Esteri

Chi era Jo Cox, speranza del Labour con la passione per i diritti umani

La deputata 41enne assassinata giovedì era impegnata contro la Brexit e per le politiche di accoglienza dei rifugiati. Era stata dirigente di Oxfam

Tributi alla parlamentare inglese uccisa Jo Cox

Redazione

-

Jo Cox, deputata del Partito laburista assassinata giovedì 16 giugno a Birstall nel West Yorkshire aveva soprattutto una grande passione per la difesa dei diritti umani. Senza compromessi.

In queste settimane era impegnata nella campagna contro la Brexit, sosteneva le politiche di accoglienza dei rifugiati siriani e in genere degli immigrati, la partecipazione delle donne e le politiche sociali.

La stagione di Jo Cox alla Camera dei Comuni è durata solo un anno: deputata 41enne, era stata eletta alle politiche del 2015 per la sua prima legislatura fra le file del Labour ed era per molti una grande speranza del partito, destinata ad occupare un giorno posti di responsabilità in un governo targato laburista.

La sua vita è invece finita giovedì 16 giugno a Birstall, presso Leeds, dopo l'immancabile incontro settimanale coi suoi elettori.

Jo arrivava dal mondo del volontariato, dopo la laurea a Cambridge era stata dirigente di Oxfam e aveva lavorato anche per Save the Children e la NSPCC (la principale organizzazione non governativa britannica contro la violenza sui bambini), oltre a essere stata consulente della moglie dell'ex premier laburista Gordon Brown, Sarah, attivissima in una serie di campagne in favore di giovani e immigrati.

Per l'Europa e in difesa dei profughi
Negli ultimi mesi era poi diventata fra gli esponenti laburisti più attivi e in 'vista' nella campagna a sostegno dell'Europa e in difesa dei profughi.

Aveva affermato pochi giorni fa che l'uscita della Gran Bretagna dall'Ue non sarebbe stato il modo per affrontare il dossier immigrazione, come in precedenza aveva criticato il governo conservatore di David Cameron per la mancata accoglienza di migliaia di bambini in arrivo dalla Siria.

Il suo straordinario impegno per il Paese del Medio Oriente martoriato dalla guerra non finiva qui: era anche presidente del gruppo trasversale di Westminster chiamato 'Friends of Syria'.

Si era astenuta nel voto ai Comuni sul via libera all'azione militare britannica nel Paese del Medio Oriente, affermando che serviva una soluzione di ampio respiro per risolvere il conflitto.
Ma era favorevole a un'azione internazionale per favorire una transizione a Damasco.

Era anche presidente del Labour Women's Network, che riunisce le donne laburiste, e aveva sostenuto la nomina di Jeremy Corbyn a leader del partito per poi cambiare idea, e votare per la candidata blairiana Liz Kendall.

L'arrivo alla Camera dei Comuni non era stato facile: la sua candidatura in un seggio del West Yorkshire era stata criticata dagli avversari conservatori, che l'avevano vista come una scelta piovuta dall'alto per una esponente che non aveva legami con l'elettorato locale.
Ma la sua passione aveva messo a tacere i detrattori.

Jo si definiva prima di tutto "una mamma": due i figli avuti dal marito Brandon Cox, anch'egli un attivista politico. La coppia aveva scelto di vivere su una barca convertita in abitazione ormeggiata vicino al Tower Bridge di Londra. Oggi mentre tutti aspettavano notizie sulle condizioni della donna il marito ha pubblicato sul suo profilo Twitter una foto di lei, sorridente sullo sfondo della sua Londra: l'ultimo sorriso di Jo.

(Ansa, The Guardian)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Jo Cox, la Polizia arresta l'omicida | video

La morte di Jo Cox: si ferma la campagna referendaria in Inghilterra

Una parlamentare laburista è stata uccisa a Leeds al grido di Britain First! da un uomo di 52 anni già arrestato dalla polizia

Brexit, cosa succede al Regno Unito se lascia l'Europa

Tutte le risposte (anche per l'Italia) sul referendum del 23 giugno che sta facendo impazzire le borse e tremare l'unione

Brexit: il dilemma britannico

Il 23 giugno gli elettori inglesi decideranno se il Regno Unito dovrà continuare a far parte dell’UE. Vincerà il populismo o l’Europa?

Brexit: la Bce conferma i timori di George Osborne

L'uscita del Regno Unito tra i rischi per la crescita dell'Eurozona secondo il bollettino dell'Eurotower e il braccio destro di Cameron

Commenti