Televisione

«Hansu è il punto di partenza per i miei prossimi dieci anni da attore»

La stella dell'Hallyu Wave in un'intervista esclusiva per Panorama

Quando Lee Minho è comparso per la prima volta sullo schermo del mio computer via Zoom, il mio orologio segnava le 11 di sera. A Los Angeles, dove si trovavano Minho e tutto il cast e la troupe di Pachinko, erano le tre del pomeriggio di una giornata lunghissima, dedicata alla promozione a livello internazionale del prodotto televisivo più atteso del 20222, e iniziata forse troppo presto. Lee Minho è apparso sullo schermo, così, in pochi istanti con un semplice ma caloroso Annyeonghaseyo. Sebbene ormai da ore circolassero immagini del suo look, con i capelli un po’ più lunghi e più ricci del solito, vederlo comparire di punto in bianco in una notte di marzo sullo schermo del proprio computer lascia per qualche secondo pietrificati. Perché come ha più volte dimostrato, Lee Minho buca lo schermo al punto da sembrare avvolto da un'aura così intensa da lasciare a bocca aperta per almeno qualche secondo. Da quello che abbiamo visto durante le 8 ore di show, Pachinko è una storia epica che non vi deluderà (la nostra prima recensione la trovate qui).

Koh Hansu è un personaggio chiave nella carriera di Lee Minho. «Prima di tutto, ho sostenuto di nuovo un'audizione per la prima volta in 13 anni», ha detto l'attore sorridendo alla telecamera. «Volevo davvero questo ruolo, ho lavorato duramente per essere scritturato. In realtà, dopo tanto tempo, ho quasi dimenticato come si fa un’audizione». Soo Hugh, l'acclamata scrittrice e produttore esecutivo di Pachinko, ha confermato che «Lee Minho voleva tanto diventare Hansu ed è stato in grado di sentire il personaggio e di renderlo vivo nell'unico modo in cui possiamo immaginarlo». In una storia in cui l'unica protagonista principale è Sunja in tutte le fasi della sua vita, Koh Hansu gioca uno dei ruoli cruciali riuscendo a plasmare la vita di questa "semplice e innocente ragazza coreana”.

Conosciuto come il principe dei K-drama, Lee Minho ha iniziato il suo uno degli attori più amati della Hallyu Wave. Noto per i suoi ruoli in alcuni dei drama più romantici e apprezzati dal pubblico di tutto il mondo, da Boys Over Flowers (l'adattamento del giapponese Hana Yori Dango) al titolo di successo di Netflix The King: Eternal Monarch, Lee Minho ora si dice pronto per un cambiamento. Koh Hansu è infatti uno dei personaggi controversi della letteratura moderna. Nel romanzo, è un 34enne nato coreano, adottato da una famiglia della Yakuza - la mafia giapponese. Hansu è un uomo ricco e dispotico. Incontra Sunja in Corea quando lei ha solo sedici anni e si innamora di lei nonostante il suo matrimonio in Giappone. La vita di Hansu ha un motto ricorrente: "per avere successo, devi sapere quello che gli altri non sanno". Durante la nostra chiacchierata Lee Minho ha definito Hansu come «il punto di partenza per i prossimi dieci anni della sua carriera». Quando gli è stato chiesto dei suoi piani sui ruoli futuri che vorrebbe interpretare, l'attore ha detto: «non è che io abbia un piano concreto in questo momento su che tipo di personaggio vorrei interpretare e quando, ma ora sono nei miei trent'anni, e man mano che acquisisco più esperienza nel business penso di arrivare ad apprezzare il potere delle storie e dei racconti che possono davvero mandare un messaggio al pubblico». Come Pachinko, ha confermato sorridendo e massaggiandosi la spalla. Leggendo la sua storia, qualcuno potrebbe pensare che Koh Hansu sia il vero cattivo nell’universo di Pachinko. Ma è così? «Pachinko ha una storia molto potente e se c'è una storia così forte ora sono disposto ad accettare ogni tipo di ruolo, anche se si tratta di un cattivo» ha spiegato Lee Minho. Ma poi ha aggiunto: «se si guarda Hansu si può pensare che sia davvero un cattivo o che abbia una personalità da cattivo ragazzo. Tuttavia, se si cerca di capirlo e di andare un po' più in profondità, c'è una ragione dietro il suo linguaggio e il suo contegno. Ha una personalità molto più stratificata di quella di un semplice cattivo, ed è per questo che ho davvero cercato di esprimere tutto quello che Hansu può essere così da persuadere gli spettatori attraverso il mio approccio a Hansu».

È stata una lunga giornata per Lee Minho e tutto il cast di Pachinko. Nonostante fosse stanco - l’attore scherzando con gli addetti ai lavori presenti durante la nostra chiacchierata ha confermato, mentre lasciava la nostra sala Zoom, che la giornata era stata davvero infinita - ha continuato a sorridere e a ridere durante tutta l’intervista. Hansu è stato davvero uno dei personaggi più complicati interpretati da Lee Minho. L'Hallyu star è stata scritturata nel 2020, «e Hansu era il personaggio che era in grado di soddisfare la mia sete di provare qualcosa di nuovo». «Quando ho letto la sceneggiatura, ne sono stato davvero attratto», ha ammesso, «per me, era una storia di sopravvivenza, persone che stavano sopportando e superando momenti difficili». Per prepararsi a interpretare quello che potrebbe essere "il ruolo della sua vita", Lee Minho ha detto: «Ho cercato di trovare immagini del passato. E ho anche cercato eventi della nostra storia che non erano significativamente rappresentati nei libri di storia». «Ho anche guardato documentari che presentano persone che attraversano difficoltà e sfide e cercano di superarle».



Lee Minho non è solo un attore straordinario, ma è anche molto abile. Una delle sue caratteristiche è la sua capacità di creare alcune dei baci più belli e appassionati dell'industria di K-drama. E Pachinko non farà eccezione. L'amore "proibito" tra Hansu e Sunja regalerà ai fan di tutto il mondo alcuni momenti indimenticabili. «Penso che il bacio in questa serie sia leggermente diverso da qualsiasi altra scena d'amore che si può vedere in altri drama o film», ha ammesso sorridendo e trattenendosi dallo scoppiare in una risata. «Normalmente, quando hai questo tipo di scene, tutto è perfettamente preimpostato in modo che appaia davvero bello e piacevole sullo schermo», ha continuato «hai l'angolo perfetto, lo sfondo perfetto, per far sembrare tutto molto romantico». Ma Pachinko è diverso. Su così tanti livelli. «In questo drama, siamo gettati in mezzo alla natura, siamo in montagna o in riva all'oceano, e quindi penso di poter dire che è stato un po' più intuitivo e istintivo rispetto alle altre scene romantiche che si possono vedere in altri contenuti» ha aggiunto mentre muoveva le mani per spiegare meglio la potenza di questa storia d'amore e i sui dietro le quinte.

Dalla sua prima apparizione sullo schermo nel primo episodio, su un ponte sospeso a guardare l'oceano, si avverte come Hansu sia diventato pienamente parte della vita di Lee Minho. Si può intravedere come questo ruolo sia diventato un lato significativo di lui durante la sigla dello show, dove Lee Minho appare indossando un completo azzurro cielo e un cappello fedora che lancia alla telecamera prima di riapparire tenendo la giovane Sunja in braccio. «Non ho ballato durante l’intro», ha detto ridendo «i miei fan sanno che non so ballare affatto». E nessuno, hanno confermato il cast e la troupe, è riuscito a convincerlo a provare. «Per quanto riguarda l'approccio al personaggio, non credo di aver fatto qualcosa di significativamente diverso dai miei lavori passati», ha detto Lee Minho. «Hansu è un personaggio molto più completo e realistico rispetto ad alcuni di quelli che ho interpretato prima». Parlando dei ruoli passati, l'attore ha detto: «Penso che in passato i miei personaggi fossero un po' più patinati e fantasiosi, quindi questa è la differenza principale. Quindi questa volta ho cercato di ritrarre davvero l'autenticità e mi sono concentrato sull'essere più autentico». «Questa esperienza di interpretare Hansu è stata un'emozione davvero liberatoria per me», ha continuato «Mi sono sentito molto libero di ritrarre Hansu, e nel processo, è stata un'opportunità per me di imparare molto». «Penso che questa sia stata davvero una grande esperienza per me come attore perché sono stato in grado di provare a capire ed esprimere emozioni che oggi non si possono davvero provare», ha concluso «e anche tutti i personaggi di questa storia, incluso Hansu, stanno solo cercando di sopravvivere e ognuno di loro ha il suo personale metodo di sopravvivenza, ed è stato molto stimolante per me».

Concludendo la nostra intervista, ho chiesto a Lee Minho di descrivere in una parola Pachinko. «Oh, è complicato... Mi hai fatto una domanda difficile» ha affermato ridendo mentre io mi scusavo e ridevo allo stesso tempo. Ma poi si è deciso: «Penso che la parola di Pachinko potrebbe essere generazione. Generazionale». E non potremmo essere più d'accordo.

I più letti