Gabriele Antonucci

-

Non è un'esagerazione affermare che i Chemical Borthers abbiano avuto per la musica elettronica degli anni Novanta la stessa importanza dei Beatles e dei Rolling Stones per il rock. Tra i loro fan più insospettabili figurava anche Ray Manzarek, storico tastierista dei Doors, che dichiarò «i Chemical Brothers hanno dentro lo spirito dei Doors. Sono i nostri eredi».

I due deejay e produttori inglesi Tom Rowlands e Ed Simons, pur non avendo né il fascino né il carisma di Jim Morrison, sono stati tra i primi a portare la musica da club nei piani alti delle classifiche e a costruire i loro dj-set come veri e propri spettacoli multimediali, in cui il coinvolgimento del pubblico fosse lo stesso di un concerto rock.

I Chemical Brothers hanno tracciato le coordinate del cosiddetto big beat, una riuscita sintesi di house, techno, industrial rock ed elettronica che si caratterizza per la potenza dei battiti e per l’acidità dei suoni. Il risultato in pista da ballo è assicurato, portando anche nei locali più cool ed esclusivi di tutto il mondo il coinvolgimento e lo «sballo» tipico dei rave, senza peraltro disdegnare i piani alti delle classifiche di vendita.

Oggi è uscito a sopresa il nuovo video dei "fratelli chimici", molto amati in Italia, il lisergico C-h-e-m-i-c-a-l diretto dai collaboratori di vecchia data del duo Adam Smith e Marcus Lyall, che trovate qui sotto.

Non è stato ancora rivelato se il brano, che segna un ritorno in grande stile del duo di Manchester, anticipi una loro prossima uscita discografica o un'altra raccolta.


© Riproduzione Riservata

Commenti