Cronaca

Foggia, incidente e strage di braccianti agricoli: cosa e come è successo

Un furgoncino che trasportava migranti al ritorno dal lavoro si è scontrato con un tir. Ancora morte sulla strada e l'ombra del caporalato

Incidente stradale

Redazione

-

Ancora morte sulle strade del foggiano. Un furgoncino pieno di braccianti agricoli extracomunitari si è scontrato contro un tir che trasportava farinacei: 12 morti e 3 feriti. 

Segue l'incidente di due giorni prima, dalle modalità e circostanze simili, in cui erano morte 4 persone.

Ecco la dinamica dell'incidente.

Cos'è successo e come

Verso le 15.30 di lunedì 6 agosto sulla statale 16, all'altezza dello svincolo per Ripalta, nel territorio di Lesina, nel foggiano, un pulmino bianco con targa bulgara si è scontrato con un tir e si è capovolto sull'asfalto dopo lo schianto. A bordo c'erano 14 braccianti che tornavano da una dura giornata di lavoro nelle campagne del foggiano, quando il mezzo poteva contenere solo 8 persone. Sull'asfalto i corpi straziati tra le lamiere. 12 morti sul colpo e 3 feriti. 

Il furgone stava procedendo verso San Severo quando l'autista, forse a causa di un colpo di sonno o forse per un malore o per distrazione, avrebbe perso il controllo del mezzo che ha invaso la corsia opposta, scontrandosi frontalmente con il tir che viaggiava in direzione opposta. 

L'incidente precedente

Solo 48 ore prima incidente e dinamica simili. Sabato 4 agosto, sempre verso le 15.30, altri 4 braccianti africani che erano a bordo di un pulmino bianco sono morti nell'impatto con un tir carico di pomodori, sulla strada provinciale 105 tra Ascoli Satriano e Castelluccio dei Sauri, nel foggiano.

4 i feriti, anche loro migranti, che sono ricoverati in gravi condizioni in ospedale.

Il furgone carico di migranti stava rientrando nel Ghetto di Rignano, sgomberato nel 2017 e dove in realtà ne è già sorto un altro, con circa 600 roulotte. 

Il caporalato

Pessime condizioni di lavoro e di trasporto, sfruttamento e caporalato, tornano come temi caldi dopo queste due tragedie della strada. 

Il ministro del Lavoro Luigi Di Maio ha annunciato che saranno avviate tutte le procedure per un aumento del numero degli ispettori contro la piaga del caporalato. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Morire di fatica: se il caporalato uccide ancora

Paola Clemente è morta per le troppe ore al caldo in Puglia a lavorare. Una vergogna. Ma ora la legge consente di punire i colpevoli

Caporalato, ecco che cosa prevede il protocollo contro lo sfruttamento

Servizi e assistenza medica per i lavoratori, collaborazione con il Terzo settore e le Regioni per migliorare le condizioni di vita in agricoltura

Caporalato, ecco le nuove regole

Carcere fino a sei anni per chi sfrutta i lavoratori, e oltre agli intermediari, saranno punibili anche i datori di lavoro

Commenti