Perché è stato cacciato il capo della security di Obama
Getty Imagines / Dennis Brack
Perché è stato cacciato il capo della security di Obama
News

Perché è stato cacciato il capo della security di Obama

Julia Pierson costretta alle dimissioni dopo l'incredibile serie di errori scoperti nelle ultime settimane

L'ultima omissione è stata fatale. Se Julia Pierson è stata cacciata dal suo posto di capo del servizio di sicurezza di Barack Obama è perché non ha raccontato tutta la verità al suo presidente. Già nell'occhio del ciclone per l'incredibile intrusione nella Casa Bianca di un veterano dell'Iraq con un coltello in tasca, la Pierson ha ricevuto il colpo di grazia quando il Washington Examiner ha pubblicato uno scoop che ha fatto il giro del mondo: un uomo  armato di una pistola è salito nell'ascensore su cui si trovava Obama durante la recente visita ad Atlanta del 16 settembre.

Gli errori della Pierson
La Pierson non l'aveva mai detto al presidente. Lo ha fatto solo pochi minuti prima che la notizia diventasse di dominio pubblico. Questa sua rivelazione a scoppio ritardato ha indotto Obama a chiederle di lasciare il suo incarico.  ''Le mie dimissioni sono nel miglior interesse del Secret Service'' - ha detto poi la Pierson in un'intervista dove non ha voluto citare Obama, ma solo Capitol Hill. ''È doloroso lasciare ma è chiaro che il Congresso ha perso fiducia in me. Le dimissioni erano la cosa piu' nobile da fare''.

In effetti la sua audizione davanti al Congresso è stata una specie di tortura per lei. Sono emerse tutte le falle nella sicurezza di Obama e la Pierson è stata messa sotto un fuoco di fila di domande e contestazioni. L'ormai ex capo dei Servizi Segreti, davanti ai deputati e ai senatori ha dovuto ammettere tutte le disfunzioni e gli errori commessi emerse dopo Omar Gonzales, 42 anni ha scavalcato la cancellata della Casa Bianca, ha superato di corsa il giardino ed è entrato dentro l'East Room, nel luogo (in teoria) più sicuro del mondo.

Gonzales è riuscito a entrare nella Casa Bianca perché nessuno l'ha visto superare la barriera esterna, nessuno ha liberato i cani da guardia, nessuno ha controllato che le porte fossero chiuse, nessuno si era accorto che l'allarme collegato a quell'entrata non era funzionante. Eppure, quello dovrebbe essere un bunker. Per il Servizio Segreto, una vera e propria debacle.

Le minacce contro Obama
Julia Pierson, una veterana dell'agenzia,  era stata nominata alla guida del Secret Service nel marzo del 2013 dopo lo scoppio dello scandalo di Cartagena; agenti del servizio erano stati scoperti ubriachi e più concentrati sulle attenzioni di alcune escorti che alla sicurezza dell'albergo dove avrebbe dovuto alloggiare Obama nei giorni seguenti, impegnato in Colombia in una visita di stato. La Pierson è stata la  prima donna a ricoprire questo incarico così delicato.

Ora anche lei è vittima del scarsa professionalità del Servizio Segreto. Dopo le sue dimissioni e le rivelazioni che le hanno precedute, la questione della sicurezza di Obama diventa una priorità. E'il presidente americano ad avere ricevuto il maggior numero di minacce di morte. Dall'inizio del suo primo mandato alla Casa Bianca sono stati almeno una decina gli allarmi concreti rispetto a un complotto per ucciderlo. Alla fine, pochi di questi si sono rivelati come potenzialmente pericolosi, ma la guardia attorno a Obama avrebbe dovuto essere alta. E, invece, non è stato così. Julia Pierson paga per i suoi errori. l'uomo più potente del mondo non è (stato) il più protetto.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti