Le case chiuse riaprono su Internet
Ansa
Le case chiuse riaprono su Internet
News

Le case chiuse riaprono su Internet

L'industria del sesso e della prostituzione passa sempre più spesso dal computer. In un intreccio virtuale-reale che coinvolge 9 milioni di persone - La mappa del sesso, città per città

Mettiamola così, senza falsi pudori: se siete maschi a vostro agio con sigle come Bj e Vu, fate probabilmente parte di quei nove milioni di italiani, il 70 per cento dei quali sposati, che stando alle ricerche frequentano prostitute.

La dimestichezza con il gergo (Bj sta per blow job, il rapporto orale, Vu per velocità urbana, cioè la tariffa, con gli euro espressi in chilometri) indica che prediligete le lucciole 2.0. Quelle che offrono prestazioni a casa loro (le girls) in trasferta (le escort) pubblicizzandosi  nei circa cento siti dedicati, da italiacalda.com a piccoletrasgressioni.it. Un esercito virtual-reale che sta erodendo il mondo della prostituzione su strada, con apprezzamento degli uomini che, è stato calcolato, cliccano sui computer  50mila volte al giorno, alla ricerca di merce che li intrighi. Pronti anche a recensire i prodotti, come se fossero telefonini,  sui forum specializzati come  It escort.it, o gnocca forum dove il cliente «Flauto magico» si è inventato «Google gnocca, primo test  sulle ragazze pay dei siti». Ha trionfato una studentessa molto ambita: «Per prendere l’appuntamento ho penato manco fosse il primario di Villa Celeste».

L’offerta è sicuramente vasta: nella ricerca A.A.A. Tuttiacasa.it, Mirta Da Pra, responsabile del progetto prostituzione e tratta del gruppo Abele segnala che oggi tra il 30 e il 70 per cento delle prostitute (la percentuale varia da comune a comune) si è trasferito dalle strade agli appartamenti. Le stime parlano di decine di migliaia, nessuno finora le ha scientificamente contate  tranne Onelio Franciosa che per il suo Meretrix  prostituzione e case chiuse nell’era di Internet (Aliberti) ne ha censite 80mila. Tutte felici e contente per lo status on line che, oltre a svincolarle dai protettori garantisce anche 20mila euro al mese, esentasse? Non esattamente: «Nel web c’è un venti per cento di straniere vittime della tratta che dallo sfruttamento en plein air sono passate a quello al chiuso» spiega Da Pra. Con analoghe privazioni della libertà e tenutarie di case, come le cosiddette «cafetinas» che vigilano sulle brasiliane.

Le minorenni straniere sfruttate, secondo Ecpat Italia (End Child Prostitution Pornography and Trafficking) sono tra 7mila e 11 mila, le «bamboline» alle quali si stanno sventatamente accodando anche centinaia  di italiane, in cerca di facili guadagni. Come le due minorenni romane delle triste vicenda dei Parioli: finite in una rete di sfruttatori, dopo essersi messe disinvoltamente su Bakekaincontrii.com. «L’abbiamo deciso da sole, scialla» che in gergo giovanilista sta per «tranquillo» ha spiegato ai magistrati una delle due, come se avesse venduto libri usati al mercatino.

Una ipersessualizzazione precoce davanti alla quale gli inglesi pensano semplicemente di adeguarsi: John Ashton, preside della facoltà di salute pubblica ha appena invocato un dibattito nazionale per abbassare a 15 anni l’età del sesso legale. Paradossalmente in sintonia con Mirko Ieni, uno degli adulti accusato di sfruttare  le baby escort dei Parioli, che con i  magistrati si è difeso così: «L’Italia è un paese bigotto e non accetta questi giochini». Bigotti o no, gli esperti di temi adolescenziali sono preoccupati: secondo la terapeuta Maria Rita Parsi le teen ager si vendono con  leggerezza perché, latenze affettive a parte, internet  le sta spingendo a considerare  il corpo come virtuale, altra cosa rispetto a loro: «Usarlo per soldi non le coinvolge emotivamente». Scialla. Il fenomeno è diffuso se perfino in un sito asettico come alfemminile.com in un forum tal Attanasia, 20 anni chiede alle utenti come giudichino che per racimolare qualche soldo per le vacanze abbia risposto all’annuncio di «un manager distinto e serio». Operazione «poco sgradevole», tanto che oggi «per soddisfare qualche sfizio», la ripete saltuariamente. Plausi generali («Ragazze abbiamo la patata, sfruttiamola») e coming out di una diciassettenne: «L’ho fatto anch’io, tre volte. Ho smesso perché l’ultimo era un vecchio grassone che mi ha fatto skifo». 

Le ragazzine si vendono per «gli sfizi». Ma mettere i corpi on line sta diventando per le adulte anche un mezzo per fronteggiare la crisi: accanto a sudamericane, ragazze dell’Est e asiatiche, segnala Pia Covre, rappresentante del comitato per i diritti civili delle prostitute, che si batte perché il sex work venga riconosciuto come lavoro con partita Iva, stanno aumentando le italiane: ieri il dieci per cento oggi il trenta.

«Chi ha perso il lavoro in fabbrica, chi deve pagare cartelle Equitalia, neolaureate disoccupate. Molte pensano di tirare su qualche euro e poi smettere, senza valutare le insidie di Internet, la cui memoria non cancella nulla».

La grande offerta intanto ha fatto scendere le tariffe: il minimo di cento euro a rapporto (il massimo è 500 con punte di 1000 e più per le top) ora si è ridotto, segnala Covre, a settanta. Sempre meglio del sesso da strada dove la crisi  ha fatto precipitare a dieci euro una prestazione orale.

I nuovi ingressi di italiane part time sono confermati anche da Roberto Pellati titolare di Pablitoescort.com, che accoglie i nuovi clienti con il glossario gergale Troiapedia, un Wikipedia in versione sex workers. Racconta che se ieri su 50 annunci uno era di una neofita, ora la proporzione è di 5 a cinquanta. Nonostante la crisi i titolari dei siti (forti di una sentenza della Cassazione che legittima l’attività diretta a pubblicizzare inserzioni di persone) se la passano molto bene visto che spesso i domini sono registrati in paesi esteri a bassa tassazione: un annuncio basic costa 100 euro al mese, ma Francioso che per il suo Meretrix ne ha censiti un’ottantina, sostiene  che quelli al top come Arcaton.com ne chiedono anche 400. Che lievitano se si sceglie pure il banner con l’immagine in movimento.

Arcaton è considerato la vetrina migliore dalle escort al top, quelle in vendita con lingerie di lusso e annunci discreti, che mai si sognerebbero di indossare guepière da mercatino o di compilare inserzioni crude come le colleghe dei siti gratuiti. Pieni di menù dettagliati, a cominciare dal «massaggio prostatico». Lo scrittore ha intervistato 500 prostitute, sostiene che «la maggioranza lo fa non per necessità ma per migliorare lo stile di vita» e racconta di un’italiana che ha intrapreso la carriera sulle orme di un’amica che in un mese si era comprata l’auto. 

Autoimprenditrici del sesso via web difficilmente recuperabili, soprattutto per la difficoltà di intercettarle. Caritas, gruppo Abele, Cnca e associazione on the road nel 2012 sono riusciti infatti a contattare 23.878 persone sfruttate in strada ma solo 2.936 di quelle che si vendevano indoor. I risultati del progetto Fuoriluogo sono ancora più inquietanti: su 3078 prostitute del web a cui sono state offerti servizi sanitari e protezione sociale, solo quattro alla fine sono tornate sulla retta via. Fin qui le prostitute. E le peculiarità dei clienti del web?

Di tutte le età e propensi, come quelli on the road a non usare il profilattico (sette su dieci sono disposti a pagare di più) segnala il Gruppo Abele che a gennaio organizzerà il convegno «Il cliente questo conosciuto». Tendenti «a considerare i servizi sessuali come merce da e-commerce» analizza Francesco Carchedi, sociologo della Sapienza impegnato in una ricerca sui forum che analizzerà la trasformazione del rapporto tra cliente e prostituta del web. Mentre Giorgia Serughetti, ricercatrice sociale dell’università Bicocca che per il suo "Uomini che pagano le donne". Dalla strada al web, i clienti nel mercato del sesso contemporaneo (Ediesse edizioni) ha studiato 14mila recensioni di escort, spiega: «In strada è tutto più diretto. Il web con i nomi finti, i personaggi della geisha o della dominatrice, ha trasformato il rapporto tra prostituta e cliente in un’apprezzata performance teatrale. Con codici che rafforzano la finzione del piacere reciproco». Tutto finto, ma i clienti ci credono. Tanto che sui forum si vantano un po’ tutti: «Si vedeva che godeva».
 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti