Didattica a distanza: una grande opportunità
iStock
Didattica a distanza: una grande opportunità
News

Didattica a distanza: una grande opportunità

Consigli per studiare da casa: 8. Nuove interazioni scuola/famiglia

Pillole quotidiane per aiutare studenti (e famiglie) a organizzare lo studio in tempi di Covid-19, che nel mondo ha confinato in casa un miliardo di ragazzi. A firma di Marcello Bramati e Lorenzo Sanna, dirigenti e docenti dei licei Faes di Milano, nonché autori di Basta studiare! e Leggere per piacere (Sperling & Kupfer). Ogni mattina alle 8.30 su panorama.it, consigli, dritte e buone pratiche per alunni di tutte le età.

L'obiettivo di oggi è puntato sui più piccoli, ma la riflessione ha un punto di partenza universale. In tempi normali, quando finalmente tornano a casa dal lavoro e cercano un contatto con un figlio adolescente, preadolescente e talvolta anche della primaria, i genitori sono spesso disorientati, rassegnati, in ogni caso messi alle porte.

È un luogo comune, ma di fatto una realtà quotidiana, la laconica risposta «Mah sì, tutto bene» alla domanda piena di speranza su quanto svolto a scuola. Anche i tentativi di approfondimento spesso calano nel vuoto: «Cosa hai fatto?» «Niente». E la conversazione potrebbe continuare così, tra silenzi e spallucce.

Il periodo di isolamento in cui stiamo vivendo, però, cela alcune opportunità da cogliere al volo. In questi giorni è possibile costruire insieme nuove modalità di comunicazione al fine di rilanciare, quando tutto finirà, l'interazione tra la vita scolastica e la vita familiare.

Ora le domande non sono necessarie. I piccoli e giovani studenti hanno bisogno dei genitori per collegarsi a un video, per cercare un libro o un testo per una ricerca, per arrivare a una pentola in un armadio della cucina, per affrontare una ricetta. Voi avete il compito di avviarli al lavoro, spesso anche di condurre i diversi esercizi insieme a loro. Ma potrete anche ascoltare da lontano, mentre continueranno da soli.

Si spalancherà in tal modo un mondo in gran parte sconosciuto. Li sentirete conversare in inglese, rispondere timidamente all'appello, affrontare un dettato con determinazione o con alcune, normali incertezze. Senza comparire in video, rimarrete a bocca aperta, mentre il vostro studente, chiuso in casa, si aprirà al mondo della conoscenza e delle relazioni, pur a distanza.

Il coronavirus senza dubbio è un limite al nostro lavoro, ai nostri spostamenti e alla nostra socialità, ma la risposta delle scuole e della tecnologia apre un nuovo orizzonte, spesso gelosamente custodito dai giovani studenti. Rispettiamolo, ma non perdiamocelo.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti