Cronaca

Mps, la morte di David Rossi: la fretta di dire suicidio e le foto sospette

Troppe cose non tornano nella morte del capo della comunicazione della Banca. Le incongruenze nei rilievi, documentate da immagini, file audio e un video

david-rossi-mps

Panorama, in edicola dal 19 ottobre 2017, pubblica un servizio di Giovanni Terzi sulla morte di David Rossi, responsabile della comunicazione del Monte dei Paschi di Siena, avvenuta il 6 marzo 2013.

Rossi è caduto dalla finestra del terzo piano del suo ufficio a Siena. La sua morte è stata rubricata come "suicidio". Ma, come viene spiegato nel servizio, sono troppe le cose che non tornano. Erano i giorni dello scandalo Mps e Rossi voleva parlare con i magistrati che indagavano.

Molte le incongruenze nei rilievi effettuati: agende spostate, un computer prima spento e poi acceso, una finestra aperta e quindi chiusa. Nel servizio, Panorama pubblica alcune immagini e particolari inediti che sollevano nuovi dubbi. In particolare, sono stati confrontati alcuni elementi acquisiti dopo il ritrovamento del dirigente Mps, in due momenti diversi: mentre ancora gli veniva prestato soccorso e durante i rilievi scientifici ufficiali. E dalla comparazioni emergono significative incongruenze.

Qui sotto, pubblichiamo alcune immagini che evidenziano le incongruenze; un file audio inedito con la comunicazione tra la Questura di Siena e il 118, e il video girato poco dopo il ritrovamento di David Rossi.

LA GIACCA

Alle 21.10, nel primo video girato dall’agente Livio Marini, della pattuglia della polizia arrivata sul posto, si vede la giacca di David Rossi appoggiata in modo casuale e frettoloso, sullo schienale della poltrona. Sotto, nella foto scattata alle 00,55, durante i rilievi scientifici, la giacca è invece messa ordinatamente.

1229652

1229649

IL COMPUTER

In un’immagine dal video, il monitor del computer appare spento. Sotto, nelle foto scattate durante i rilievi scientifici, il monitor è acceso o, comunque, uscito dalla modalità di stand-by. 

1229654

1229644

LE AGENDE

Nelle prime due immagini, sulla scrivania di David Rossi il video registra la presenza di alcune agende con la copertina nera. Sotto, durante i rilievi scientifici effettuati, le agende risultano spostate rispetto alla posizione originale.

1229651

1229650

1229639

1229640

LA FINESTRA

Mentre ancora si sta soccorrendo David Rossi nel vicolo sotto il suo ufficio, il video inquadra la finestra aperta dietro la scrivania. Sotto, alcune ore più tardi, durante i rilievi ufficiali, la finestra è chiaramente chiusa.

1229653

1229646



© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Mps, cosa cambia con l’ingresso dello Stato

In arrivo i decreti per nazionalizzare l’istituto toscano. Ma il piano di risanamento non sarà una passeggiata

Mps, la situazione della banca dopo il salvataggio

Sarà controllato al 70% dallo Stato e avrà quasi un terzo di filiali in meno rispetto a oggi. E finalmente (si spera) tornerà a esser solido

Salvataggio Mps, cosa accade a bond e azioni

Varata la ricapitalizzazione della banca toscana. Tutelati i piccoli risparmiatori in possesso di obbligazioni (ordinarie e subordinate)

Mps: le decisioni sul salvataggio

A fine giugno è atteso il vial libero definitivo da Bruxelles. Ecco le conseguenze su azionisti e creditori

Mps, cosa rischia chi ha i bond

Circa 40mila possessori di obbligazioni della banca potrebbero perdere tutto il capitale. A meno che non dimostrino di essere stati “raggirati”

Commenti