ombra dell'Isis sui prossimi Mondiali di Calcio: un bluff o una vera minaccia?

Lo Stato Islamico ha scelto Lionel Messi come "testimonial" per annunciare attacchi durante l'evento sportivo più importante del 2018

Viaggio a Marawi, dove l'esercito delle Filippine ha sconfitto l'Isis - Foto

La città era stata attaccata lo scorso maggio, dopo sei mesi di bombardamenti restano solo macerie

Commenti