Ultima gara
Ufficio Stampa Mediaset
Ultima gara
Televisione

Ultima gara: tutto sul docufilm con Raoul Bova, Magnini e Rosolino

Il film, in onda su Canale 5 giovedì 3 giugno, racconta una storia di amicizia e sport ed è diretto da Bova. Oltre ai tre super campioni, nel cast di Ultima gara c'è anche Manuel Bortuzzo, la promessa del nuoto rimasto paralizzato durante un'aggressione

Tra incertezze e paure, cinque atleti decidono di mettersi in gioco per superare sé stessi in un'incredibile impresa. Ruota a attorno a questa scelta Ultima gara, il docufilm in onda in prima assoluta su Canale 5 giovedì 3 giugno, con Raoul Bova impegnato nel quadruplice ruolo di protagonista, sceneggiatore, produttore e co-regista con Marco Renda. I cinque campioni, che in passato sono state leggende, decidono di cambiare le loro esistenze e attraverso il nuoto come metafora della vita diventano degli eroi del quotidiano. Ecco tutto quello che c'è da sapere sul film tv.

Ultima gara, tutto sul docufilm con Raoul Bova

Lo sport vissuto come passione, disciplina, gioco di squadra, rispetto del prossimo e fiducia in sé stessi. Al centro di Ultima gara ci sono dunque il nuoto e il coraggio di chi non si arrende mai: così l'amicizia di quattro ex campioni del nuoto li spinge a decidere di tornare a gareggiare, cercando una rinascita che solo lo sport, con i suoi valori e i suoi obiettivi, può donare. Alla regia del docufilm c'è Marco Renda con Raoul Bova, impegnato anche nel soggetto, nella sceneggiatura, come interprete e in veste di produttore attraverso la sua RB Produzioni.



Il cast del film tv in onda su Canale 5

Al fianco di Raoul Bova, nel cast di Ultima gara ci sono quattro campioni del nuoto italiano, Emiliano Brembilla, Filippo Magnini, Massimiliano Rosolino e Manuel Bortuzzo. E proprio i sogni di quest'ultimo, nel docufilm rischiano di essere distrutti dall'ombra di un crimine: saranno la solidarietà e l'amicizia a fare in modo che lo sport possa prevalere sul dramma e che i sogni dei cinque atleti possano trasformarsi in realtà fino a trasformarli in eroi del quotidiano dopo aver toccato il fondo. «Quello che mostra il docufilm è tutto vero. Raoul voleva mostrare cosa c'è dietro l'immagine vincente degli sportivi», ha spiegato Manuel Bortuzzo.


Filippo Magnini, Massimiliano Rosolino, Raoul Bova e Emiliano Brembilla Ufficio Stampa Mediaset


La storia di Manuel Bortuzzo

Certo, ci sono tre leggende del nuoto e uno degli attori più popolari nel cast di Ultima gara, ma c'è grande curiosità attorno alla presenza e al ruolo di Manuel Bortuzzo, che Bova ha voluto coinvolgere nel progetto un mese dopo l'«incidente» che gli ha cambiato la vita. Nella notte tra il 2 e 3 febbraio del 2019 la promessa del nuoto venne raggiunto da un colpo di pistola alla schiena ed è rimasto paralizzato alle gambe a causa dell'agguato, avvenuto davanti a un distributore automatico di un tabaccaio, vicino a un pub in zona Roma nord. I due autori del gesto sostennero di aver colpito per errore Bortuzzo, che in quel momento di trovava con la fidanzata Martina, anche lei nuotatrice: l'atleta ha subito una lesione midollare completa che non gli consente più di camminare né di continuare a nuotare a livello agonistico.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti