Esteri

Cosa resta dell'Isis dopo la caduta della capitale Raqqa

Lo Stato Islamico ha perso la sua roccaforte ma le cellule jihadiste resistono in tutto il mondo. Dove si riorganizzeranno?

guerra-raqqa-isis

Matteo Politanò

-

L'Isis ha subito la sua sconfitta più grande fino ad oggi, la caduta di Raqqa, città della Siria proclamata capitale dello Stato Islamico. Le milizie delle forze democratiche siriane, sostenute dagli Usa, hanno issato la propria bandiera all'interno dello stadio e dell'ospedale, ultimi bastioni del Califfato in città.

 

Jihadisti in fuga

Nei dintorni di Raqqa gli ultimi jihadisti provano una disperata resistenza ma in tanti si sono già dati alla fuga sfruttando il panico della popolazione, evacuata nei giorni scorsi grazie ad un accordo ottenuto con la mediazione delle tribù locali. L'Isis ha perso la battaglia per Raqqa ma la guerra non è anora finita: il timore è che i combattenti cerchino ora di riorganizzarsi attraverso le cellule ancora attive per poi tornare a colpire, anche in Europa.

Fronte libico

Tra gli stati che preoccupano di più c'è la Libia, un paese senza un governo stabile dove gli jihadisti contano ancora numerosi miliziani organizzati. Dopo la fuga da Sirte in seguito ai combattimenti del 2016 l'Isis si è riorganizzata in alcuni villaggi della regione di Fezzan, nel cuore del deserto del Sahara. Una terra di nessuno che le milizie libiche non riescono a controllare e che si collega al sud dell'Egitto, altra zona dove l'Isis resta radicato. Le tribù beduine attaccano le forze armate e i civili alimentando le proprie risorse con rapimenti, torture e richieste di riscatto.

Siria e Iraq

Dopo la caduta di Raqqa gran parte della Siria resta popolata da sostenitori dello Stato Islamico. Alcune truppe hanno ripiegato verso la zona di Deir el-Zor e anche nel vicino Iraq il clima di tensione tra Peshmerga e forze irachene ha permesso alle cellule jihadiste di infiltrarsi nel territorio e riorganizzarsi.

Afghanistan

L'Isis continua a crescere e terrorizzare con stragi e decapitazioni senza sosta tra la popolazione sciita. Ad oggi l'Afghanistan resta uno degli scenari più preoccupanti nella lotta all'Isis, soprattutto per i delicati equilibri tra i gruppi jihadisti: Taliban e miliziani di Daesh lottano per la supremazia della Jihad ma quando necessario si alleano per aumentare la portata dei loro attacchi terroristici verso forze dell'ordine ed esercito.

Fronte ceceno

I fondamentalisti ceceni di Wilayat Qawqaz sono affiliati all'Isis e la zona è considerata una propria vera e propria fucina di foreign fighters e jihadisti. L'abbondanza di campi d'addestramento, nascondigli e vie d'uscita rende la zona una tra le più monitorate per trovare i miliziani in fuga.

Filippine

Lo Stato Islamico registra una pesante perdita anche nello stato dell'oceano Pacifico. Isnilon Hapilon, comandante del gruppo Abu Sayyaf che nel 2014 ha aderito all'Isis, è stato ucciso nella battaglia che ha portato alla liberazione di Marawi, avvenuta lo scorso 16 ottobre.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata
tag:

Leggi anche

La vita e la morte della "vedova bianca dell'Isis"

Storia di Sally Jones, una delle più pericolose reclutatrici dello Stato Islamico, morta sotto i colpi di un raid americano con suo figlio

Contro l'Isis e gli altri terroristi: le donne nei servizi segreti

Ai vertici del Mossad in Israele due donne con identità top secret e un passato da "spie". Ma ci sono importanti casi anche in Italia

Isis, Al Baghdadi è vivo e torna a minacciare il mondo

In un lungo audio, il Califfo ha parlato di Corea del Nord e di Libia, fino alle recenti battaglie di Raqqa e Hama. E preannuncia attacchi contro i media

Iraq, le ultime battaglie per liberarlo dall'Isis - Foto

Dopo aver riconquistato Mosul e Tal Afar, le truppe governative lanciano l'offensiva finale per la liberazione del territorio iracheno

Attacco a Londra: l'offensiva strisciante dell'Isis

Daesh vuole imporsi nella quotidianità europea con l'azione di cellule organizzate ma anche di emulatori meno disposti a sacrificare la propria vita

Commenti