Golden Globe 2022, vince Jane Campion. Italia a mani vuote
"Il potere del cane" (Netflix)
Golden Globe 2022, vince Jane Campion. Italia a mani vuote
Cinema

Golden Globe 2022, vince Jane Campion. Italia a mani vuote

A Il potere del cane i premi come miglior film drammatico e miglior regia. Statuetta anche per il musical West Side Story di Spielberg. Non ce l'ha fatta Sorrentino. Quinto Golden Globe per Nicole Kidman

In una cerimonia di premiazione dei Golden Globe in forma privata, senza star sul red carpet e senza diretta televisiva, vince Jane Campion sul fronte film drammatici con il suo western noir spietato Il potere del cane. La neozelandese, che ventotto anni fa conquistò l’Oscar per la sceneggiatura di Lezioni di piano, è stata premiata anche per la miglior regia (stessa doppietta che spettò l'anno scorso a un'altra regista, Chloé Zhao con Nomadland). Tra le commedie o musical ha la meglio West Side Story di Steven Spielberg.

Delusa l’Italia che esce a mani vuote. Non ce l’ha fatta Paolo Sorrentino, in corsa con È stata la mano di Dio: come miglior film straniero è stato incoronato l’elegante giapponese Drive My Car di Ryūsuke Hamaguchi. E non ce l’ha fatta neanche il cartoon Luca di Enrico Casarosa, italiano da anni al servizio dei Pixar Animation Studios: come miglior film d'animazione ha vinto Encanto, classico della Disney.

La cerimonia di premiazione della 79sima edizione dei Golden Globe si è svolta senza luccichii, senza divi, pubblico e tv, per colpa del Covid, sì, ma non solo: la Hollywood Foreign Press che assegna i premi, infatti, da circa un anno è assediata dalle polemiche, additata di discriminazione e razzismo, da quando un’inchiesta del Los Angeles Times segnalò, tra le varie cose, che tra gli allora 87 membri dell’associazione non c’era neanche un giornalista nero. L’emittente Nbc ha boicottato l’appuntamento e i premi sono stati comunicati tramite il sito dei Golden Globe.

Il potere del cane, che all'ultima Mostra del cinema di Venezia vinse il premio per la miglior regia, è un western sottilmente crudele, ordito con acume e sotterranea velenosità: un mandriano machista (il torreggiante Benedict Cumberbatch), che sbeffeggia ogni grazia dell’animo, prende sotto le sue mire (o sotto la sua ala) un ragazzino mingherlino effeminato che si rivelerà meno indifeso dell’immaginato. Premiato anche il giovane attore non protagonista Kodi Smit-McPhee.

Tra gli attori, Nicole Kidman porta a casa il suo quinto Golden Globe per A proposito dei Ricardo, film sulla relazione tra Lucille Ball e Desi Arnaz, i due protagonisti della popolare sitcom statunitense Lucy ed io. Per Will Smith invece è il primo Golden Globe, conquistato nei panni di Richard Williams, il padre cocciuto e visionario che ha portato al successo le sorelle campionesse del tennis Venus e Serena Williams: Una famiglia vincente - King Richard arriverà nelle sale italiane il 13 gennaio.

West Side Story, che adatta il musical di Broadway sulla guerra tra bande a Manhattan, tra immigrati europei di seconda generazione e immigrati portoricani, ha portato bene alle sue attrici: premiate sia Rachel Zegler che Ariana DeBose.

Ecco tutti i premi, anche sul fronte televisivo.

Premi per il cinema

Miglior film drammatico
Il potere del cane di Jane Campion

Miglior film commedia o musicale
West Side Story di Steven Spielberg

Miglior regista
Jane Campion per Il potere del cane

Migliore attore in un film drammatico
Will Smith per Richard – Una famiglia vincente

Migliore attrice in un film drammatico
Nicole Kidman per A proposito dei Ricardo

Migliore attore in un film commedia o musicale
Andrew Garfield per Tick, Tick... Boom!

Migliore attrice in un film commedia o musicale
Rachel Zegler per West Side Story

Migliore attore non protagonista
Kodi Smit-McPhee per Il potere del cane

Migliore attrice non protagonista
Ariana DeBose per West Side Story

Miglior film in lingua straniera
Drive My Car di Ryūsuke Hamaguchi (Giappone)

Miglior film d'animazione
Encanto di Jared Bush e Byron Howard

Migliore sceneggiatura
Kenneth Branagh per Belfast

Migliore colonna sonora originale
Hans Zimmer per Dune

Migliore canzone originale
No Time to Die (Billie Eilish, Finneas O'Connell) per No Time to Die

Premi per la televisione

Miglior serie drammatica
Succession

Migliore attore in una serie drammatica
Jeremy Strong per Succession

Miglior attrice in una serie drammatica
Michaela Jaé Rodriguez per Pose

Miglior serie commedia o musicale
Hacks

Migliore attore in una serie commedia o musicale
Jason Sudeikis per Ted Lasso

Migliore attrice in una serie commedia o musicale
Jean Smart per Hacks

Miglior miniserie o film televisivo
La ferrovia sotterranea

Migliore attore in una miniserie o film televisivo
Michael Keaton per Dopesick - Dichiarazione di dipendenza

Migliore attrice in una miniserie o film televisivo
Kate Winslet per Omicidio a Easttown

Migliore attore non protagonista in una serie, miniserie o film televisivo
Oh Yeong-su per Squid Game

Migliore attrice non protagonista in una serie, miniserie o film televisivo
Sarah Snook per Succession

Ti potrebbe piacere anche

I più letti