Maneskin
Francis Delacroix
Maneskin
Musica

I Maneskin sono la voce del rock nel mondo

Dall'Eurofestival, al duetto con Iggy Pop, al concerto di Las Vegas prima dei Rolling Stones: le ragioni di un'ascesa senza precedenti nella storia della musica italiana

Una cosa è certa: quello che sta succedendo ai Maneskin è un unicum nella storia delle rock band italiane. Il 2021 della band romana parla da solo: la vittoria al Festival di Sanremo, il trionfo all'Eurofestival, le centinaia di milioni di clic sulle piattaforme steaming, il duetto con Iggy Pop e poi l'apertura del concerto dei Rolling Stones a Las Vegas con Mick Jagger che li ringrazia dal palco nel mezzo dello show delle pietre rotolanti.

Mai una rock band italiana era arrivata a tanto, mai una rock band italiana aveva ottenuto tanto credito sui palcoscenici internazionali, mai una rock band italiana se l'era davvero giocata alla pari con più blasonati colleghi internazionali. Basti dire che Little Steven, uno dei leggendari musicisti della E Street Band di Springsteen, ha dichiarato che "i Maneskin stanno riportando a galla il rock e lo stanno facendo da soli".

Piacciono a molti in tutto il mondo i Maneskin, tranne che agli invidiosi di casa nostra, quelli che non sanno gioire dei successi altrui e che non accettano l'idea che questi poco più che ventenni romani stiano tagliando traguardi inimmaginabili. Al di là di questo, il successo dei Maneskin è sicuramente da ricercare nella musica, nel modo di scrivere e interpretare il rock and roll. Ma andando oltre, i Maneskin sono anche una reazione a un contesto musicale contemporaneo fatto di artisti "piccoli", di campioni dell'autotune o di dischi infarciti di patetici featuring messi lì tanto per fare numero. In un contesto di musica finta, fatta più con il pc che con gli strumenti, i Maneskin emergono come dei giganti. Che sanno suonare, che sanno stare su un palco e fare spettacolo. Ma c'è anche altro: nella loro immagine, nel modo fluido di porsi i Maneskin sono uno specchio in cui la generazione dei loro coetanei si riconosce. Non sono strani né eccentrici, semplicemente figli autentici di questo tempo.

La loro Zitti e buoni è diventata una sorta di inno generazionale che travalica i nostri confini perché emana l'energia di quattro ragazzi che credono in quello che fanno. Zitti e buoni ha cambiato volto alle classifiche mondiali, rimettendo al centro la musica suonata, unico antidoto alla noia sconsolante della trap. I Maneskin possono piacere o meno, ma sono autentici, suonano autentici. E hanno personalità. Non è un dettaglio in un contesto musicale ripiegato su se stesso, triste e infarcito di luoghi comuni. Come se bastasse mettersi il cappuccio di una felpa in testa e cantare presunte storie di vita da strada per definirsi un artista. I Maneskin in strada hanno iniziato, suonando per le vie di Roma. SUONANDO, per l'appunto.

E soprattutto hanno rotto l'incantesimo della musica generazionale. E, infatti, caso unico in questo tempi, piacciono agli over 40 ed anche agli adolescentii. Un crossover anagrafico che quasi nessun artista di oggi riesce a realizzare, soprattutto in Italia, dove il grado di separazione tra la musica per "bambini" e quella per adulti è stratificato e incrollabile. Non era mai successo che una rock band italiana piacesse così tanto al pubblico internazionale. Con i Maneskin è accaduto perché oggi la musica, grazie allo streaming e ai social, arriva a tutti nello stesso momento in ogni angolo del mondo, ma anche perché i Maneskin hanno una manciata di pezzi che oggettivamente "spaccano". Dovrebbero farsene una ragione anche quelli che preventivamente hanno deciso che non meritano quel che hanno…

Ti potrebbe piacere anche

I più letti