Quanto costa il lavoro in Europa
Statista
Quanto costa il lavoro in Europa
Economia

Quanto costa il lavoro in Europa

L'Italia supera di poco la media regionale, l'Inghilterra è in linea con le nazioni piccole (e povere) dell'Europa del Sud

Quanto costa il lavoro in Europa? Troppo, o troppo poco, dipende dai paesi. Questo perché l'Europa a 28 è ancora ben lontana dal raggiungere l'omogeneità sul mercato del lavoro. Lo conferma il nostro grafico della settimana, pubblicato da Statista , che calcola il costo medio per un'ora di lavoro facendo riferimento ai dati del 2013. Ebbene, escludendo agricoltura e pubblica amministrazione, la paga oraria media all'interno dell'Unione è di 23,7 euro.

Troppo? Troppo poco? Dipende dai punti di vista, ma soprattutto dal costo della vita. Sarebbe tantissimo per i bulgari che, ultimi in classifica, guadagnano in media 3,7 dollari all'ora, niente per svedesi, che conquistano invece la medaglia d'oro con i loro 40,1 euro.

La Svezia è anche l'unico paese ad aver superato la soglia dei 40 euro, mentre nella forbice dei trenta rientrano Danimarca, Belgio, Lussemburgo, Francia, Olanda, Austria, Finlandia e Germania. Certo, le differenze sono tante anche all'interno di questo gruppo, visto che i 31,3 e 31,4 euro di Germania, Finlandia e Austria sembrano valere molto poco rispetto ai 38 e ai 38,4 di Belgio e Danimarca.

In fondo alla classifica, sotto la quota dei dieci euro all'ora, troviamo invece Estonia, Croazia, Slovacchia, Polonia, Ungheria, Lettonia, Lituania e Romania. Anche in questo caso, almeno sulla carta, il divario tra i nove dollari dell'Estonia e i 4,5 della Romania è enorme.

E l'Italia? Per quel che ci riguarda siamo ancora sopra la media europea con uno scarto che supera i quattro punti: 28,1 contro 23,7. Sotto la media ci sono invece Spagna (21,1), Cipro (17,2), Grecia (13,6), Malta (12,8) e Portogallo (11,6). Tutto normale, se consideriamo che molti di questi paesi, come l'Italia, faticano a risollevarsi dalla crisi economica. Sorprende invece la presenza di un intruso, l'Inghilterra, che con un costo del lavoro medio orario di 20,9 dollari si piazza tra la Spagna e Cipro, nonostante il costo della vita nel Regno Unito, a prescindere dagli eccessi londinesi, non possa certo essere considerato omogeneo rispetto a quello dell'Europa del Sud.

 

 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti