superlega Super League polemiche guerra uefa fifa riforme
Ansa
superlega Super League polemiche guerra uefa fifa riforme
Calcio

Le colpe dei moralisti che attaccano la Superlega

Uefa, Fifa, federazioni nazionali, tutti contro la «sporca dozzina» salvo poi accorgersi che nessuno è senza macchia e puro al punto da poter fare la morale agli altri - SUPERLEGA, IL FORMAT - DEBITI E SOLDI BRUCIATI: LA SVOLTA PER NON MORIRE

Adesso che il coro degli indignati speciali suona all'unisono e che la nascita della Superlega (o Super League) ha unito anche chi si è sempre distinto perché opposto, sarà utile mettere in fila alcune domande rimaste senza risposta e che sono all'origine del terremoto che ha squassato dalle fondamenta il calcio europeo. In tanti hanno alzato il dito per condannare la 'sporca dozzina' ("the dirty dozen" è il termine coniato dal presidente Uefa Alksandr Ceferin): politici, dirigenti, allenatori, giocatori ed ex, opinionisti e tifosi in libera uscita. Addirittura si è riscoperto europeista Boris Johnson, firmatario del Brexit che ha mutilato l'Europa vera (non quella del calcio) e che non più tardi di due mesi fa veniva bacchettato per eccesso di protezionismo nel tenersi i vaccini Covid per i suoi negandoli agli altri.

Tutti compatti contro i cattivoni che, stanchi di perdere centinaia di milioni (prossimamente miliardi) per mandare avanti il carrozzone hanno scelto di staccare la spina. Modi e tempi saranno anche stati discutibili, ma certamente non lo è l'ipocrisia di tanti (Uefa e Fifa) che si stracciano le vesti riservando a se stessi il ruolo delle verginelle quando, nella migliore delle ipotesi, hanno omesso di intervenire perché almeno una parte dei problemi trovasse soluzione.

Si dirà: i cattivoni se ne vanno perché indebitati fino al collo, colpa loro che non sono stati capaci di gestirsi. Sarà anche vero, però è pacifico che l'industria del calcio è un business particolare dove chi investe non ha il controllo dei ricavi che genera ma deve passare attraverso corpi intermedi che impongono una solidarietà mutualistica che sfiora l'autolesionismo. E che alimentano a spese altrui business paralleli sempre più ingordi e lucrosi.

E allora eccole le domande da mettere in fila, non necessariamente per trovare risposte. Solo per segnalare che ogni medaglia a due facce e anche questa storia brutta della 'sporca dozzina' in fuga con il malloppo, una volta che si sarà placato il polverone dei moralisti e degli indignati speciali, proporrà chiavi di lettura molteplici e sorprendenti. Poi, alla fine, ognuno si formi l'idea che vuole:

* A che titolo la FIFA si erge a garante di un sistema moralmente superiore quando è la stessa FIFA, ad esempio, ad aver assegnato i Mondiali del 2022 al Qatar contro ogni logica e protesta, per di più in pieno inverno scombussolando calendari e campionati. E senza curarsi delle numerose denunce di sfruttamento e morti (stimate 6.500) nel corso dei lavori per costruire cattedrali in mezzo al deserto?

* E' la stessa FIFA che ha lavorato sotto traccia per creare un nuovo formato del Mondiale per Club contro il parere degli stessi e delle confederazioni, cercando così di moltiplicare pani e pesci trovando nuove fonti di ricavo?

* Come fa la UEFA ad accusare di avidità delle aziende private (i club) che provano ad aumentare i propri guadagni o almeno a limitare le perdite quando non si è fatta scrupolo con la mano destra di inventare dal nulla una nuova coppa (Nations League) mentre la sinistra era impegnata nel dibattito sui calendari da ridurre per non spremere i calciatori?

* La stessa UEFA che ha gestito in modo quanto meno discutibile le vicende di Psg e Manchester City alle prese con le regole del fair play finanziario, rigide con taluni e flessibili per altri?

* La UEFA che al cospetto di una crisi di sistema che sta facendo rischiare il default risponde che le riforme scatteranno dal 2024? Non subito. Non domani. Dal 2024...

* Le stesse FIFA e UEFA che chiudono gli occhi davanti a nazionali che convocano giocatori infortunati (ultimo caso Demiral) poi se sei sfigato capita anche che prendano il Covid? O che li lasciano spremere impunemente tanto poi i danni li pagano i club che, insieme ai danni, continuano anche a pagare stipendi fuori contesto?

* FIFA e UEFA per cui è normale che il Bayern Monaco esca dalla Champions League perché Lewandowski (la sua stella) si è fatto male in una partita contro Andorra, la 42° in sei mesi solo che a stipendiarlo è il club e non la Polonia?

* Le squadre italiane che oggi si stracciano le vesti contro i traditori sono le stesse che da almeno tre lustri godono della divisione collettiva dei diritti tv, generati dagli investimenti di pochissimi club, limitandosi spesso a sopravvivere per non uscire dal giro?

* Le stesse che per anni hanno bloccato le decisioni della Lega con il tutti-contro-tutti da assemblea di condominio? Dove chi fattura 30 milioni ha lo stesso diritto di veto di chi arriva a 600?

* Con che coraggio si accusa di cinismo chi ragiona da privato quando, davanti alla supplica di intervenire per tagliare le spese causa Covid la risposta è stata "sono accordi privati, non si possono toccare"? Facendo il gioco delle tre scimmie?

* Avete notizie di procuratori che in nome della solidarietà abbiano rinunciato a un centesimo dei loro ricchi appannaggi?

* O di calciatori che oggi tuonano (Kroos e Bruno Fernandes per citarne due a caso); sarebbero pronti ad andare a giocare nel Betis e nel Southampton a un terzo dello stipendio visto che detestano le scelte dei loro club?

* Klopp e Guardiola, 30 milioni di sterline a stagione in due, hanno più o meno detto che la Super League a loro fa schifo: avete notizie che si siano dimessi da allenatori di Liverpool e Manchester City, due della 'sporca dozzina'? O si limiteranno a fare gli indignati da bar sport per poi tornare nelle loro lussuose case?

Non che tutti sbaglino a dire oggi la propria opinione. E' che il sapore del moralismo e della speculazione opportunistica è sempre sgradevole, a maggior ragione quando si gioca con i sentimenti di milioni di tifosi. Loro sì autorizzati ad essere disorientati e magari pure delusi e arrabbiati. E proprio per questo, da proteggere. Non dicendogli quello che vogliono sentirsi dire oggi, ma aiutandoli ad analizzare e a capire le varie posizioni e la posta in gioco. Che non è un capriccio ma il futuro di quel meraviglioso passatempo per tanti e industria per pochi che risponde al nome di football.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti