Il passato, il giallo emotivo di Asghar Farhadi
BiM Distribuzione
Il passato, il giallo emotivo di Asghar Farhadi
Cinema

Il passato, il giallo emotivo di Asghar Farhadi

Il regista iraniano di Una separazione torna con una storia di sentimenti e legami famigliari che si rivela lentamente

Come una matriosca che pian piano svela dentro di sé altri elementi, nuove complicazioni, Il passato di Asghar Farhadi si sviluppa aprendo lentamente a situazioni celate, che ogni volta sembrano la soluzione finale e invece improvvisamente si aprono su altri segreti, nuove implicazioni.

Dal 21 dicembre al cinema, dopo esser stato presentato in concorso al Festival di Cannes, è il primo film francese del regista iraniano di About Elly (2009) e Una separazione (2011), splendido premio Oscar per la miglior opera straniera. 

Farhadi riprende l'affascinante struttura narrativa di Una separazione: la verità, il passato, si rivela gradualmente attraverso dialoghi e scontri, passando tra omissioni e ricordi. La realtà si ricompone con una tensione sottile come in un giallo emotivo. 

Ancora una volta sono le dinamiche famigliari a essere sviscerate. L'iraniano Ahmad (Ali Mosaffa) torna a Parigi quattro anni dopo aver lasciato la città e sua moglie, la francese Marie (Bérénice Bejo), per trasferirsi in Iran, la sua terra. Marie finalmente vuole il divorzio e Ahmad deve firmare dei documenti. Non mi dilungherò molto di più sulla trama perché è bello, da spettatore ignaro, vedere la storia prendere forma da sé, pezzo dopo pezzo. 

Ahmad si rivelerà una sorta di catalizzatore, mettendo le persone attorno a lui in una disposizione d'animo incline alla parola e alla confidenza, facendo affiorare cose che non sono state dette da molto tempo. Farà parlare l'adolescente problematica Lucie (Pauline Burlet), il tormentato e silenzioso Samir (Tahar Rahim), persino il piccolo e dolcissimo imbronciato Fouad (Elyes Aguis)... E anche la sua ex Marie, certo, il personaggio che più di ogni altro vuole svincolarsi dal passato. 

Il cast offre una generosa prova corale: Bejo, l'attrice di The Artist, regala forse la sua interpretazione più naturalistica e sincera; Rahim, magnifico protagonista de Il profeta, lavora una volta di più in sottrazione, su sguardi e parole misurate; Burlet è una ragazzina promettente da tenere d'occhio; Mosaffa... mi piacerebbe averlo come migliore amico. 

Sicuramente meno folgorante e perfetto di Una separazione, Il passato è comunque un'esplorazione della natura umana riflessiva e intelligente. La visione è di 130 minuti: nella seconda parte si accusa la prodiga durata ma all'uscita del cinema quella che resta addosso per lo più è una piacevole impressione.

 
Ti potrebbe piacere anche

I più letti