Ecco perché l'Europa non è in grado di gestire la crisi dei migranti

La popolazione invecchia e diventa sempre più intollerante, la democrazia non si rinnova e muore

diciotti

I minori non accompagnati scendono dalla nave Diciotti al porto di Catania - 22 agosto 2018 – Credits: ANSA/ORIETTA SCARDINO

Claudia Astarita

-

Perché l'Europa non è ancora riuscita a trovare una formula, un modello, una strategia in grado di affrontare una crisi umanitaria che va avanti ormai da troppo tempo? Se lo è chiesto il magazine americano Time, trovando come unica risposta un problema di mentalità. O meglio di "anzianità" della popolazione.

Le conseguenze di una mentalità troppo vecchia

Il ragionamento del Time è molto semplice, e riprende il punto di vista di David Runciman, un politologo dell'Università di Cambridge che ha appena pubblicato un libro intitolato How Democracy Ends, ovvero come finiscono le democrazie. Le società europee sono diventate sempre più vecchie, e questo ha impedito quel ricambio generazionale di mentalità e di idee necessario per affrontare le complessità del mondo di oggi. La stessa evoluzione l'ha fatta anche il Giappone, paese tradizionalmente contrario a ogni forma di immigrazione e dove, infatti, la popolazione ammette di preferire i robot agli stranieri.

Una società troppo vecchia

Sono passati tre anni da quando la foto del piccolo corpo senza vita di Alan Kurdi, sdraiato a pancia in giù su una spiaggia turca, non solo ha fatto il giro del mondo ma ha convinto un'Europa sempre più nazionalista e conservatrice a fare qualcosa per affrontare la tragedia umanitaria da cui era stata investita. Allora il dibattito ruotava attorno all'umanità di immigrati in cerca di un rifugio. Oggi hanno ricominciato ad essere i nostri peggiori nemici.

Alla base di questa ostilità e mancanza di empatia diffusa ci sarebbe una società troppo vecchia. L'analisi di Runciman ricorda come per la prima volta ci ritroviamo ad interagire in società democratiche dominate dal pensiero e dalle idee delle vecchie più che delle nuove generazioni. E questo è un problema, perché solo i giovani hanno la predisposizione e la forza per aprirsi al diverso, alle società multiculturali.

Crisi economica e mentalità

Le conseguenze di una crisi economica che in alcune regioni, Italia inclusa, sembra non passare mai hanno spinto tante società europee a chiudersi ancora di più. E questo è un problema perché a forza di scontrarsi con difficoltà interne apparentemente insormontabili i giovani finiscono col mutuare la mentalità e l'atteggiamento delle generazioni più anziane. In questo caso alla ricerca di un capro espiatorio per le loro difficoltà. Riducendo i margini di umanità, apertura mentale e tolleranza che sono disposti ad abbracciare, e condannando le loro società a una morte molto lenta e molto dolorosa.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Migranti, tra empatia e realtà virtuale

Alcuni meccanismi psicologici mettono alla prova le nostre capacità di aiutare chi è in difficoltà. Medici senza frontiere si affida alla tecnologia

Diciotti: da cosa scappano i migranti a bordo

Molti vengono dall'Eritrea, un paese dove libertà civili e diritti politici di fatto non esistono.

Migranti, quanto (e per cosa) pagherà l'Europa

Bruxelles stanzia fondi per l'Italia, ma rafforza anche il bilancio per il controllo delle frontiere

Migranti: come funziona il "modello Australia" proposto da Salvini

Nel 2013 il governo di Canberra ha lanciato il piano "No way", criticato dalle Nazioni Unite. Possibile riproporlo in Italia? Ecco gli ostacoli

Migranti e navi Ue: l'apertura a tempo dell'Italia. E la chiusura di Salvini

Aspettando la modifica della missione Sophia, i porti restano aperti. Ma il ministro dell'Interno rigetta la proposta europea di 6 mila euro a profugo e pensa al decreto Sicurezza

Migranti, la Germania copia l'Ungheria? Come funzionano le zone di transito

Nel modello di Orbán i richiedenti asilo vengono "detenuti" per lunghi giorni e respinti in Serbia. Ecco a cosa pensa invece la Merkel

Commenti